Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 24/2017

15 giugno 2017

È tutto pronto per C’è Fermento

È tutto pronto per C’è Fermento


 

Manca poco all’inizio dell’ottava edizione di C’è Fermento, salone della birra artigianale a cura della Fondazione Amleto Bertoni, in collaborazione con la Città di Saluzzo e la Condotta Slow Food del Marchesato. La manifestazione quest’anno si svolgerà dal 22 al 25 Giugno 2017, come sempre, all’interno dei Cortili della ex Caserma Musso a Saluzzo in piazza Montebello 1.

.

.

 

La novità più importante di questa edizione sarà la giornata in più di salone rispetto alle canoniche tre degli anni passati, in modo che i visitatori possano degustare davvero tutte le birre proposte dai venti birrifici presenti e tutte le leccornie gastronomiche cucinate dai nove stand dedicati al cibo. Altra importante novità sarà il bicchiere con cui sarà possibile bere le birre: un ballon d’ispirazione belga griffato C’è Fermento nato dalla collaborazione con VD Glass e adatto a degustare tutte le tipologie di birre.

Come detto in precedenza, saranno ben venti i birrifici protagonisti del salone. La parte del leone la farà, come di consueto il Piemonte, che schiererà i padroni di casa del Birrificio della Granda e di Pausa Cafè, Kauss, Troll, Baladin, Antagonisti, Elvo, Croce di Malto, Trunasse,StaBräu, Beba, Canediguerra e le new entries Birrificio Nicese, Beertola, Kamun e Frè. Inoltre sarà possibile trovare le birre del mastro birraio Donato Di Palma del birrificio pugliese Birranova, dal Veneto il pluripremiato birrificio CR\AK, dalla Liguria Nadir e l’immancabile duo genovese di MaltusFaber, dalla Toscana arriverà il Birrificio del Forte con le creazioni del mastro birraio Francesco Mancini.

 

.

.

 

Se i birrifici presenti sono da standing ovation, il cibo non è da meno. Saranno presenti dalle Marche il team dell’Ape Scottadito con arrosticini e olive ascolane, i ragazzi di Beerstro con il fritto di mare dell’Emilia Romagna, Quelli della Bombetta con la mitica bombetta pugliese. Dall’astigiano si potranno gustare i primi e le piadine rivisitate in chiave piemontese di Stra Good, le carni cotte alla brace de La cucina del Troll, i piatti dell’Officina Antagonisti, le pizze della pizzeria saluzzese Rododendro, le crepes dolci e salate dell’Antica Locanda del Monviso e gli immancabili ragazzi di M**Bun con i loro hamburger di fassona piemontese.

A C’è Fermento non può mancare la musica: i giorni di festa saranno allietati dalle performance dal vivo di Rumba de Bodas, Free Shots, Vagamente Retrò e i The Sweet Life Society.

Maggiori informazioni sull’evento: www.cefermento.fondazionebertoni.it

Andrea Gattini
Info autore

Andrea Gattini

Sono nato il 23 Novembre 1979 a Carrara (MS) e vivo da sempre ad Avenza una frazione di Carrara. Ho conseguito il diploma di maturità scientifica.

La mia passione per la birra è nata parecchi anni fa. Inizialmente con una collezione di sottobicchieri di ogni marca di birra (ad oggi ne ho più di trecento), ma per motivi di spazio sto rallentando la raccolta. Grazie al gemellaggio pluritrentennale della mia città natale con Ingolstadt in Baviera, visto che ogni fine estate viene organizzata una festa della birra in stile Oktoberfest, questa mia passione non poteva che aumentare. Negli ultimi tempi sto inziando a collezionare bottiglie vuote di birra artigianale e bicchieri da birra. Ho pinte nonic, masskrug sia in vetro che in ceramica, weizenglass, teku, coppe trappiste, tulipani e calici a chiudere.

Con il tempo ho imparato a conoscere ed apprezzare meglio questa antichissima bevanda grazie ad un corso di degustazione a cui ho partecipato. Quando mi è possibile insieme alla mia compagna di vita Francesca partecipo ad eventi Slow Food e mi diletto, ove possibile, a visitare birrifici artigianali sparsi un po’ in tutta Italia. Cerco sempre di inserire nei miei viaggi qualche meta a sfondo birrario.

Non sono un esperto che può esibire certificati, sono semplicemente uno dei tanti consumatori pieno di passione per la birra che non smette mai di imparare e scoprire nuove notizie in ambito birrario e quando può cerca di divulgare il buon bere. Amo molto la cucina e mi piace sperimentare nuovi abbinamenti gastronomici con la birra.

Non sono un homebrewer, la birra preferisco berla!

Mi piace molto leggere libri gialli o thriller, tra i miei autori preferiti ci sono Camilleri, Follet e Malvaldi. Altra vera passione è il calcio, sono tifosissimo della squadra più bella che ci sia al mondo: ovvero la Fiorentina (vi avviso, in questo campo non riesco ad essere molto sportivo). Tra gli sport mi piacciono anche il ciclismo e il basket.

Spero che possiate appassionarvi ai contributi che ho pubblicato e produrrò su giornaledellabirra.it!

Aspetto i vostri suggerimenti e anche le vostre critiche e se avete dei dubbi o curiosità su qualcosa che ho scritto non esitate a contattarti tramite mail!

Prosit!