Numero 05/2020

27 Gennaio 2020

Il caso di Birrificio Italiano e le tante contraddizioni della norma sulla riduzione delle accise

Il caso di Birrificio Italiano e le tante contraddizioni della norma sulla riduzione delle accise

Tweet


Ha fatto scalpore la comunicazione data dal Birrificio Italiano che, a seguito dell’interpretazione data dall’Agenzia delle Dogane di Como alla nuova normativa che consente ai microbirrifici una riduzione d’accisa del 40%, si è trovato a dover rivedere pesantemente il proprio assetto organizzativo e a rinunciare all’esportazione di Tipopils negli Usa. Scrive infatti il birrificio:

“Le recenti norme emanate dallo Stato Italiano riguardanti la possibilità di avvalersi delle riduzioni d’accisa per i birrifici artigianali con produzione inferiore a 10.000 hl/anno lasciano a quanto pare un discreto margine d’interpretazione alle singole Agenzie delle Dogane.

L’Agenzia di Como, sotto la cui competenza rientra il Birrificio Italiano, ha optato per una lettura della legge che ci obbliga a rivedere le modalità operative di molte delle nostre attività. Abbiamo provato ad insistere e spiegare, ma non è bastato.

.

.

 

Gli effetti sono i seguenti:

1) Blocco del programma di tank conditioning consolidato da molti anni con il nostro importatore americano BUnited, grazie al quale la Tipopils veniva spedita ancora in maturazione in grandi tank refrigerati per essere dryhoppata, confezionata e distribuita fresca negli USA. Quindi, purtroppo, niente più Tipopils per i numerosi fan oltreoceano!

2) Chiusura (definitiva!) della barricaia di Klanbarrique. Sì, è proprio così, ci siamo trovati costretti a rivedere le condizioni produttive per tutta la linea Klanbarrique.

Tutte le attività svolte presso la mitica barricaia di Trambileno, nei pressi di Rovereto, che è stata finora la “casa” di Banshy e delle sue mirabolanti invenzioni, verranno quindi ora gradualmente spostate nei locali dell’Officina Alchemica di Limido Comasco.

3) Blocco del magazzino KB. Lo stop operato dalle nuove condizioni non riguarda solo la lavorazione di nuova birra inviata verso il Trentino, ma ha bloccato finora anche il ri-trasferimento delle birre confezionate da Rovereto a Limido, causando un’interruzione di fornitura che negli ultimi mesi ha virtualmente tolto dal mercato le creazioni del Klan: la buona notizia è che dovremmo finalmente riuscire a riportare queste meraviglie a casa entro Febbraio. La grande sete barbarica sta per finire!

Entro Giugno lo spostamento delle operazioni produttive sarà completato, e tutta Klanbarrique troverà un suo nuovo spazio dentro l’Officina Alchemica.

A Trambileno rimarrà solo la piccola ma affascinante “Tap Room”, che lavorerà come circolo servendo le birre a marchio BI e KL ma anche una selezione di vini e sidri di fattura artigianale.

Grazie a tutti per aver creduto fin qui nella nostra avventura folle di acidificazioni naturali e invecchiamenti in botte, che state tranquilli, cambierà forma ma non si fermerà!”.

.

.

 

Il caso del Birrificio Italiano è quello che ha fatto più scalpore, ma non è l’unico in cui la discrezionalità lasciata ai singoli funzionari nell’interpretare la norma – in particolare per quanto riguarda l’assetto del magazzino e il procedimento di confezionamento – ha di fatto bloccato l’attività produttiva. Mi è capitato di confrontarmi con diversi birrai che si trovano nella condizione di avere tutto pronto per avviare l’attività produttiva, ma di non poterlo fare a causa delle richieste di modifiche strutturali o organizzative (peraltro sempre diverse) da parte dell’Agenzia; oppure, con mille peripezie, birrifici già aperti hanno trovato soluzioni più o meno “fantasiose” (per usare un eufemismo) per assecondare queste richieste. E rimane emblematico ciò che mi ha detto una volta un birraio: “Se avessi aperto pochi km più in là, oltre il confine provinciale (e quindi sotto la competenza di un altro ufficio), aprire non sarebbe stato un problema”.

Come già avevo prefigurato in questo post sul mio blog, dopo aver parlato con alcuni birrai, uno dei timori si è palesato: ossia che la mancanza di una disciplina univoca a livello centrale avrebbe aperto ad una pregiudizievole ampia discrezionalità in capo ai singoli uffici. E si sa bene, come tutte le ricerche dimostrano da anni, che l’incertezza normativa è uno dei maggiori ostacoli al fare impresa in Italia. Con questo non si vuol certo dire che la legge di riduzione dell’accisa è solo una beffa, o cadere nel benaltrismo (per cui ci vuole “ben altro” per aiutare i microbirrifici, e quindi anche quel poco che si fa non va mai bene): si tratta di una conquista importante, e come tale va mantenuta. Vanno però affrontate le criticità che riguardano la modalità di applicazione, prima tra tutte il fatto di dare certezza ed uniformità – uno dei principi base del diritto, e problema che investe anche molte altre leggi nel nostro Paese. C’è da augurarsi che questo caso eclatante possa aiutare anche i tanti che, non avendo la stessa “forza contrattuale” del Birrificio Italiano, non possono palesare con lo stesso vigore le difficoltà incontrate.

Tweet


Info autore

Chiara Andreola

Veneta di nascita e friulana d’adozione, dopo la scuola di giornalismo a Milano ho lavorato a Roma – dove nel 2009 ho conseguito il titolo di giornalista professionista – e a Bruxelles al DG Comunicazione della Commissione Europea. Lì sono iniziati i miei primi timidi approcci con la birra, tra cui la storica Bush de Noel che ha finito per mettere il sigillo definitivo alla storia d’amore tra me e il mio futuro marito – e già da lì si era capito che una storia d’amore era nata anche tra me e la birra. Approdata a Udine per seguire appunto il marito, qui ho iniziato ad approfondire la mia passione per la birra artigianale grazie al rapporto in prima persona con i birrai – sia della regione che più al largo – e i corsi di degustazione tenuti dal prof. Buiatti all’Università di Udine; così dal 2013 il mio blog è interamente dedicato a questo tema con recensioni delle birre e resoconti delle miei visite a birrifici, partecipazioni ad eventi e degustazioni. Le mie collaborazioni con pubblicazioni di settore come Il Mondo della Birra e Nonsolobirra.net, con eventi come la Fiera della Birra Artigianale di Santa Lucia di Piave e il Cucinare di Pordenone, e la conduzione di degustazioni mi hanno portata a girare l’Italia, la Repubblica Ceca, il Belgio e la Svezia. Ora sono approdata anche al Giornale della Birra, un altro passo in questo mio continuare a coltivare la mia passione per il settore e la volontà di darvi il mio contributo tramite la mia professione.