Numero 36/2019

5 Settembre 2019

Dalla Danimarca: birra Apollo

Dalla Danimarca: birra Apollo

Tweet


 Tratto da La birra nel mondo, Volume I, di Antonio Mennella-Meligrana Editore

Apollo

(Bryggeriet Apollo) Copenaghen/Danimarca

Brewpub nelle vicinanze del Municipio e dei giardini di Tivoli. Il nome è dovuto al fatto che un tempo i locali ospitavano il teatro Apollo. La produzione di birra cominciò nel 1990 presso il ristorante Hereford Beefstouw in cooperazione con la Wiibroe Bryggeri di Elsinore. Nacque qui ovvero il primo microbirrificio danese.

Il ristorante è famoso per le spareribs (costatine di maiale) alla griglia con patate. Oltre a questo di Copenaghen, l’azienda possiede altri due brewpub, a Herning e Aarhus.

.

.

La gamma di birre prodotte è amplissima, tutte nel pieno rispetto della legge tedesca della purezza: per lo più, torbide lager dall’aroma di lievito, con corpo leggero e gusto piuttosto agro; anche biologiche; nonché una birra speciale del mese da degustare in bicchieri dalla forma particolare.

 

Apollo Černý Janusz, schwarzbier di colore marrone scuro con tonalità arancione: effervescenza mediobassa; schiuma densa con buona allacciatura; aroma moderato, a base di malto, caramello e pane; corpo medio di consistenza grassa; gusto di lunga durata con note di frutta, caramello, noci, liquirizia, nonché un cenno di luppolo; finale piuttosto breve e amaro (g.a. 5,6%).

Apollo Ale, birra acida di colore arancione nebuloso: morbida effervescenza; schiuma bianca di medie dimensioni e sufficiente durata; aroma di malto tostato, caramello, luppolo, con un richiamo aspro di agrume; corpo da leggero a medio di consistenza oleosa; gusto di buon equilbrio tra dolce e amaro, con note di frutta e lievito, e una punta di acido; finale burroso e amarognolo (g.a. 5,7%).

Apollo Altbairisch Dunkel, dunkel di colore marrone chiaro: effervescenza piuttosto alta; schiuma scarsa ma durevole; aroma di malto, caramello, pane di segale, cioccolato, liquirizia; corpo medio abbastanza secco; rinfrescante gusto luppolizzato con note di melassa e zucchero di canna che portano a un finale di malto amabile; lungo retrolfatto caratterizzato da un piacevole mix di dolce e amaro (g.a. 5%).

Apollo Altbier 2010, altbier di colore ambra scuro: morbida effervescenza medioalta; schiuma bassa, cremosa e duratura; aroma di caramello e luppolo, con un richiamo di frutta; corpo medio di consistenza da acquosa a grassa; lungo gusto di malto tostato, frutta e fieno con finitura luppolizzata a secco; finale liscio e asciutto; discreto retrolfatto di un amarore erbaceo (g.a. 5,1%).

Apollo Amarillo Pale Ale, american pale ale di colore ambrato arancione: effervescenza morbida; schiuma cremosa con allacciatura decente; aroma polveroso con sentori di caramello, luppolo speziato, erba, aghi di pino; corpo medio di consistenza grassa; gusto di lunga durata, con note di pompelmo, eucalipto, lievito, agrumi da luppolo; finale amaro e secco (g.a. 5,6%).

Apollo Amerikansk Brown Ale, brown ale di colore marrone: media effervescenza; schiuma beige cremosa e stabile; aroma di malto, nocciola, cacao in polvere, vaniglia, uva passa, con un pizzico di luppolo speziato; corpo da leggero a medio; gusto con piacevole amarore dopo un inizio piuttosto dolce; finale asciutto; sufficiente retrolfatto dalle sensazioni amare di pino (g.a. 5,7%).

Apollo Belgian Golden Strong Ale, belgian strong golden ale di colore arancio dorato: effervescenza bassa; schiuma soffice di rapida dissoluzione; aroma dolce di malto con tenui sentori di frutta secca e luppolo terroso; corpo medio che nasconde bene l’alcol; gusto di lievito, frutta candita, fiori, uva, con dolce finitura speziata (g.a. 7,2%).

Apollo Black Forrest, porter di colore marrone scuro: effervescenza pungente; schiuma alta, cremosa e durevole; moderato aroma di malto tostato, caramello, cioccolato, burro, frutti di bosco, caffè, liquiriza, frutta secca; corpo medio di consistenza grassa; gusto leggermente asciutto, con note di malto torrefatto, cioccolato bianco, burro, zucchero di canna; finale dolciastro di cioccolato al latte (g.a. 6,4%).

