Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 23/2017

5 giugno 2017

Birra Fuori Porta: una occasione per scoprire le eccellenze del Piemonte

Birra Fuori Porta: una occasione per scoprire le eccellenze del Piemonte


 

Per chi vuole scoprire le Birre Artigianali del Piemonte vivendo una giornata tra amici e divertimento, è arrivato il tour Birra Fuori Porta!  Un’occasione unica per esplorare il mondo della Birra Artigianale piemontese e per conoscere i birrai che in questi anni si sono distinti per la qualità delle loro birre e per l’impegno nella diffusione della cultura birraria in Italia. In ogni tappa sarà possibile visitare il birrificio e conoscere i segreti e le tecniche di produzione del birraio e si avrà il piacere di degustare le birre accompagnate da un pranzo con prodotti tipici locali.

Quando la tappa lo consente, prima di tornare a casa, il pomeriggio sarà arricchito da una sosta in un luogo di interesse culturale nella zona.

Con Birra Fuori Porta anche la patente è al sicuro perché si viaggia con comodi bus con partenza da Torino!

La prossimo tappa del tour, che si terrà l’11 giugno con partenza in mattinata è al  Birrificio della Granda.

Per capire meglio l’idea dei tour birrogastronomici, Giornale della Birra ha intervistato Roberto Mazzi, beertaster e presidente dell’associazione culturale BeerTasting Torino, che ha lo scopo statutario di promuovere, valorizzare e diffondere la cultura delle Birre Artigianali italiane e di qualità.

 

Roberto, perché il BeerTasting Torino?

Il BeerTasting Torino ha quasi un anno, è nato da un’idea avuta con il mio compagno di bevute Andrea Giuliano al termine di un corso di degustazione di birra con Fermento Birra. È nato come gruppo privato su Facebook per consentire ai partecipanti del corso di mantenersi in contatto e scambiarsi informazioni su eventi birrari a Torino. Oggi il gruppo conta più di 170 iscritti e siamo diventati un’associazione culturale a tutti gli effetti: ci troviamo tutti i giovedì nelle nostre #BeerUnion dove, oltre a degustare birre, parliamo delle attività dell’associazione.

.

.

 

Com’è nata l’idea di Birra Fuori Porta?

Volevamo bere senza rischiare di perdere la patente! Scherzi a parte, durante una delle prime assemblee del BeerTasting Torino, alcuni associati hanno proposto, come attività culturale, la visita ai birrifici del Piemonte. Ovviamente, la proposta è stata approvata in un sorso e abbiamo cercato in Rete dei tour organizzati; non trovando nulla che ci piacesse, ce lo siamo creati da soli… ed ecco Birra Fuori Porta.

 

Quanti eventi avete già organizzato?

Questa dell’11 Giugno con il Birrificio della Granda sarà la seconda tappa. Il battesimo del tour è stato a Maggio con gli amici di Birra Elvo, Josif e Raul sono stati disponibilissimi; mentre Josif ci guidava nella visita al birrificio, Raul grigliava in giardino le costine e le cosce di pollo marinate nella Bock. La carne era ottima e le birre di Elvo bevute direttamente lì sono ancora più spettacolari.

Nel pomeriggio saremmo dovuti andare a vedere il santuario di Oropa, poco distante, ma abbiamo preferito oziare sul prato con le loro strepitose ‘’basse’’ di altissimo godimento.

 

.

.

 

Che riscontro avete dal pubblico? È una formula che piace?

Quando presentiamo e promuoviamo Birra Fuori Porta, sono tutti molto entusiasti: i locali ci danno visibilità, riceviamo complimenti dagli addetti ai lavori del mondo birra e del turismo… è un’idea che piace. La formula è in via sperimentale, abbiamo voluto iniziare con Elvo e Birrificio della Granda per provare la soluzione con i bus, ma proveremo anche soluzioni in provincia di Torino, più agili.

 

Perché dovremmo partecipare?

Perché non è solo un tour per BeerGeek, è un’occasione per tutti di passare una giornata in buona compagnia,per visitare la “casa e il laboratorio” dei mastri birrai e bere dell’ottima birra artigianale direttamente dai produttori.

 

Maggiori informazioni al link: www.birrafuoriporta.it

Massimo Prandi
Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!