Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 22/2017

1 giugno 2017

Monpiër: birra artigianale della Val Gardena

Monpiër: birra artigianale della Val Gardena


 

Una delle sensazioni che si hanno arrivando in Val Gardena – e in molte altre località turistiche, del resto – fuori stagione è quella di trovare un po’ il deserto: pochi abitanti, buona parte delle attività commerciali chiuse. A Ortisei però c’è un locale che ha come propria filosofia quella di essere non solo per i turisti ma anche per i gardenesi, rimanendo aperto tutto l’anno: è La Betüla  (“La bettola” in ladino) con l’annesso birrificio Monpiër (“ancora una birra”), inaugurati alle 11.11 dello scorso 11.11 (numero che, hanno dichiarato i fondatori, porta loro fortuna).

.

.

 

Locale e birrificio sono nati dall’iniziativa di Carmelo Li Pomi, Tobia Moroder, Jan Piazza e Diego Perathoner  (che in quanto artista ha curato anche gli arredi); mentre in sala cottura c’è Thomas Senoner, formatosi come Mastro Birraio a Pollenzo, nonché come biersommelier alla Doemens Akademie insieme a Carmelo. “Abbiamo voluto rispondere a quella che ci sembrava un’esigenza sentita soprattutto dai giovani locali, ossia quella di avere un luogo di ritrovo e di socializzazione aperto tutto l’anno – spiegano –; dove non solo bere una birra, ma anche mangiare, ascoltare buona musica, stare insieme, o anche partecipare ad eventi culturali”. Così è nato La Betüla, arredamento vintage e due grandi tank in rame sopra alle spine.

Sono tre al momento le birre prodotte, che prendono il nome dalle cime della valle con le relative altitudini: la ale chiara Sasplat 2969, la weizenMeisules 3152, e la ale ambrata Odles 3025. La Sasplat, ci ha spiegato Thomas, “è una alta fermentazione, ma con l’utilizzo di un lievito neutro e il controllo della temperatura di fermentazione ho cercato di ottenere un profilo simile a quello delle lager tedesche”: e in effetti è una birra che all’aroma ricorda l’eleganza delle hell tedesche, con profumi tra il fruttato e il floreale del luppolosaphir – usato in tutte le birre Monpiër – e un corpo snello e fresco, con leggerissime note di miele, ma un finale secco e netto.

.

.

 

Volutamente fuori tradizione invece la Meisules, weizen assai insolita che i vece dei caratteristici aromi di banana e di frutta matura presenta toni più agrumati, con un deciso finale citrico – anche qui è ben percepibile il saphir. Da ultimo la Odles, ambrata dai classici toni tra il tostato e il caramello, con note di nocciola sul finale.

Ad accompagnare le birre, come dicevamo, c’è poi la cucina, che offre anche alcune preparazioni alla birra: una zuppa, la salsa con cui accompagnare le costicine di maiale ed altre carni, fino al birramisù – fatto con la Odles, non con una stout come da consuetudine: anche questa una particolarità da segnalare.

La prossima sfida che si pone per il Monpiër e la Betüla è indubbiamente quello della prima stagione estiva: e sicuramente, con tutti gli spettacolari itinerari escursionistici ed alpinistici che ci sono in zona, di gente assetata ce ne sarà …

Maggiori informazioni sul Birrificio Monpiër al seguente link: www.monpier.it

Chiara Andreola
Info autore

Chiara Andreola

Veneta di nascita e friulana d’adozione, dopo la scuola di giornalismo a Milano ho lavorato a Roma – dove nel 2009 ho conseguito il titolo di giornalista professionista – e a Bruxelles al DG Comunicazione della Commissione Europea. Lì sono iniziati i miei primi timidi approcci con la birra, tra cui la storica Bush de Noel che ha finito per mettere il sigillo definitivo alla storia d’amore tra me e il mio futuro marito – e già da lì si era capito che una storia d’amore era nata anche tra me e la birra. Approdata a Udine per seguire appunto il marito, qui ho iniziato ad approfondire la mia passione per la birra artigianale grazie al rapporto in prima persona con i birrai – sia della regione che più al largo – e i corsi di degustazione tenuti dal prof. Buiatti all’Università di Udine; così dal 2013 il mio blog è interamente dedicato a questo tema con recensioni delle birre e resoconti delle miei visite a birrifici, partecipazioni ad eventi e degustazioni. Le mie collaborazioni con pubblicazioni di settore come Il Mondo della Birra e Nonsolobirra.net, con eventi come la Fiera della Birra Artigianale di Santa Lucia di Piave e il Cucinare di Pordenone, e la conduzione di degustazioni mi hanno portata a girare l’Italia, la Repubblica Ceca, il Belgio e la Svezia. Ora sono approdata anche al Giornale della Birra, un altro passo in questo mio continuare a coltivare la mia passione per il settore e la volontà di darvi il mio contributo tramite la mia professione.