Massimo Prandi

Massimo Prandi

Autore di Giornale della Birra - Info, Contatti e articoli!

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!

Contatta Massimo Prandi

    Puoi contattare l’autore tramite Giornale della Birra compilando questo modulo. È richiesto il nome e un indirizzo email valido. L’eventuale risposta verrà inviata direttamente al tuo indirizzo email.

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Con l'invio del messaggio acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi del D.lgs 196/03 e secondo l'informativa del sito web.
    Informazioni sull'utilizzo dei dati personali (link)

    Quiz: da quante lettere è composta la seguente parola?

    Sfoglia i contributi di Massimo Prandi

    3 Dicembre, 2021

    Riwaka: un luppolo moderno

    Riwaka: un luppolo moderno
    Tag:

    Rilasciato da HortResearch Riwaka Hop Research Center nel 1997, è un luppolo di tipo Saazer incrociato con materiale da selezione neozelandese, inizialmente chiamato D Saaz. Nonostante le caratteristiche agronomiche interessanti,  oggi scarsamente coltivato. Si caratterizza di un tipo di aroma triploide creato durante lo sviluppo del programma “luppolo con una differenza” del luppolo neozelandese con… Continua a leggere

    1 Dicembre, 2021

    Non Saccharomyces: nuove prospettive per birre a ridotto tenore alcolico

    Non Saccharomyces: nuove prospettive per birre a ridotto tenore alcolico

    Ampliando lo sguardo oltre al genere Saccharomyces vi sono differenti specie di lievito che sono già utilizzate in cantina per il contrasto ai microrganismi alterativi o per regolare il contenuto di acidi organici delle bevande fermentate.  Al contrario di Saccharomyces lieviti appartenenti ad altri generi microbici sono capaci di attuare il metabolismo respirativo in presenza… Continua a leggere

    30 Novembre, 2021

    Villa Chazil: le birre dal campo al bicchiere

    Villa Chazil: le birre dal campo al bicchiere

    Artigianalità, ma anche tantissima territorialità nelle birre di Villa Chazil, il birrificio agricolo udinese, che vanta la produzione di orzo e luppolo in un concetto di filiera brassicola davvero all’avanguardia sulla scena nazionale. Una riconoscibilità unica che porta nella bevuta non solo l’ispirazione ai grandi stili birrari a bassa ed alta fermentazione, ma anche una… Continua a leggere

    29 Novembre, 2021

    Macchine ed impianti della birra: pastorizzatore

    Macchine ed impianti della birra: pastorizzatore

    Il pastorizzatore, impianto bistrattato dagli appassionati delle craft, impiegato  quasi per necessità nella produzione delle birre industriali. Sicuramente, secondo quanto previsto dalla normativa, se una birra è artigianale non può subire trattamenti di pastorizzazione, quindi, non troveremo tali impianti nei birrifici che si definisco artigiani. Lo scopo della pastorizzazione è aumentare la shelf-life della birra,… Continua a leggere

    26 Novembre, 2021

    Pilgrim: un luppolo raro

    Pilgrim: un luppolo raro
    Tag:

    Nonostante abbia lo stesso padre dei luppoli nani britannici First Gold e Herald, non è nanizzato. Classificato da alcuni come luppolo da amaro, da altri come luppolo a duplice scopo, ha un aroma interessante di limone e pompelmo. Nonostante buone caratteristiche da amaro e da aroma ed una buona coltivabilità, non ha riscosso grosso successo… Continua a leggere

    22 Novembre, 2021

    Macchine ed impianti della birra: la progettazione del birrificio artigianale

    Macchine ed impianti della birra: la progettazione del birrificio artigianale

    A completamento della lunga rubrica sulle tecnologie per la produzione della birra artigianale, ci focalizziamo ora  sulle strutture necessarie ad accogliere un birrificio di piccola – media dimensione. Ovviamente, anche nel contesto artigianale, le dimensioni della produzione possono variare molto, così come il modello di business complessivo dell’azienda, pertanto, le considerazioni di seguito riportate andranno… Continua a leggere

    19 Novembre, 2021

    Pioneer: un luppolo piccolo!

    Pioneer: un luppolo piccolo!
    Tag:

    Selezionato in UK, a partire dai medesimi parentali di Herald, è una cultivar adatta per i sostegni bassi, risultando con un portamento a sviluppo ridotto. A livello agronomico non risulta particolarmente resistente alla fitopatologie, quindi necessita di clima e terreno idonei alla coltivazione del luppolo. Considerato a duplice scopo, è caratterizzato da aroma agrumato sottostante… Continua a leggere

    18 Novembre, 2021

    Brewing e distillazione craft: facciamo il punto con Cadalpe

    Brewing e distillazione craft: facciamo il punto con Cadalpe

    I distillati artigianali Made in Italy sono tornati clamorosamente alla ribalta sull’onda fertile del movimento culturale creato dalla birra artigianale: anche se il settore è ancora in una fase incipiente di sviluppo, l’attenzione dei consumatori e della piccola imprenditoria è sicuramente molto promettente. Interessante anche il fenomeno che vede sempre meno protagonista il settore enologico… Continua a leggere

    16 Novembre, 2021

    Lieviti non-Saccharomyces: nuove potenzialità per le fermentazioni brassicole

    Lieviti non-Saccharomyces: nuove potenzialità per le fermentazioni brassicole

    Il mosto di birra è un substrato sostanzialmente sterile dopo la fase di raffeddamento in uscita dalla sala cotte, che per fermentare viene normalmente inoculato con lieviti selezionati ad alta o bassa fermentazione, a seconda dello stile definito dal mastro birraio. Tutti ben conoscono il nome Saccharomyces che designa il genere sistematico a cui afferiscono… Continua a leggere

    15 Novembre, 2021

    Macchine ed impianti della birra: trattamento acque di processo

    Macchine ed impianti della birra: trattamento acque di processo

    In passato i birrifici sorgevano in prossimità delle migliori sorgenti di acqua, in modo da consentire l’ottenimento di buona birra direttamente a partire dall’ingrediente principale naturalmente disponibile. Anzi, la storia degli stili insegna come molte delle birre che oggi apprezziamo siano state messe a punto proprio a partire dalla specificità delle acque di un determinato… Continua a leggere