Numero 24/2021

17 Giugno 2021

Il decalogo del bevitore di birra consapevole e responsabile!

Il decalogo del bevitore di birra consapevole e responsabile!

Tweet


 

Tutte le bevande alcoliche, anche se a moderato TAV (titolo alcolometrico volumico), devono essere consumate con moderazione e nei giusti limiti. Questo non solo per evitare di incorrere nelle sanzioni previste dal codice della strada per i conducenti di autoveicoli in stato di ebbrezza, ma anche per prevenire i rischi per la salute connessi all’abuso di alcol.

E’ fondamentale, quindi, che il consumo di ogni bevanda alcolica, tra cui la birra, avvenga sempre all’insegna del rispetto di sé e degli altri, ovvero evitando gli eccessi e gli abusi.

Di seguito, riprendendo i contenuti di uno studio condotto da Claudio Cippitelli, sociologo esperto di consumi, fenomeni e culture giovanili, in collaborazione con Ab InBev, riportiamo alcuni consigli per approcciare il consumo di birra in modo corretto.

.

.

 

CONSIGLI PER BERE BIRRA IN MODO RISPETTOSO …

  • LA STORIA NON E’ SEMPRE NOIOSA: stai per bere il più antico prodotto alcolico scoperto dall’uomo. La birra è nata circa 7000 anni fa; l’hanno “inventata” i Sumeri in Mesopotamia. Da quel momento è entrata a far parte della cultura degli esseri umani: non banalizzarla, non considerarla una merce qualunque, non sprecarla
  • IL PIACERE DELLA QUALITA’: la birra ha attraversato i secoli e i paesi, adattandosi ai gusti dei popoli che la producevano. Oggi puoi apprezzarne i diversi profumi, i colori, i sapori. Bevila cercando il piacere nella qualità, non nella quantità
  • RISPETTATI: l’assunzione di una o due unità alcoliche di birra al giorno è il modo giusto di bere. Se devi guidare e hai meno di 21 anni, o sei hai la patente da meno di 3 anni, non puoi assumere alcolici. Se hai bevuto lascia che a guidare sia un amico sobrio
  • RISPETTA IL TUO MONDO: i tuoi amici, la tua compagna o il tuo compagno preferiscono passare momenti allegri con una persona che si diverte, non con un cretino che esagera
  • RISPETTA IL LUOGO DOVE TI TROVI: evita l’eccessivo schiamazzo o, peggio, l’aggressività connessa all’abuso di alcol.

.

.

… E CONSAPEVOLE

  • NON ECCEDERE: non stai bevendo acqua minerale. La frase “guido io, nessun problema, reggo bene gli alcolici”, spesso precede la chiamata del carro attrezzi
  • ATTENZIONE AL MOMENTO: bere alcolici durante il lavoro è pericoloso, bere quando studi non migliora le tue performance scolastiche; riserva la birra al tempo libero e ai momenti di socialità
  • LA BIRRA NON È UN FARMACO e non ha poteri magici: se bevi per affrontare momenti difficili, delusioni, imprevisti stai tenendo un comportamento molto rischioso e del tutto inefficace. Piuttosto, cerca un amico
  • LA BIRRA NON DÀ I SUPERPOTERI: per conquistare un partner, per essere accettato dal tuo gruppo è meglio avere la fama di intenditore piuttosto che quella di ubriacone
  • OCCHIO ALLE CALORIE: circa 40 kilocalorie per 100 grammi: la birra è più calorica dell’acqua, meno del vino e molto meno dei superalcolici. È importante accompagnarla con il cibo che preferisci, così l’alcol viene assorbito più lentamente, con un minore aumento dell’alcolemia (certo che se unisci ad una “media” due secchi di noccioline le calorie aumentano…).

Se sei una donna, ricordati che:

  • pesi meno dei maschi, il tuo corpo contiene meno acqua e hai meno ADH (l’enzima che metabolizza l’alcol); quindi, assumendo la stessa quantità di alcol in eguali condizioni, la concentrazione di alcol nel tuo sangue sarà più elevata rispetto a quella degli uomini. Se sei in dolce attesa o allatti, evita di bere.

Tweet


Info autore

Giuseppe Mautone

Sono Giuseppe, 26 anni, e attualmente vivo a Perugia.

Il mio viaggio nella birra è cominciato per puro caso: una sera con amici vado a trascorrere la serata in un pub a Perugia dove noto, oltre alle marche di birra famose e “commerciali”, anche nomi poco noti. Chiedo che birre sono e mi rispondono che sono birre prodotte da microbirrifici locali. Incuriosito, decido di provarne una e scopro una differenza abissale rispetto alle classiche marche. Da lì comincia la mia curiosità verso questo nuovo mondo, quello delle birre “artigianali”.

Tutt’oggi sono a contatto quotidiano con le birre artigianali scrivendo articoli, riguardanti la birra e chi la produce, sul mio portale Birra e Birrerie. E’ stata la perfetta occasione non solo per coniugare le mie due più grandi passioni, la birra e il web, ma anche di entrare a diretto contatto con esperti del settore, birrai e semplici appassionati del buon bere. Tra questi vi sono anche gli autori di Enciclopedia della Birra, con cui condivido passione, opinioni e l’entusiamo di scrivere di birra!

La mia avventura nella birra è cominciata da poco e scopro ogni giorno cose nuove sulla birra, che non avrei mai immaginato. Ed è per questo che voglio far scoprire a tutti la bontà e i benefici di una buona birra artigianale.

Un saluto a tutti e buona birra!

Visita anche il mio portale web dedicato alla birra:
www.birraebirrerie.it