Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 18/2017

4 maggio 2017

HOPT: un e-commerce birrario a dimensione di Europa!

HOPT: un e-commerce birrario a dimensione di Europa!


 

La passione per la birra, ed in particolare la birra artigianale e di alta qualità, è un fenomeno dilagato e dilagante in tutta Europa: dai paesi di più tradizionale produzione alle neo-patrie birrarie, tra cui l’Italia, l’attenzione e la curiosità da parte dei consumatori verso la bevanda “di Cerere” è in continua ascesa.

La frammentazione e l’artigianalità della produzione, spesso però limita la possibilità di degustazione per contingenti ragioni legate alla limitatezza della distribuzione: un fenomeno che via via trova soluzione con il miglioramento delle piattaforme di e-commerce e del sistema di logistica anche per le piccole spedizioni. Così, sul web, oltre agli e-shop dei singoli birrifici stanno prendendo piede portali strutturati sull’offerta di un’ampia gamma di birre, di produttori nazionali ed internazionali, che mirano sempre più a globalizzare la distribuzione.

Un caso molto interessante, da poco sbarcato sul mercato italiano è HOPT, una piattaforma che promette di assumere una dimensione europea, oltrepassando i confini del luogo in cui ha mosso i primi passi: la Francia.

Giornale della Birra ha intervistato il team di lavoro di HOPT, per approfondire le dinamiche del dietro le quinte di un servizio così semplice da fruire come un e-shop, quanto complicato a livello gestionale e scoprire quali prospettive di sviluppo sul mercato italiano si prevedono per il prossimo futuro. In particolare, a rispondere alle nostre domande sono Berry Plokker e Viviana Giacalone.

.

 

.

 

Berry, partiamo dal descrivere la vostra azienda ed il vostro servizio di e-commerce dedicato alla birra artigianale: una realtà francese, ma che ora punta ad espandersi oltre confine.

Hopt è un progetto  facente parte del sito SaveurBière, attualmente leader nel settore della rivendita di birra sul mercato francese. Il nostro team  è composto da circa 65 persone, il cui intento è focalizzato sul far funzionare al meglio il nostro sito web di vendita di assortimenti birrari: attraverso la nostra piattaforma, i consumatori hanno la possibilità di ordinare le migliori birre artigianali provenienti da tutto il mondo. Non solo: siamo specializzati anche nella vendita di materiale per homebrewing, con kit davvero facili da utilizzare, e inoltre anche una vasta gamma di bicchieri per degustare al meglio la birra, o diversi regali per ogni occasione… praticamente tutto ciò che costella l’ampio ed appassionante mondo della  birra!

.

.

 

Quali sono le caratteristiche del vostro team e quali elementi di selezione ponete alla base delle birre del vostro che entrano a far parte della vostra piattaforma?

Siamo un gruppo di amanti della birra, unico nel suo genere, che ha voglia di fare la differenza: ci piace socializzare, siamo appassionati per il nostro lavoro e ci impegniamo molto, sul principio che neanche il meglio è abbastanza per noi e i nostri clienti. Senza dubbio amiamo la birra e siamo curiosi di conoscere le meravigliose storie che raccontano i produttori quando con passione parlano delle loro birre.

Grazie a queste nostre competenze offriamo una vasta gamma di bevande di alta qualità ed i servizi connessi più efficienti, così da poter condividere insieme con tutti i nostri clienti l’esperienza di scoprire le migliori birre di tutto il mondo.

.

.

Viviana, i lettori di Giornale della Birra sono sempre molto curiosi e interessati ad approfondire il “dietro le quinte” delle birre: come funziona, invece, il lavoro che si svolge dietro il vostro e-commerce?

Ci piace gustare e provare i prodotti che proponiamo ai nostri clienti, ma non passiamo le nostre giornate con una pinta di birra in mano! Dobbiamo fare in modo che i nostri ordini siano ben imballati e vengano di conseguenza spediti. E per fare in modo che questo accada, tutto il nostro team fa del proprio meglio. Così abbiamo il nostro acquirente, o meglio «cacciatore di birra» come lo chiamiamo noi, che passa le sue giornate a selezionare le migliori birre del mondo da aggiungere alla nostra gamma.

Il nostro web team si assicura che tutto funzioni senza problemi, così da poter garantire un’ottima esperienza utente.  Il nostro team marketing fa in modo di proporre ai nostri clienti sempre novità e offerte sul sito, mentre il nostro servizio clienti Hopt è a disposizione per rispondere a qualsiasi domanda o problema, per aiutare e consigliare i consumatori.  Naturalmente, non possiamo dimenticare i ragazzi in logistica che preparano e imballano gli ordini.

.

.

 

Il vostro business  è nato in Francia, dove si è consolidato e sviluppato fino a raggiungere una posizione di leadership. Quali sono ora le prospettive che vi proponete in futuro? È già attiva la piattaforma e-commerce italiana, anche se ancora in fase di sviluppo, quali i prossimi passi sul mercato europeo?

Come avvenuto con il sito francese, il nostro interesse è di farci conoscere piano piano in tutta Europa, offrendo dei prodotti interessanti e nuovi.  Forse un po’ pretenziosi, ma assolutamente fiduciosi ed ottimisti, per il futuro la prospettiva è quella di diventare leader europei e non limitarci dunque alla Francia. La piattaforma italiana ha ancora bisogno di ultimi ritocchi, ma è già attiva e vi aspetta per i vostri prossimi acquisti nel mondo della birra! Oggi abbiamo attivi anche il sito dedicato all’Olanda e al Belgio. A breve anche Danimarca e Germania. Perché tutti meritano di scoprire e apprezzare il mondo delle birre craft!

 

Maggiori informazioni e possibilità di acquisto dei prodotti sulla piattaforma HOPT collegandovi al sito web www.hopt.it

Massimo Prandi
Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!