Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 18/2018

4 maggio 2018

Dal Cilento a Parma: l’esperienza di Gregorio e la nascita di un microbirrificio!

Dal Cilento a Parma: l’esperienza di Gregorio e la nascita di un microbirrificio!

Tweet


Angelo Gregorio, nativo del Cilento ha 31 anni e vive a Parma da circa 12. Dopo aver maturato diversi anni d’esperienza nel settore della ristorazione, dove ha coltivato la passione per la birra, ha deciso di trasformarla in un lavoro vero e proprio. Una  citta, quella parmense, che gli ha consentito di mettersi in proprio e avviare un progetto imprenditoriale in cui dar spazio alla passione per le cose fatte in modo artigianale e vivere a contatto diretto con il consumatore. Un pubblico che ha saputo cogliere le peculiarità della passione di Angelo e che apprezza le sue ottime produzioni con un seguito di fidelizzazione in continua crescita.

 

.

.

 

Oggi anche Giornale della Birra ho varcato la soglia del Brewpub, per essere accolto da un’atmosfera serena ed ospitale, vocata alla birra ed alla ristorazione semplice nei gusti, ma ricercata nella qualità.

 

Angelo, il Birrificio porta il tuo cognome…di cosa ti occupi esattamente ?

Sono a capo di questa fantastica e dinamica famiglia che porta il nome di Birrificio Gregorio. Il mio obiettivo è quello di trasmettere ai miei collaboratori la passione e il valore  della qualità; proprio quest’ultima è stata la ragione per cui ho deciso di aprire un Brew Pub, dove ho voluto metterci la faccia, quindi il mio nome.  Il mio ruolo è quello di coordinare le operazioni sia del birrificio che del pub, quindi dall’acquisto delle materie prime alla ricerca e allo sviluppo delle birre.

.

.

 

Come nasce questo progetto?

Il mio progetto nasce con l’idea di promuovere e valorizzare sul territorio la “birra artigianale fatta bene” interfacciandoci direttamente con il consumatore finale; eliminando quindi qualsiasi tipo di intermediario, facendoci Garanti della freschezza del prodotto.

 

Per chi non lo sapesse, cos’è un Brew pub ?

Il Brew Pub viene configurato come un locale dove la birra viene prodotta in loco e somministrata direttamente al cliente in abbinamento a pietanze gastronomiche preparate sempre all’interno del Pub.

 

.

.

 

Come vedi il panorama delle birre artigianali nel nostro paese ?

Vedo birre e birrifici che hanno alzato di molto l’asticella della qualità e stanno portando alta la bandiera del nostro paese anche all’estero facendo da traino anche per chi come noi siamo partiti da poco; ma, ahimé, vedo anche realtà che purtroppo non sono spinte dalla passione per questo fantastico mondo ma solo da interessi di natura economica. Questo fa si che oltre a creare disinformazione e confusione al consumatore fanno percepire la birra artigianale come prodotto di bassa qualità disorientando soprattutto chi si affaccia per la prima volta ad essa.

 

.

.

 

Parlaci del vostro impianto…

Molto brevemente vi dico che il nostro è un impianto manuale da 5 hl, a due tini completamente rivestiti in rame; La cantina è composta da 7 fermentatori in cui vengono stoccati 50 hl di birra.

 

.

.

 

Per finire, quali progetti per il futuro?

Il nostro progetto è quello di farci portavoce di qualità sia di prodotto che di servizio, a breve appunto apriremo un nuovo punto vendita nel centro storico di Parma, dove il cliente sarà al centro della nostra attenzione e dove, ci tengo a precisare, saremo noi in prima persona a promuovere i nostri prodotti. Non una rete distributiva, non una catena avara di passione.

 

Maggiori informazioni: www.birrificiogregorio.it

Tweet

Luciano Galea
Info autore

Luciano Galea

Un Torinese vocato alla birra: sono un homebrewer che produce birre ad alta fermentazione. Nel mio piccolo sto facendo grandi passi avanti in questo mondo che mi piace sempre di più. Gestisco la mia pagina su Facebook chiamata Brasseria CIVICOquattro2 e con lo stesso nome ho creato un profilo Instagram. Collaboro con Giornale della Birra per condividere le mie esperienze e la mia passione, credendo fermamente che prima di scrivere di questa bevanda sia necessario studiare tanto, ascoltare le altrui esperienze e degustare con attenzione e moderazione!