Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana
20 marzo 2015

Donne italiane: le più assetate di birra!

Donne italiane: le più assetate di birra!

Tag:, , , , ,

Sempre più donne bevono birra, questa è il dato che emerge dall’ultima indagine di Doxa-AssoBirra “Una generazione che non si era mai vista. Donne che amano la birra”. Per la precisione 6 su 10, il più alto numero d’Europa, anche se il consumo procapite è di appena 14 litri per una fascia di età che va dai 18 ai 35 anni, mentre per il mondo maschile il consumo pro capite si attesta intorno ai 45 litri annui. Un significativo aumento rispetto a trent’anni fa quando la media era di appena 2 su 10.

 

L’associazione Assobirra ha messo al centro della sua nuova campagna promozionale “Birra io t’adoro” questo dato. Lanciata ieri a Milano, la campagna coinvolgerà vari mezzi di comunicazione come la carta stampata, i social network, Youtube e il blog diviso in tre sezioni (“Mi piace naturale”, “What’s new”, “Gossip beer”) con news, approfondimenti e curiosità sul mondo della birra, più la sezione speciale “Ci metto la testa” dedicata al consumo responsabile di alcolici. E se in Italia si punta sulla comunicazione per avvicinare il mondo femminile a quello della birra, nel Regno Unito il birrificio Purity ha pensato di creare dei bicchieri appositamente per le donne. Niente più boccali o bicchieri poco eleganti, ma dei sottili e pratici bicchieri più leggeri, adatti per mani femminili.

 

 

Il titolare del birrificio Paul Halsey spiega così la sua idea: “Puntiamo a donne fra i 20 e i 40 anni con dei bicchieri appositamente designati per le donne. Purity non fa differenze di sesso e se venite al Pure di Birmingahn vedrete molte donne che bevono birra. Una buona porzione dei miei clienti è donna.” In effetti nel Regno Unito il numero di consumatrici è raddoppiato nel giro di pochi anni, anche se solo il 31% dei bevitori è donna, e gli analisti di mercato prevedono che la percentuale di bevitrici aumenterà del 18% in Europa entro il 2020, una grossa fetta di mercato che i birrifici intendono seguire attentamente.

Giuseppe Mautone
Info autore

Giuseppe Mautone

Sono Giuseppe, 26 anni, e attualmente vivo a Perugia.

Il mio viaggio nella birra è cominciato per puro caso: una sera con amici vado a trascorrere la serata in un pub a Perugia dove noto, oltre alle marche di birra famose e “commerciali”, anche nomi poco noti. Chiedo che birre sono e mi rispondono che sono birre prodotte da microbirrifici locali. Incuriosito, decido di provarne una e scopro una differenza abissale rispetto alle classiche marche. Da lì comincia la mia curiosità verso questo nuovo mondo, quello delle birre “artigianali”.

Tutt’oggi sono a contatto quotidiano con le birre artigianali scrivendo articoli, riguardanti la birra e chi la produce, sul mio portale Birra e Birrerie. E’ stata la perfetta occasione non solo per coniugare le mie due più grandi passioni, la birra e il web, ma anche di entrare a diretto contatto con esperti del settore, birrai e semplici appassionati del buon bere. Tra questi vi sono anche gli autori di Enciclopedia della Birra, con cui condivido passione, opinioni e l’entusiamo di scrivere di birra!

La mia avventura nella birra è cominciata da poco e scopro ogni giorno cose nuove sulla birra, che non avrei mai immaginato. Ed è per questo che voglio far scoprire a tutti la bontà e i benefici di una buona birra artigianale.

Un saluto a tutti e buona birra!

Visita anche il mio portale web dedicato alla birra:
www.birraebirrerie.it