Numero 37/2019

14 Settembre 2019

Dalla Scozia: Tempest Brewing Co.

Dalla Scozia: Tempest Brewing Co.

Tweet


Tratto da La birra nel mondo, Volume IV, di Antonio Mennella-Meligrana Editore

 

Tempest

(Tempest Brewing Co.) Tweedbank/Scozia

Microbirrificio in un quartiere satellitare di Galashiels, sulla riva orientale del fiume Tweed, nella regione degli Scottish Borders.

Lo scozzese Gavin Meiklejohn faceva il cuoco a Whistler, nella Columbia Britannica, dove conobbe la neozelandese Annika, che poi sposerà.

.

.

Insieme, si trasferirono in Nuova Zelanda. Qui, Gavin, pur continuando il percorso di chef, cominciò a praticare l’homebrewing, sulla spinta della Craft Beer Revolution statunitense che lo aveva contagiato. Frequentò anche un corso professionale per la produzione della birra a Sydney.

Poi la coppia rientrò in Scozia e, nel 2007, aprì a Kelso il gastropub The Cobbles, dove Gavin, appena libero dagli impegni di cucina, continuava l’homebrewing per accontentare i clienti che desideravano bere una birra locale.

Ad aprile del 2010, nei locali di un ex caseificio, nacque la Tempest Brewing Co. con un piccolo impianto costruito recuperando in parte vecchie attrezzature casearie.

Arrivò quindi, come business manager, Allan Rice, un altro scozzese con esperienza alla Stewart Brewing di Edimburgo (birrificio artigianale, fondato nel 2004 da Steve e Jo Stewart e che produce birra in piccoli lotti), nonché in Canada e Nuova Zelanda.

Seguì, nel 2015, il trasferimento in una nuova sede, a Tweedbank, con un impianto da 30 ettolitri e una linea d’imbottigliamento semiautomatica.

.

.

Poi, per meglio concentrarsi nella produzione di birra, Gavin affidò in gestione/affitto a Luca e Olivia Becattelli il pub Cobbles, che continua comunque a funzionare come una specie di Brewery Tap di Tempest.

Oggi la Tempest Brewing Co. è uno dei migliori birrifici artigianali del Regno Unito, con tanti premi e riconoscimenti collezionati nel corso degli anni (in particolare, nel 2016 e 2017, il premio per la “Scottish Brewery of the Year”). Da non dimenticare che, a fine settembre, il birrificio organizza una Oktoberfest presso la propria sede.

.

.

Tempest A Face With No Name, amber ale di colore ambrato intenso con venature rossastre e dall’aspetto velato (g.a. 6%). Pesantemente luppolizzata, strizza l’occhio all’America senza però trascurare più di tanto la tradizione della propria terra. La ricetta, chiaramente rivisitata, è quella della Bastard Child, elaborata da Gavin al tempo dell’homebrewing. Con una moderata effervescenza, la schiuma beige fuoriesce minuta, compatta, cremosa, di buona tenuta e allacciatura. L’aroma si apre fresco, pulito, elegante, in una complessità che coinvolge, da una parte, malto, biscotto, caramello, pane tostato, frutta secca, vaniglia e, dall’altra, frutta tropicale, agrumi, abete rosso, terra, resina, luppolo floreale. Il corpo medio presenta una consistenza abbastanza acquosa. Nel gusto, l’inizio è del malto tostato, della frutta secca, del biscotto, del caramello, del pane appena sfornato; al centro della lunga corsa, si esalta con discrezione la dolcezza della frutta tropicale; poi arriva l’ondata amara della terra, degli aghi di pino, della resina, della scorza di pompelmo. Il finale si sviluppa lentamente, tra secchezza, acidità e qualche nota piccantina. Nel retrolfatto, le suggestioni amarognole del luppolo lasciano più ampio spazio al malto tostato.

.

.