Apollo British Bully, ESB di colore ambrato: effervescenza quasi piana; spuma bassa e di scarsa durata; aroma fruttato e leggermente tostato, con sentori di malto, caramello, luppolo erbaceo, paglia; corpo di pregevole tessitura; gusto dolciastro di caramello equilibrato dall’amarognolo dell’erba, con delicata finitura luppolizzata; lungo finale secco e amaro (g.a. 5,3%).

Apollo Chokolade-kirsebær Stout, stout di colore nero: effervescenza morbida; schiuma beige cremosa, solida, aderente; aroma di malto tostato, ciliege, liquirizia, caramella mou, cioccolato fondente; corpo un po’ sottile rispetto alla media e di consistenza grassa; gusto moderatamente dolce e amaro, insieme, con note tostate, di prugna, uva passa, non senza una punta di acido; lungo finale di cioccolato fondente; retrolfatto piuttosto dolce e asciutto (g.a. 5,2%).

Apollo D.A.D. Lager, premium lager di colore dorato: effervescenza media; schiuma né abbondante né particolamente tenace; sottile aroma floreale, con sentori di grano, luppolo fruttato, erba e fieno; corpo medio; gusto piuttosto dolce, con note di agrumi, lievito, frutta a bacca, e delicata finituta di luppolo a secco; discreto finale amaro (g.a. 5,2%).

Apollo Dark Ale, brown ale di colore marrone scuro: effervescenza piuttosto pungente; schiuma beige cremosa e di buona allacciatura; aroma di malto torrefatto, caramello, frutta secca, cioccolato fondente, frutta a guscio e burro morbido; corpo medio dalla trama grassa; gradevole gusto di malti dolci, caramello, cacao in polvere, frutta secca; persistente finale secco e tostato (g.a. 5,6%).

Apollo Dortmunder, dortmunder/helles di colore dorato intenso tendente all’ambra: morbida effervescenza; schiuma cremosa di pregevole stabilità; aroma fruttato, con sentori sbiaditi di malto granuloso, pasta di pane, caramello, luppolo polveroso; corpo medio di consistenza grassa; gusto con note dolciastre di caramello ben bilanciate dalla rifinitura della luppolizzazione a secco; finale asciutto, pulito e amarognolo (g.a. 6,4%).

Apollo Efter 8, sweet stout di colore marrone scuro quasi nero: morbida effervescenza media; schiuma beige tenace e aderente; aroma di liquore dolce, cioccolato, caffè e menta piperita; corpo medio di consistenza grassa; gusto di malto torrefatto, liquirizia, menta, con dolce rivestimento alcolico; lungo finale di luppolo amaro con labili impressioni di menta piperita (g.a. 6,6%).

Apollo Efterårsale med Hyben, traditional ale di colore ambrato chiaro: morbida effervescenza; schiuma enorme, cremosa, duratura; delicato aroma di malto, caramello e frutta, con qualche tocco di luppolo erbaceo; corpo medio di consistenza grassa; gusto dolce con note di malto, caramello, frutta, nocciola, lievito, e una sottile rifinitura di rosa canina; finale secco e speziato (g.a. 6,3%).

Apollo Engelsk Dark Ale, old ale di colore mogano scuro: morbida effervescenza; schiuma beige densa e durevole; forte aroma di anice e liquirizia con, in secondo piano, malto tostato, caramello, uva, lievito; corpo medio di consistenza grassa; gusto dolce di malto con buon bilanciamento da parte della segale, della tostatura, degli agrumi, delle spezie leggere; discreto finale secco e tostato (g.a. 5,2%).

Stagionale autunnale

Apollo Efterårsbryg, speciality grain di colore arancione nebuloso: effervescenza moderata; schiuma media fine e duratura; aroma di malto a malapena tostato, caramello, frumento, banana, lievito; corpo medio di pregevole tessitura; gusto di frutta con ben distinte note di lievito, fiori, pepe e luppolo speziato; finale acidulo con impressioni di esteri (g.a. 6,2%).

Stagionali speciali

Apollo English Oatmeal Brown Ale, brown ale di colore marrone castagna: morbida effervescenza; schiuma beige cremosa e tenace; aroma di malto tostato, caramello, biscotto e avena bruciata; corpo medio di consistenza oleosa; gusto delicatamente dolce di cioccolato, pane, avena, frutta scura, con finitura di malto; finale asciutto e pulito (g.a. 4,8%).

Apollo Dr. Schnurbart, speciality grain di colore ambra chiaro: effervescenza bassa; schiuma di medie dimensioni e buona allacciatura; aroma di lievito e pasta di pane con un tocco deciso di segale e fieno; corpo medio di consistenza grassa; gusto moderatamente dolce e di lunga durata, con note di paglia, orzo, zucchero di canna; finale secco e amaro; breve retrolfatto fruttato (g.a. 5,9%).

