Numero 37/2019

14 Settembre 2019

Reportage da Bolle di Malto: festival della birra artigianale nella splendida cornice del territorio biellese

Reportage da Bolle di Malto: festival della birra artigianale nella splendida cornice del territorio biellese

Tweet


Quest’anno ho partecipato con piacere alla quinta edizione di Bolle di Malto, rassegna biellese della birra artigianale.
Il festival si è svolto l’ultimo weekend di agosto, dal giovedì al lunedì compreso.
Una moltitudine di persone si è concentrata in piazza martiri della libertà nella città di Biella per la festa a base di birra artigianale e musica.
Ben tre band si sono susseguite in ognuna delle serate, le proposte musicali hanno spaziato da un genere e l’altro per soddisfare tutti i gusti.

Presenti ben 22 birrifici con una vastissima scelta di prodotti e varie anche le opzioni dello street food.

 

.

.

 

Il fiore all’occhiello del festival è sicuramente la cena di Gala che dà il via alla manifestazione.
Svoltasi all’interno della città dell’arte – fondazione Pistoletto, durante la serata è stato possibile interagire con i birrai.

L’evento è stato articolato in un aperitivo all’interno del cortile della struttura per poi proseguire nelle sale interne con la cena placèe.
Si sono assaporate quattro birre per quattro portate della chef Beatrice Petrini.

Ogni birra è stata ampiamente descritta dal proprio produttore.

Serata di sicuro interesse sia per chi sta sviluppando curiosità verso il mondo birraio sia per appassionati ed esperti che guidati dai birrai hanno potuto passare una serata di approfondimento delle proprie conoscenze sulle metodologie di abbinamento cibo – birra.

Con le giuste pause tra una portata e l’altra i commensali hanno potuto sperimentare gli accostamenti proposti di sapori e aromi.

La serata è trascorsa in allegria, intervallando gli approfondimenti con chiacchere e musica.

 

.

.

 

Bolle di Malto merita sicuramente una visita.
Se venite da lontano niente paura, Biella e i suoi dintorni hanno tanto da offrire!

Potete passare dallo splendido ricetto di Candelo al santuario di Oropa da cui parte una funicolare per raggiungere il monte Mucrone fino alle passeggiate nella natura all’oasi Zegna.

Non dimentichiamo i numerosi musei ed ecomusei del territorio o la possibilità di visitare un lanificio (Biella è denominata città della lana).
E per gli amanti della birra c’è casa Menabrea, museo della storica birra omonima che si trova nel centro di Biella.

Tweet


Info autore

Valentina Pé

La birra è donna. Sono una homebrewer bresciana con una passione particolare per le Blanche e le Hefe Weizen.
Ho partecipato a vari corsi di degustazione, tra cui il corso di Primo Livello Unionbirrai. Sono iscritta all’associazione Donne della Birra.
Condivido, inoltre, le mie esperienze nel mondo birraio sul profilo Instagram Beergirlfrombrixia.