Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 07/2017

16 febbraio 2017

Beer-tour a Praga: indirizzi e consigli per una visita alla capitale boema!

Beer-tour a Praga: indirizzi e consigli per una visita alla capitale boema!


 

Repubblica Ceca, una delle nazioni storiche della geografia birraria.

Praga, una delle capitali artisticamente più interessanti del Vecchio Continente, nonché una delle mete più intriganti dal punto di vista brassicolo.

Se avete in mente quindi di fare un salto nella capitale boema, sappiate che di buona birra ne scorre davvero a fiumi! Nella vicina Plzen venne alla luce uno degli stili di birra più importanti e conosciuti al mondo, quello delle bohemian pilsner.

Tutti noi, me per primo, ne ha conosciuto solo un lontanissimo parente bevendo l’interpretazione di questo stile dei birrifici industriali. Filtrate, pastorizzate, scialbe e senza cuore. Le vere pils boeme invece hanno un’anima e il cuore pulsante che vi faranno innamorare di loro.

La storica Pilsner Urquell a Praga (in buona parte dei casi) è servita nella versione non filtrata e non pastorizzata. Il vostro viaggio a Praga, quindi, non può non partire dalla storica locanda tanto amata dallo scrittore praghese Hrabal: U Zlatého Tygra (Husova 228/17). La tigre d’oro campeggia davanti alla porta di questo storico locale. Centralissimo, davvero a due passi dal famoso orologio astronomico, apre le sue porte verso le 15: vi consiglio di recarvi sul presto perché si riempie quasi immediatamente.

.

.

Varcata la soglia entrerete in un mondo lontanissimo dal nostro modo di intendere birra. Tavoli sociali, zero menu per ordinare e appena accomodati vi arriverà subito un bel boccale di Urquell appena spillata, e via la prima tacca di una lunga serie. In molti locali praghesi infatti, ogni tacca corrisponde ad una birra consumata. Non spaventatevi se al termine del vostro soggiorno in un locale le tacche saranno una decina. La birra è ottima, evapora via velocemente e cosa non meno importante costa davvero poco, rispetto agli standard italiani.

Ora che avete provato una vera pilsner boema, potete lasciarvi sedurre da un altro stile storico ben radicato in questa zona, le Tmavý, birre scure simili alle schwartz e dunkel tedesche. La regina incontrastata di questo stile a Praga è senza dubbio quella di U Fleků, locale storico (e ormai meta turistica) che si trova a Křemencova 11. Merita una visita e una cena a base di gulasch e formaggi tipici. Qui il sistema è lo stesso: tavoli sociali e boccali di questa splendida birra scura che arrivano senza averli ordinati.

.

.

Ritornando in zona Piazza della Città Vecchia, vi consiglio di fare un salto per cena a U Tří růží, bella locanda disposta su due piani, dove al piano terra potete ammirare anche l’impianto di produzioni delle birre disponibili. Sei le tipologie di birra presenti generalmente, di cui 4 fisse e altre 2 variabili. Vi consiglio di provare soprattutto la loro versione di Tmavý in abbinamento ad uno schnitzel!

.

.

Dislocato un po’ più lontano dal centralissimo locale delle tre rose, mi sento di consigliarvi di fare un salto da Vinohradský Pivovar, un vero e proprio brewpub di recente apertura, molto minimale nell’arredamento. Cibo buono e tre birre disponibili, prodotte proprio nell’impianto al piano inferiore. Sempre in zona, a poche fermate di metro potrete trovare due locali che si distaccano completamente dalle storiche concezioni della birra boema.

.

.

 

Già il nome, Beergeek, fa intendere che vi troverete di fronte ad un locale, due in verità (uno è un beershop e l’altro è un locale con ben 32 vie), molto incentrato sui nomi moderni. Presenti sia microbirrifici cechi che interpretano stili più modaioli come IPA, Imperial IPA e Imperial Stout, sia i principali attori della scena brassicola europea. Anche come prezzi siamo leggermente sopra gli standard cechi, ma decisamente sotto rispetto alle stesse birre sugli scaffali dei beershop italiani. Insomma se siete a Praga e vi manca proprio una IPA, avete due locali dove sicuramente troverete ciò che cercate.

Altri indirizzi validi sono Prague Beer Museum (Americká 341/43 – Dlouhá 46), U Medvídků (Na Perštýně 345/7), U Černého Vola (Loretánské náměstí 107/1) e Klášterní Pivovar Strahov (Strahovské nádvoří 301/10).

Insomma a Praga da bere e visitare ce n’è per tutti i gusti, ma non scordatevi di girarla anche come semplici turisti, è una città magnifica!

Giuseppe Triggiani
Info autore

Giuseppe Triggiani

Classe 86, pugliese, precisamente vivo in Capitanata.
La scintilla per la birra artigianale scocca diversi anni or sono, dopo aver assaggiato una birra belga, e da allora il modo di fare birra belga mi è rimasto nel cuore.
Col tempo la passione mi travolto totalmente portandomi a fondare il blog Diario Birroso, una sorta di taccuino di appunti di viaggio presi durante le traversate nel mare della birra artigianale. Sul blog parlo di bevute singole, di viaggi, di festival e di tutto ció che gravita attorno a questo mondo. Collaboro, inoltre, con MoBi per la “Guida MoBi ai locali birrari” e scrivo di birra per lo shop online Portale Birra.

Stile preferito: tripel.