Apollo Chokolade Stout, stout di colore marrone scuro tendente al nero: effervescenza soffice; schiuma beige densa e durevole; aroma di caffè e cioccolato, con un pizzico di dolcezza di caramello; corpo pieno di consistenza cremosa; gusto di malto torrefatto, caramello, frutta, cioccolato fondente; retrolfatto dalle lunghe sensazioni tostate e acidule (g.a. 5,7%).

Apollo Bornem, abbazia dubbel di colore ambra nebuloso: effervescenza medioalta; schiuma alta e cremosa ma di scarsa durata; aroma dolce, di malto fruttato, zucchero bianco, frutta matura, con un richiamo di lievito belga; corpo medio di consistenza appiccicosa; gusto piuttosto dolce e moderatamente amaro (g.a. 7%).

Apollo 4 Koms Øl, speciality grain di colore giallo arancione: effervescenza morbida; schiuma alta e con sufficiente allacciatura; aroma di malto, caramello, frutta, lievito e luppolo floreale; corpo medio di consistenza grassa; gusto di grano, frumento e caramello, con sottile rifinitura di burro morbido; finale granuloso secco e amarognolo (g.a. 5,5%).

Apollo A.J. Series IPA, india pale ale di colore ambrato chiaro: buona effervescenza; schiuma sottile, densa, cremosa; aroma di malto, caramello, fieno e luppolo erbaceo; corpo medio; gusto fruttato e acidulo con una nota pungente di aghi di pino; finale amaro, asciutto, ripulente (g.a. 6,7%).

Apollo Agger Pils, pilsner di colore giallo dorato: effervescenza media; schiuma abbondante, spessa, stabile; aroma fresco e fruttato di malto, agrumi, luppolo erbaceo; corpo da leggero a medio di consistenza acquosa; gusto dolciastro all’attacco ma via via amarognolo e infine amaro; breve retrolfatto di bacche e fieno (g.a. 5%).

Apollo Belgisk Pale Ale, belgian ale di colore arancio ambrato: effervescenza media; schiuma di un bianco sporco bassa e spessa; aroma alquanto tenue, di malto, caramello, frutta, agrumi e luppolo; corpo medio di consistenza da grassa ad acquosa; gusto di lunga durata e con rifinitura fenolica, a base di lievito belga, ananas, nocciola, caramella mou; persistente finale di un amarognolo granuloso (g.a. 5%).

Apollo Belgio IPA, belgian strong golden ale di colore dorato chiaro: effervescenza morbida da media ad alta; spuma bassa, densa, tenace; aroma di luppolo, erba e agrumi, con un pizzico di lievito fruttato; corpo medio di consistenza grassa; gusto asciutto e amaro, con note di erba, chewing-gum, pino, arancia, e rifinitura di luppolizzazione a secco; finale alcolico, agrumato, erbaceo (g.a. 7,8%).

Apollo Belgisk Amber Ale, belgian amber ale di colore ambrato nebuloso: morbida effervescenza; schiuma di un bianco sporco non ricca ma duratura; tenue aroma di malto, caramello, frutta secca, lievito, fieno; corpo medio di consistenza grassa; gusto dolce e fruttato che compie una lunga corsa tra note anche di luppolo e polvere di liquirizia; finale moderatamente amaro e speziato (g.a. 6,6%).

Apollo Belgisk Pale Ale, belgian ale di colore arancio ambrato: effervescenza morbida; schiuma di medie dimensioni cremosa e tenace; debole aroma di malto, caramello, frutta, lievito, agrumi; corpo medio di consistenza da grassa ad acquosa; gusto moderatamente dolce e leggermente amaro, con note di lievito belga, ananas, fiori, nocciola, e finitura fenolica; finale abbastanza granuloso e amaro (g.a. 5%).

Apollo Belgio IPA, belgian strong golden ale di colore dorato chiaro: effervescenza medioalta; schiuma non così abbondante ma abbastanza stabile; aroma fruttato e speziato sotto l’egida di un luppolo floreale; corpo medio di consistenza grassa; gusto di lunga durata, con note di malto, tostatura, chewing-gum, lievito, e rifinitura di luppolo a secco; finale persistente dalle impressioni di agrume, erba e, soprattutto, alcoliche (g.a. 7,8%).

