Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 07/2017

14 febbraio 2017

San Valentino a lume di birra!

San Valentino a lume di birra!


 

La festa degli innamorati, che si celebra oggi, giorno di San Valentino, non può che essere per noi amanti della birra, l’occasione per portare in tavola un menù speciale, in cui la nostra bevanda preferita sia la vera e propria regina di ogni piatto. Ecco allora alcuni consigli per una cena completa “a lume di birra”!

Filetti di aringa marinata alla Berliner Weisse

Ingredienti: 6 filetti di aringa (freschi o affumicati a piacere), un bicchiere di Berliner Weisse (consigliata quella di “Cane di Guerra”), pepe verde in grani, chiodi di garofano, 2 foglie di alloro secco, 1 cipolla, olio evo, aneto, sale e pepe qb.

Pulire i filetti di aringa e metterli in una ciotolina, aggiungere la cipolla tagliata a pezzi, le foglie di alloro, il pepe e i chiodi di garofano. Irrorare con la birra Berliner Weisse fino a ricoprirli totalmente e lasciare riposare in frigo per una notte.

Estrarre le aringhe dal liquido e disporre su un piattino. Condire con olio evo emulsionato con due cucchiai di birra Berliner weisse, sale e pepe a piacere. Si consiglia di accompagnare il piatto con crostini di pane nero abbrustoliti.

.

.

 

Aspic di tacchinella alla Golden Ale

Ingredienti: 200 gr di petto di tacchinella, 50 gr di prosciutto cotto tagliato a dadini, 50 grammi di grouviere tagliato a dadini, 3 noci, 1 carota, 1 zucchina, 1 patata, 2 cucchiai di maionese, 1 bustina di gelatina istantanea, 33 cl di birra Golden le (consigliata la “S. Peter’ s”).

Far bollire il petto di tacchinella. Quando sarà cotto far raffreddare e tagliare a striscioline sottili. Far bollire a parte le zucchine, le patate e le carote tagliate a dadini. Scolare e unire in una terrina le verdure, la tacchinella, il prosciutto cotto e il formaggio. Sbriciolare le noci e aggiungerle con i cucchiai di maionese. Mescolare il tutto e salare a piacere. Far scaldare la birra in un pentolino e aggiungere la busta di gelatina. Mescolare bene fino a quando il liquido assumerà una consistenza collosa. Versare la metà del liquido in uno stampino da aspic e aggiungere il composto di tacchinella e verdure. Ricoprire con la parte di liquido rimanente far raffreddare in frigo per circa 3 ore. Servire tagliando l’ aspic a fette, preferibilmente accompagnato da sfogliatine salate.

.

.

Tagliolini con carciofi e gamberetti alla Apa

Ingredienti: 200 gr di tagliolini freschi, 200 gr di gamberetti sgusciati, 2 carciofi, 1 scalogno, 1 spicchio di aglio, 20 ml di birra Apa (consigliata la Aster del “Birrificio Pinerolese”), olio evo, sale e pepe bianco.

Pulire i carciofi, tagliarli a striscioline sottili e far appassire in padella con lo scalogno finemente tagliato e olio evo. In un padellino a parte far soffriggere lo spicchio di aglio e aggiungere i gamberetti sgusciati. Sfumare con la birra APA e far cuocere per 3 minuti. Aggiungere i carciofi a metà cottura e terminare la cottura aggiungendo la birra rimanente, sale e pepe bianco. Far cuocere i tagliolini e far saltare il tutto in un salta pasta.

.

.

 

Zuppetta di pesce alla pils

150 gr di cozze sgusciate, 80 gr di vongole veraci, 100 gr di mazzancolle, 150 gr di filetti di gallinella, 100 gr. di moscardini, 2 spicchi di aglio, 1 sedano, 1 carota, 1 cipolla, concentrato di pomodoro, un filetto di pesce bianco, 500 ml di birra Pils (si consiglia quella di Elvo), erba cipollina, olio evo, pepe e sale qb.

