Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 23/2017

8 giugno 2017

Che festa il Birra del Borgo Day!

Che festa il Birra del Borgo Day!


 

Dal primo al quattro giugno scorsi si è svolto il Birra del Borgo Day 2017, festa dedicata al dodicesimo anniversario del birrificio laziale.

Nell’area della Villa Comunale di Borgorose (RI) è stato allestito un immenso locale all’aria aperta dove poter degustare circa 130 differenti birre alla spina da accompagnare a gustosi cibi. I banchi delle spine erano situati anche a Spedino, sede del nuovo birrificio, all’interno di Bancone, uno dei locali targati Birra del Borgo e a Collerosso, a soli 800 metri dalla Villa Comunale, dove era attrezzata anche una sala degustazione per i laboratori che hanno animato i quattro giorni di festa.

.

.

Ogni giorno è stato possibile effettuare visite guidate all’interno del nuovo birrificio di Spedino, i più fortunatihanno avuto l’occasione di avere come guida Leonardo Di Vincenzo in persona. Imponenti i nuovi tini di ammostamento, ma ancor più stupefacente è la parte dedicata all’invecchiamento in botte e in anfora. All’interno fanno bella mostra una decina di anfore da otto ettolitri l’una e numerose botti in legno dedicate all’affinamento di Caos, Equilibrista e di Sedicigradi.

Quotidiani anche gli appuntamenti con i laboratori nel vecchio birrificio di Collerosso dedicati agli abbinamenti cibo-birra e sulle relazioni pericolose tra birra e vino. Molto interessante quest’ultimo, con in degustazione quattro birre di casa: Lisa, la prima birra in lattina firmata Birra del Borgo, L’equilibrista, Etrusca e Sedicigradi a confronto rispettivamente con un LambruscoFontana dei Boschi, un Franciacorta Dosaggio Zero Arcari + Danesi, Ribolla Gialla Anfora 2008 Gravner e con ilVecchio Samperi tradizionale Marsala non fortificato dell’azienda Marco De Bartoli.

.

.

All’interno del parco della Villa comunale degna di nota la selezione dedicata al cibo con le pizze e gli hamburger con carne di fassona piemontese preparate da Gabriele Bonci, i Trapizzini di Stefano Callegari, la selezione di formaggi del Caseificio Campo Felice della provincia de L’Aquila, mentre i Borgo guys offrivano gustosi arrosticini e panini con salsicce grigliate. Inoltre Daniele Usai, de Il Tino di Fiumicino, proponeva dim sum alla nduja di tonno e spuma di patate affumicate;Luigi Nastri, chef del ristorante Stazione di Posta di Testaccio,uovo cacio e pepe convignarola;  Roberto Liberati, gran maestro della carne, offriva una sua interpretazione dell’asado argentino.

Ogni giornata era allietata da un concerto. Fiore all’occhiello della quattro giorni musicale è stata l’esibizione di sabato sera della Bandabardo che ha fatto scatenare, cantare e ballare tutti i presenti.

.

.

Piatto forte della festa era l’offerta dedicata alla birra. Come detto erano presenti oltre 130 birre alla spina, soprattutto italiane, ma con una selezione interessantissima estera. Tra le italiane vale la pena ricordare Montegioco con Draco e Open Mind, Mukkeller con la celeberrima HattoriHanzo, i veneziani del Birrificio del Doge con le loro impeccabili basse fermentazioni, notevoli le proposte dei birrifici laziali Turbacci e Birradamare. Uscendo dai confini italiani, tra le tante referenze, citiamo dall’Olanda De Molen, dal Regno Unito Thornbridge e dalla Nuova Zelanda Yeastie Boys con Bigmouth, una magnifica session ale con note citriche e di vino bianco.

Presenti tutte le referenze di Birra del Borgo Per le birre di casa segnaliamo in forma strepitosa la oysterstout Perle ai Porci prodotta con ostriche e telline che donano alla birra note minerali e sapide, la classicissima ReAle con il suo mix di luppoli esplosivo e una superba e delicatissima Fragus, birra con aggiunta di fragole fresche in fermentazione. Nota di merito anche per BdBbi(g)bodyIBU, birra ambrata da cento IBU dall’amaro prepotente ma ben bilanciata grazie alla mano sapiente del birraio.

Andrea Gattini
Info autore

Andrea Gattini

Sono nato il 23 Novembre 1979 a Carrara (MS) e vivo da sempre ad Avenza una frazione di Carrara. Ho conseguito il diploma di maturità scientifica.

La mia passione per la birra è nata parecchi anni fa. Inizialmente con una collezione di sottobicchieri di ogni marca di birra (ad oggi ne ho più di trecento), ma per motivi di spazio sto rallentando la raccolta. Grazie al gemellaggio pluritrentennale della mia città natale con Ingolstadt in Baviera, visto che ogni fine estate viene organizzata una festa della birra in stile Oktoberfest, questa mia passione non poteva che aumentare. Negli ultimi tempi sto inziando a collezionare bottiglie vuote di birra artigianale e bicchieri da birra. Ho pinte nonic, masskrug sia in vetro che in ceramica, weizenglass, teku, coppe trappiste, tulipani e calici a chiudere.

Con il tempo ho imparato a conoscere ed apprezzare meglio questa antichissima bevanda grazie ad un corso di degustazione a cui ho partecipato. Quando mi è possibile insieme alla mia compagna di vita Francesca partecipo ad eventi Slow Food e mi diletto, ove possibile, a visitare birrifici artigianali sparsi un po’ in tutta Italia. Cerco sempre di inserire nei miei viaggi qualche meta a sfondo birrario.

Non sono un esperto che può esibire certificati, sono semplicemente uno dei tanti consumatori pieno di passione per la birra che non smette mai di imparare e scoprire nuove notizie in ambito birrario e quando può cerca di divulgare il buon bere. Amo molto la cucina e mi piace sperimentare nuovi abbinamenti gastronomici con la birra.

Non sono un homebrewer, la birra preferisco berla!

Mi piace molto leggere libri gialli o thriller, tra i miei autori preferiti ci sono Camilleri, Follet e Malvaldi. Altra vera passione è il calcio, sono tifosissimo della squadra più bella che ci sia al mondo: ovvero la Fiorentina (vi avviso, in questo campo non riesco ad essere molto sportivo). Tra gli sport mi piacciono anche il ciclismo e il basket.

Spero che possiate appassionarvi ai contributi che ho pubblicato e produrrò su giornaledellabirra.it!

Aspetto i vostri suggerimenti e anche le vostre critiche e se avete dei dubbi o curiosità su qualcosa che ho scritto non esitate a contattarti tramite mail!

Prosit!