Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana
17 novembre 2015

Noble Brewer: la rivoluzione nel mondo degli Homebrewer

Noble Brewer: la rivoluzione nel mondo degli Homebrewer


Il panorama degli Homebrewer in Italia è ancora una nicchia, ma in costante espansione, vuoi per la crescente passione per la birra artigianale e vuoi per risparmiare, bevendo prodotti migliori rispetto alle birre industriali.
Per coloro che non lo sapessero, per Homebrewer si intendono quegli individui che praticano l’arte della produzione brassicola nelle proprie mura domestiche. Fondamentalmente, si tratta di un hobby, che per la legge italiana non può rappresentare una fonte di guadagno. In poche parole, per legge, l’homebrewer può produrre birra per l’autoconsumo o al massimo per regalarla ad amici e parenti.
L’homebrewer può decidere tra tre mezzi di produzione: il sistema dei kit luppolati, quello dell’estratto+grani (E+G) e quello dell’All Grain.
La scelta va da un sistema più semplice (i kit luppolati consistono in malti già amaricati) a uno più impegnativo ma più soddisfacente per la buona resa del prodotto finale in termini di complessità di aromi (con l’All Grain).
.
.
Ebbene, in Italia si stanno costituendo delle comunità di appassionati homebrewer che si scambiano informazioni e consigli sulla produzione casalinga di birra artigianale, corsi per apprenderne l’arte e guide online.
Anche i materiali e le attrezzature richiedono investimenti non troppo ingenti.
Ma tornando a quando detto prima, in Italia come anche in gran parte del mondo la produzione degli homebrewer è limitata al consumo personale.
Negli USA vale la stessa regola, ma un’azienda sta cercando di rivoluzionare dal basso questo contesto: Noble Brewer.
Di che cosa si tratta?
Noble Brewer è un club, una piattaforma online di vendita previa iscrizione al portale. I prodotti in vendita sono le birre severamente selezionate dai migliori homebrewer d’America.
.
.
Negli USA, dove la cultura della birra artigianale è ormai fatto ben radicato, gli homebrewer sono più di un milione, alcuni di questi producono cotte di altissima qualità, pur non disponendo di fondi sufficienti per avviare un’attività commerciale legalmente riconosciuta.
Noble Brewer è nata proprio per dare voce a questi attori del panorama brassicolo degni di essere conosciuti.
Costruendo questa piattaforma, gli homebrewer ottengono visibilità e hanno la possibilità di vedere la loro birra diventare un prodotto commerciale in tutto e per tutto.
Il sito è molto piacevole, l’identità grafica è curata ed omogenea, invoglia all’acquisto e grazie a video e descrizioni efficaci, le storie degli homebrewer sono raccontate al grande pubblico, permettendo loro di fare il salto di qualità.
Chissà che Noble Brewer non ispiri qualcuno anche in Italia…

Carlo Gibertini
Info autore

Carlo Gibertini

Sono modenese, mi piace così tanto mangiare e bere che ne ho fatto la mia professione!
Sono un Designer che lavora con aziende agricole, ristoranti, cantine e birrifici per progettare o migliorare il modo in cui s’interfacciano con il mercato.

La birra è stata la mia prima trasgressione: a 13 anni andavo di nascosto nel pub vicino casa con un’amica a bere le mie prime pinte.
Quello della birra è un mondo speciale, divertente e denso di cultura, per questo la amo. Sono più esperto del lato sociale/economico e legato al marketing che di quello produttivo, ma sto cercando di imparare!