Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 47/2016

25 novembre 2016

BEVI CHE TI BASSA: ode alle basse fermentazioni!

BEVI CHE TI BASSA: ode alle basse fermentazioni!


 

In occasione del November Deutsche FEST, il birrificio la Piazza di Torino, nella serata di lunedì 21 novembre,  ha scelto di radunare le sue “sei sorelle” firmate dal Mastro birraio Riccardo Miscioscia, in linea con lo stile.

Ad accompagnare le bevute un gustoso buffet prodotto dal ristorante omonimo, che ha visto l’ accostamento dei principali piatti da Ocktober Fest (brastwurst, bretzel, alette di pollo) e qualche punta di diamante della cucina di casa, come i muffin salati al gorgonzola e birra.

.

20161121_191819

.

I partecipanti, numerosissimi, hanno potuto godersi alla spina una straordinaria “Chagall”, la Dopple Bock limpida ma densa e corposa, al naso ed in bocca ha il sapore dolce del malto e persistente di frutta rossa e caramello; il tenore alcolico è stemperato da un profumo morbido ed a suo modo fruttato.

Gli amanti delle bionde hanno sicuramente  esultato per la “Hell Dorada”, chiara e leggera, dal sentore floreale, beverina, ideale per una bevuta pomeridiana o una coccola post ufficio.

.

20161121_194454

.

Per chi predilige invece l’ amarognolo è il turno della “Jasper”, sia nella sua versione classica, che vede protagonisti i luppoli sincoe, cascade amarillo e columbus, sia harvest, con i luppoli freschi di Italian Hops company.

Il pubblico ha accolto di buon grado la “Keller Plazt  Marzen”, la nuova arrivata in casa La Piazza. Un ingresso, in tutti i sensi, che lascia un po’ di sorpresa in bocca con dei sapori di mela verde e succo di pera, poi lascia spazio ai cereali e alla crosta di pane.

.

20161121_194439

.

Mentre i degustatori più naif, amanti dello stile, avranno trovato soddisfazione nella “Smoking Rauch”, una bella morsicata di scamorza e speck e poi una bocca bella pulita.

Ospite della serata, perfettamente azzeccata per stile, carattere e provenzienza, la “ Meinel  Brau Classi Pils”, servita a caduta da fusto.

.

20161121_194300

.

Una frizzantezza perfettamente azzeccata che stuzzica il palato senza risultare eccessiva, una luppolatura delicata con una secchezza nel finale che chiude il sorso come un punto e a capo. Schietta e decisa come uno schiaffo, straordinaria nella sua semplicità, quasi a ricordarci che “basse” non significa per forza birre di serie B.

Francesca Sferrazza Papa
Info autore

Francesca Sferrazza Papa

Torinese di adozione, siciliana di origine, sono nata di venerdì 17, ed è sempre stata la mia fortuna.
Con qualche ritardo dovuto ad attività lavorative di vario genere (spesso volontarie), esperienze di fuga all’ estero e scappatelle di gioventù, mi sono laureata in “Scienze della Comunicazione”, indirizzo multimediale. Per oltre dieci anni ho scritto per giornali sportivi, dapprima on line e poi su carta stampata, fino a diventare caporedattrice e responsabile marketing di un settimanale regionale (ei fu).
Ho lavorato a lungo come commerciale in vari settori: editoria, risorse umane, informatica. Attualmente aiuto un’ amica nella gestione di un locale per bambini e famiglie, con l’ obiettivo di implementarne le attività e introdurre aspetti originali, tra cui la presenza di birre artigianali abbinate alla cucina.
Tra le mie passioni vi sono la musica, i viaggi, il calcio, la bici e ovviamente le birre. Ho persino chiamato il mio gatto “Birra”, ambrata per la precisione (è un rossiccio, razza europea, faccia da furbetto, potrebbe trattarsi di una Doppelbock).
La mia passione per le birre artigianali è nata qualche anno fa in quel di Piozzo. Da allora è stato un crescendo di ricerca e affinamento, che mi ha portato l’ anno scorso a frequentare il corso di degustatrce professionale e conseguire l’ attestato, dopo un esame tutt’ altro che innocuo.
Parallelamente ho iniziato a viaggiare per birre, fino quasi ad organizzare i miei viaggi in funzione di queste. Belgio, Repubblica Ceca, Franconia…solo alcune delle ultime tappe. Ma non trascuriamo l’ Italia, i weekend tematici in occasione di eventi birrari, le ricerche sul territorio.
Oggi vorrei approfondire maggiormente l’ aspetto dell’abbinamento cibo-birra, del resto la cucina è l’ ultima scoperta tra le mie passioni.