Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 26/2016

2 luglio 2016

Eduard von Grützner: il “sommo” pittore di monaci e birra

Eduard von Grützner: il “sommo” pittore di monaci e birra


 

Eduard Theodor Ritter von Grützner è di certo il pittore più famoso per i dipinti che ritraggono monaci e birra. Nato nel  1846 in una famiglia contadina in una piccola comunità dell’attuale Polonia, ma grazie alle sue innate doti artistiche riuscì ad iniziare gli studi al ginnasio di Neisse per poi proseguire la formazione in una scuola privata.

.

Grutzner1

Grutzner3.png

.

Nel 1870 decise di trasferirsi a Munich per avviare una propria bottega di pittura. Per l’artista fu un momento molto profilico e la sua reputazione aumentò rapidamente tra i suoi contemporanei. Si avvicinò, in particolare, alle rappresentazioni di genere religioso. Grutzner durante la sua permanenza in città si appassionò molto alla birra e visitò numerosi monasteri della Germania.  Entrò così in contatto con numerosi monaci che conducevano attività di produzione della birra e trasse l’ispirazione per dipingere una  serie di quadri dove i monaci-birrai sono immortalati in momenti di lavoro, di svago e di riposo.

.

Grutzner2

Grutzner6

.

Grazie ai suoi dipinti è possibile studiare e comprendere molti aspetti della produzione e delle modalità di consumo della birra del tempo, tanto che le sue opere possono essere considerate una vera e propria testimonianza storica e realistica della tradizione legata a questa bevanda. Tra queste, vi riporpongo una selezione dei quadri che ritengo maggiormente significativi, ma vi invito a condurre una ricerca di approfondimento.

.

Grutzner5

.

Dopo una lunga carriera in cui gli aspetti religiosi propri dell’Europa ebbero un ruolo predominante nella cultura di von Grützner, in maturità si avvicinò alla cultura ed alla filosofia giapponese e stupiscono le sue opere in cui sono ritratte anche figure del Buddha.  Morì alla soglia degli 80 anni nella città di Munich, ma la sua popolarità, legata in particolare alla birra, non è mai venuta meno negli appassionati d’arte del continente europeo.

Massimo Prandi
Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso “Mastro birraio” di Torino) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, da qualche mese ho avviato un mio blog dedicato al vino
www.enologoin500.it, nel quale racconto dei vini, delle cantine e dei magnifici luoghi di Langhe e Roero, in cui ho il privilegio di vivere, in compagnia della mia vecchia Fiat 500 L gialla!