Far bollire il filetto di pesce bianco e conservare il brodo. Soffriggere sedano carote e cipolla con quattro cucchiai di olio extra vergine di oliva, aggiungere poi i gusci delle mazzancolle e qualche scampo tagliato a pezzettini e far rosolare, quando i carapaci assumeranno un colorito rossastro aggiungere due manciate di riso crudo mescolare per qualche secondo poi aggiungere due cucchiai di concentrato di pomodoro e dopo qualche minuto versare mezzo litro di birra e il brodo di pesce precedentemente preparato. Fr cuocere per un ora circa. In una casseruola a parte far soffriggere i due spicchi di aglio tritati con olio evo. Aggiungere i filetti gallinella, le mazzancolle sfumare con la birra e aggiungere la bisque di crostaceo precedentemente preparata. Dopo qualche minuto aggiungere le cozze e le veraci precedentemente sgusciate. Ultimare la cottura aggiustando di sale di pepe e del prezzemolo tritato. Completare con un filo di olio evo e guarnire con erba cipollina.

.

.

Tortino con cuore morbido al cioccolato fondente e birra

Ingredienti: 100 gr di cioccolato fondente, 90 gr di burro, 80 gr di zucchero, 2 uova, 20 gr di farina 00, cacao in polvere amaro, zucchero a velo, 10 ml di Dark Strong Ale (consigliata la Black Lullaby di “Retorto”).

.

 

In un pentolino antiaderente con il fondo spesso far sciogliere il burro e il cioccolato fondente a fuoco basso. Aggiungere lo zucchero e poi uno alla volta le uova. Mescolare e far amalgamare bene il composto. Aggiungere la birra e infine la farina. Imburrate gli stampini di alluminio e riempiteli con il composto fino a poco più di metà. Mettere i tortini in freezer per circa un’ ora. Cuocere in forno ventilato a 200 ° per circa 15 minuti. Il tortino dovrà avere una crosta esterna ma consistenza budinosa. Guarnite con zucchero a velo e servire caldo.

Francesca Sferrazza Papa
Info autore

Francesca Sferrazza Papa

Torinese di adozione, siciliana di origine, sono nata di venerdì 17, ed è sempre stata la mia fortuna.
Con qualche ritardo dovuto ad attività lavorative di vario genere (spesso volontarie), esperienze di fuga all’ estero e scappatelle di gioventù, mi sono laureata in “Scienze della Comunicazione”, indirizzo multimediale. Per oltre dieci anni ho scritto per giornali sportivi, dapprima on line e poi su carta stampata, fino a diventare caporedattrice e responsabile marketing di un settimanale regionale (ei fu).
Ho lavorato a lungo come commerciale in vari settori: editoria, risorse umane, informatica. Attualmente aiuto un’ amica nella gestione di un locale per bambini e famiglie, con l’ obiettivo di implementarne le attività e introdurre aspetti originali, tra cui la presenza di birre artigianali abbinate alla cucina.
Tra le mie passioni vi sono la musica, i viaggi, il calcio, la bici e ovviamente le birre. Ho persino chiamato il mio gatto “Birra”, ambrata per la precisione (è un rossiccio, razza europea, faccia da furbetto, potrebbe trattarsi di una Doppelbock).
La mia passione per le birre artigianali è nata qualche anno fa in quel di Piozzo. Da allora è stato un crescendo di ricerca e affinamento, che mi ha portato l’ anno scorso a frequentare il corso di degustatrce professionale e conseguire l’ attestato, dopo un esame tutt’ altro che innocuo.
Parallelamente ho iniziato a viaggiare per birre, fino quasi ad organizzare i miei viaggi in funzione di queste. Belgio, Repubblica Ceca, Franconia…solo alcune delle ultime tappe. Ma non trascuriamo l’ Italia, i weekend tematici in occasione di eventi birrari, le ricerche sul territorio.
Oggi vorrei approfondire maggiormente l’ aspetto dell’abbinamento cibo-birra, del resto la cucina è l’ ultima scoperta tra le mie passioni.