Numero 41/2019

9 Ottobre 2019

Da QualityBeer arriva Birra Vais: la weizen italiana che rivoluziona l’abbinamento con la cucina mediterranea

Da QualityBeer arriva Birra Vais: la weizen italiana che rivoluziona l’abbinamento con la cucina mediterranea

Tweet


La cucina mediterranea, quella vera e tradizionale della cultura italiana più antica, è da sempre legata al vino: nel nostro Paese, infatti, è il termine “enogastronomico”, piuttosto che il neologismo “birrogastronomico” a rappresentare le eccellenze culinarie presenti sulle tavole.

L’evoluzione degli stili di consumoe la rinnovata percezione della birra da parte del consumatore italiano, richiede sempre più attenzione e consapevolezza negli abbinamenti, ma anche nella ricercatezza del miglior equilibrio gusto-olfattivo da parte dei birrai.

 

.

.

 

Oggi, quindi, pensare alla birra come una bevanda fine a se stessa, risulta ampiamente riduttivo tanto della eccellenza dei piatti tradizionali, quanto del genio innovatore della produzione brassicola nazionale.

Anche se può sembrare scontato che le birre nascano nella mente del birraio per accompagnarsi al cibo, in realtà, vi è spesso più attenzione alla ricercatezza della corrispondenza allo stile, piuttosto che alla complessità ed al virtuosismo della molteplicità di percezioni organolettiche.

Spesso così capita, anche sulla scorta della moda del momento, che molte birre artigianali non si sposino perfettamente ai piatti, risultando eccessivamente aggressive ed invasive.

 

.

.

 

Per superare queste contraddizioni, dalla passione per la birra artigianale e la cucina mediterranea, ma soprattutto da tanto studio e molta sperimentazione, nasce Birra Vais.

Un prodotto ideato dalla lungimiranza di Michele Francesco Dipasquale, che alle spalle ha un bagaglio culturale in materia brassicola davvero invidiabile: dal diploma come Beersommelier all’Accademia Doemens, al corso “Come diventare birraio” del CERB, oltre ad un’esperienza consolidata come homebrewer e gestore del primo beershop online della città di Barletta.

Ma non solo, anche una amplissima esperienza di degustazione, maturata da appassionato e, soprattutto, da professionista con l’avvio dell’e-commerce QualityBeer.

Michele, così ci racconta la sua scelta di produrre una propria birra artigianale: “Da quando ho messo in rete il mio e-beershop, la mia mission è stata di offrire sempre ai miei clienti birre di eccezionale qualità. Il mio sogno era di poter continuare a provare e far provare ai miei clienti ad ogni bevuta la sensazione estatica vissuta alla mia prima degustazione di birra artigianale. Ma più assaggiavo birre, più mi rendevo conto che la strada per realizzare il mio sogno era solo una: realizzare la mia birra artigianale”.

E così, Michele, ha unito la sua competenza ed esperienza di degustazione con un intento tutt’altro che facile: creare la birra perfetta per ogni pasto, da bere insieme ai piatti della cucina italiana, ma soprattutto della tradizione mediterranea.

Una ed una sola birra, in stile Weiss, frutto di un lungo training sviluppato a più mani: “Insieme al mastro birraio abbiamo effettuato diversi esperimenti, fino ad arrivare a quella che maggiormente si avvicinava alla mia idea. Il parere di amici e parenti è stato un feedback fondamentale per i primi passi di sviluppo, poi il confronto con i professionisti per ulteriori consigli di miglioramento.

Fu così che dal 55% di frumento, tentammo il 70%. Il risultato fu sbalorditivo, ma ancora non ero soddisfatto a pieno. La mia voglia di sperimentare e la saggezza di questo mastro birraio, ci portarono ad esplorare il ricchissimo universo dei lieviti: qui trovammo la soluzione. Selezionando il ceppo giusto ed il risultato fu disarmante: semplicemente perfetta. È così che è nata la birra Vais”.

 

.

.

 

 

Effettivamente, sia per i neofiti che per i degustatori più esperti, l’assaggio diBirra Vais è un’esperienza indimenticabile e segnante:

il colore dorato e velato, con schiuma candida e compatta molto persistente affascina ed attrae.

Il naso è un’esplosione di un delicato bouquet di sentori che vanno dalla banana, allo speziato, con note di vaniglia, chiodi di garofano, per chiudere con una nota di cereale evidente, ma non predominante.

In bocca, l’eleganza avvolgente e la delicata acidità rendono la bevuta facile e dissetante.

Una birra equilibratissima se bevuta sola, ma la vera sorpresa nasce quando portata in tavola.

È nel contesto più conviviale e completo della gastronomia mediterranea che birra Vais esprime tutto il suo potenziale: non troppo pastosa, dalla giusta acidità e dal tenore alcolico moderato si sposa perfettamente con tutte le preparazioni della tradizione, dai grandi classici mediterranei, come la più semplice pasta con il pomodoro, alla mediterraneissima margherita, per esaltarsi con le preparazioni più complesse ed anche con i piatti a base di carne e di pesce.

 

.

.

 

Una birra che stupisce per la sua armonia anche se bevuta da sola: scevra dalle esasperazioni gustative dell’ultima moda, è in grado di donare il piacere di una bevuta capace di suscitare emozioni gustative positive e ricche, equilibrate e piacevoli.

Una particolarità, è la possibilità di acquisto on-line direttamente dal produttore e la formula risparmio mediante abbonamento: ogni mese, così, molto comodamente sarà possibile ricevere direttamente a casa la propria scorta di Birra Vais, fresca come appena prodotta!

 

Non resta, quindi, che provarla, acquistandola direttamente su www.birravais.it

Tweet


Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!