Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 50/2018

10 Dicembre 2018

Proposta di emendamento sulla riduzione delle accise: alcune considerazioni

Proposta di emendamento sulla riduzione delle accise: alcune considerazioni

Tweet


E’ rimbalzata con grande impeto l’approvazione dell’emendamento alla legge di bilancio avanzato dall’on. Chiara Gagnarli, che prevede una riduzione del 40% sulle accise per tutti i birrifici al di sotto dei 10.000 hl annui di produzione. Manca ancora l’approvazione del Senato, ma si attende con trepidazione quello che è un traguardo agognato da tempo: per quanto la proposta originale fosse più articolata – prevedeva infatti diversi scaglioni di riduzione, di cui alla fine ne è stato accolto soltanto uno – si tratta comunque di un passo avanti di grande portata per il settore.

In primo luogo, si può dire che “temperi” in qualche modo il limite palesemente “in crescita” posto dalla legge sulla birra artigianale del 2016 – 200.000 hl, da molti considerato eccessivo – accostando, all’attenzione per l’artigianalità, quello per la tutela dei produttori “effettivamente piccoli”. In secondo luogo, è di vasto impatto perché riguarda la stragrande maggioranza dei birrifici artigianali operanti: stando all’ultima edizione della guida Slow Food, quelli al di sopra dei 10.000 hl si contano letteralmente sulle dita di una mano – sono infatti 5: Amarcord, Baladin, Salento, Tenute Collesi e Flea. Una platea quindi estremamente vasta, coinvolgendo oltre 700 birrifici veri e propri, più tutti i brewpub e beerfirm.

 

.

.

 

C’è però chi si è chiesto se questo limite possa agire in qualche misura da freno alla crescita, ponendosi come “deterrente” per fare il grande salto produttivo per tutti quei birrifici poco al di sotto di questa soglia – o che comunque pianificano un incremento produttivo tale da porla come realisticamente raggiungibile. Anche qui: buona parte dei birrifici artigianali italiani è comunque lontana da questi quantitativi, per cui non è un problema che si porrà nel breve termine; ma se continuerà la (pur lenta) crescita dell’incidenza della quota di mercato delle birre artigianali sui consumi totali di birra (in crescita ancor più lenta), unitamente alla presumibile chiusura di diversi microbirrifici nati sull’onda del boom ma senza un solido progetto imprenditoriale alle spalle, la questione prima o poi si porrà. Già alcuni sono sulla buona strada: Lambrate con 8200 hl, Birrificio Italiano con 7500, Elav e San Gabriel con 6000 (e fermiamoci qui, giusto per non arrivare a pronosticare un raddoppio della produzione). Davvero l’accisa aumentata può fungere da deterrente?

Verosimilmente, come spesso nella vita, la risposta è “dipende”: ogni piano industriale che si rispetti mette in conto, insieme agli investimenti per la crescita, anche i costi strutturali che ci saranno poi per “foraggiare” una produzione più ampia – che si auspicano però più che compensati dalle economie di scala. Stando allo studio realizzato da Mobi nel 2016 (fonte che al momento trovo ancora la più completa, per quanto datata, e del quale avevo già scritto qui), a seconda delle dimensioni del birrificio, le accise arrivano a pesare da un decimo a un settimo dei costi totali di produzione – su cui si avrebbe ora un risparmio che ammonterebbe a circa il 45%, considerando l’ulteriore riduzione dell’accisa generale; arrivando dunque ad incidere per una percentuale media che possiamo stimare sul 4-5% dei costi.

 

.

.

 

Numeri significativi, certo, ma che non appaiono tali da essere ingestibili all’interno di un piano di crescita ben concepito. Certo una disciplina a più scaglioni, come richiesto anche da Unionbirrai, avrebbe consentito di assorbire meglio questi costi grazie ad un aumento graduale: e questo è sicuramente uno degli aspetti problematici della mancata applicazione. Rimane comunque importante che i birrifici più piccoli possano, grazie a questa riduzione dell’accisa, avere una maggior marginalità da destinare agli investimenti legati all’avvio dell’attività e alla crescita.

Se davvero questo emendamento si manterrà tale all’interno del gran balletto della manovra a cui stiamo assistendo in questi giorni, si tratterà di una pietra miliare per il settore della birra artigianale in Italia: non resta che stare a vedere…

Tweet


Chiara Andreola
Info autore

Chiara Andreola

Veneta di nascita e friulana d’adozione, dopo la scuola di giornalismo a Milano ho lavorato a Roma – dove nel 2009 ho conseguito il titolo di giornalista professionista – e a Bruxelles al DG Comunicazione della Commissione Europea. Lì sono iniziati i miei primi timidi approcci con la birra, tra cui la storica Bush de Noel che ha finito per mettere il sigillo definitivo alla storia d’amore tra me e il mio futuro marito – e già da lì si era capito che una storia d’amore era nata anche tra me e la birra. Approdata a Udine per seguire appunto il marito, qui ho iniziato ad approfondire la mia passione per la birra artigianale grazie al rapporto in prima persona con i birrai – sia della regione che più al largo – e i corsi di degustazione tenuti dal prof. Buiatti all’Università di Udine; così dal 2013 il mio blog è interamente dedicato a questo tema con recensioni delle birre e resoconti delle miei visite a birrifici, partecipazioni ad eventi e degustazioni. Le mie collaborazioni con pubblicazioni di settore come Il Mondo della Birra e Nonsolobirra.net, con eventi come la Fiera della Birra Artigianale di Santa Lucia di Piave e il Cucinare di Pordenone, e la conduzione di degustazioni mi hanno portata a girare l’Italia, la Repubblica Ceca, il Belgio e la Svezia. Ora sono approdata anche al Giornale della Birra, un altro passo in questo mio continuare a coltivare la mia passione per il settore e la volontà di darvi il mio contributo tramite la mia professione.