Apollo Black Maya, sweet stout di colore marrone scuro (g.a. 6,8%); conosciuta anche come Apollo Black Santa Christmas Stout. Ha un’effervescenza media; schiuma bassa e aderente; aroma dolciastro, a base di malto tostato, caramello, cacao, cioccolato al latte, caffè, vaniglia; corpo medio di consistenza secca e cremosa; gusto dolce, con note di burro, arancia, cioccolato fondente, e un tocco di acidità finale; lungo retrolfatto amarognolo.

Apollo Blonde (DK), belgian ale di colore ambrato nebuloso: effervescenza media; schiuma alta, cremosa e persistente; aroma dolce, con sentori di mela, pera, pesca, e un pizzico di lievito piccante; corpo medio di consistenza grassa; gusto abboccato, con note di frutta, caramello, liquirizia e spezie; gradevole finale di malto; sufficiente retrolfatto amaro (g.a. 5,4%).

Apollo Bock med slåen, dunkel bock di colore ambrato: effervescenza morbida e bassa; schiuma densa, un po’ ruvida e con buona allacciatura; aroma moderato, con sentori di malto polveroso, caramello, frutta, zucchero e burro; corpo medio di consistenza da grassa ad acquosa; gusto con una certa asprezza da prugnolo, bilanciata però da una solida base di caramello, in una corsa piuttosto lunga; finale asciutto con impressione di malto tra il torrefatto e lo speziato (g.a. 5,8%).

Apollo Boekweit, speciality grain di colore arancio ambrato: morbida effervescenza; schiuma di un bianco sporco abbastanza stabile; aroma di malto e lievito piccante, con un tenue sentore di mela verde; corpo medio di consistenza grassa; gusto leggermente amaro con note di fiori, frutta, pepe, caramello bruciato, e delicata finitura dolce (g.a. 6,9%).

Apollo Bohemian Pilsner, czech pilsner di colore dorato chiaro: effervescenza decisa; spuma bianca minuta e durevole; aroma di malto, caramello, luppolo erbaceo, bacche; corpo medio; gusto di malto dolce, luppolo speziato, biscotti, pane, con finitura luppolizzata a secco; finale breve e moderatamente amaro (g.a. 5,2%).

Apollo Brown Ale, brown ale di colore marrone profondo: effervescenza media; schiuma sottile, cremosa, tenace; aroma fruttato e alquanto burroso, a base di caramello, malto tostato, paglia, lievito; corpo da leggero a medio di consistenza piuttosto acquosa; morbido, delicato gusto di frutta secca, agrumi, erba, cacao, liquirizia; finale amarognolo (g.a. 5%).

Tweet


Antonio Mennella
Info autore

Antonio Mennella

Sono nato il primo gennaio 1943 a Lauro (AV) e oggi risiedo a Livorno.
Laureato in giurisprudenza, sono stato Direttore Tributario delle Dogane di Fortezza, Livorno, Pisa, Prato.
 
La scrittura è sempre stata una delle mie passioni, che è sfociata in numerose pubblicazioni di vario genere, alcune specificatamente dedicate alla birra. Gli articoli riportati sul Giornale della Birra sono tratti da La birra nel mondo, in quattro volumi, edita da Meligrana.

Pubblicazioni: 
Confessioni di un figlio dell’uomo – romanzo – 1975
San Valentino – poemetto classico – 1975
Gea – romanzo – 1980
Il fratello del ministro – commedia – 1980
Don Fabrizio Gerbino – dramma – 1980
Umane inquietudini – poesie classiche e moderne – 1982
Gigi il Testone – romanzo per ragazzi – 1982
Il figlioccio – commedia – 1982
Memoriale di uno psicopatico sessuale – romanzo per adulti – 1983
La famiglia Limone, commedia – 1983
Gli anemoni di primavera – dramma – 1983
Giocatore d’azzardo – commedia – 1984
Fiordaliso – dramma – 1984
Dizionario di ortografia e pronunzia della lingua italiana – 1989
L’Italia oggi – pronunzia corretta dei Comuni italiani e nomi dei loro abitanti – 2012
Manuale di ortografia e pronunzia della lingua italiana – in due volumi – 2014
I termini tecnico-scientifici derivati da nomi propri – 2014
I nomi comuni derivati da nomi propri – 2015
 
Pubblicazioni dedicate alla BIRRA:
La birra, 2010
Guida alla birra, 2011
Conoscere la birra, 2013
Il mondo della birra, 2016
 
La birra nel mondo, Volume I, A-B – 2016
La birra nel mondo, Volume II, C-K -2018
La birra nel mondo, Volume III, L-Q – 2019
La birra nel mondo, Volume IV, R-Z – di prossima uscita
 
Ho collaborato, inoltre, a lungo con le riviste Degusta e Industrie delle Bevande sull’origine e la produzione della birra nel mondo.