Tempest Double Shuck, oyster stout di colore nero profondo e dall’aspetto completamente opaco (g.a. 11%). Fece il suo esordio nel 2015, utilizzando quattro cereali (orzo, frumento, avena e segale), la recente varietà di luppolo neozelandese (per aroma e amaro) Waimea e lievito champagne per la rifermentazione in bottiglia. Il nome invece è quello inglese del “guscio”, riferito alle ostriche. Già, in questa birra, per 2 mila litri di mosto si utilizzano 200 ostriche, provenienti dall’isola santa di Lindisfarne (nel Northumberland). Ostriche, che, bollite per 90 minuti, vengono aggiunte a fine bollitura insieme alla paprica affumicata. La carbonazione è un po’ più alta della media tipologica; mentre la spessa schiuma, marrone rossastro, si rivela compatta, cremosa, tenace. L’aroma è una vera esplosione di malto tostato, fondi di caffè, butterscotch, cioccolato fondente, liquirizia, pancetta affumicata, tabacco, peperoncino; e con una non certo trascurabile sfumatura di salsedine. Il corpo medio tende al pieno, in una consistenza alquanto oleosa. Caramello, liquirizia, caffè e tostature animano l’equilibrata intensità del gusto, che pare faccia volentieri a meno del calore alcolico, potendo ciecamente contare su quello più suggestivo della paprica. Nel finale, caffè e tostature entrano in sinergia con un forte amaro resinoso. Nell’articolata ricchezza retrolfattiva si distinguono facilmente sensazioni di terra, fumo, cioccolato, vaniglia, sale marino.

.

.

Tempest All The Leaves Are Brown, brown ale di colore nero ebano assolutamente impenetrabile (g.a. 10,5%). Fu la birra con la quale, nel 2017, Tempest partecipò al Borefts Beer Festival organizzato in Olanda dal birrificio De Molen. Successivamente, ebbero inizio la rifermentazione con sciroppo d’acero e l’invecchiamento per sei mesi in botti di Heaven Hill Bourbon. La carbonazione è piuttosto bassa; la schiuma, tonaca di frate, fine, solida, cremosa, di ottima durata e allacciatura. L’olfatto si esprime con finezza attraente nella sua elevata intensità: sciroppo d’acero, fumo, legno, vaniglia, in primo piano e in secondo, malto, toffee, caramello, melassa; intanto che, dal sottofondo, si sprigiona il calore etilico e, da lontano, arriva un suggerimento di terra. Il corpo medio ha una scorrevolissima consistenza acquosa. Parimenti nel gusto, l’alcol accompagna con delicatezza ogni sorso, e il sapore si snoda morbido, intenso, coinvolgente, tra note di biscotto, caramello, toffee, butterscotch, sciroppo d’acero, equilibrate magistralmente da indizi amaricanti terrosi e di pane tostato, prima e poi, di caffè e cioccolato. Ancora lo sciroppo d’acero, supportato dalla frutta sotto spirito, impronta il frenetico finale. Le lunghe impressioni retrolfattive sono un inno al bourbon.

 

Tweet


Antonio Mennella
Info autore

Antonio Mennella

Sono nato il primo gennaio 1943 a Lauro (AV) e oggi risiedo a Livorno.
Laureato in giurisprudenza, sono stato Direttore Tributario delle Dogane di Fortezza, Livorno, Pisa, Prato.
 
La scrittura è sempre stata una delle mie passioni, che è sfociata in numerose pubblicazioni di vario genere, alcune specificatamente dedicate alla birra. Gli articoli riportati sul Giornale della Birra sono tratti da La birra nel mondo, in quattro volumi, edita da Meligrana.

Pubblicazioni: 
Confessioni di un figlio dell’uomo – romanzo – 1975
San Valentino – poemetto classico – 1975
Gea – romanzo – 1980
Il fratello del ministro – commedia – 1980
Don Fabrizio Gerbino – dramma – 1980
Umane inquietudini – poesie classiche e moderne – 1982
Gigi il Testone – romanzo per ragazzi – 1982
Il figlioccio – commedia – 1982
Memoriale di uno psicopatico sessuale – romanzo per adulti – 1983
La famiglia Limone, commedia – 1983
Gli anemoni di primavera – dramma – 1983
Giocatore d’azzardo – commedia – 1984
Fiordaliso – dramma – 1984
Dizionario di ortografia e pronunzia della lingua italiana – 1989
L’Italia oggi – pronunzia corretta dei Comuni italiani e nomi dei loro abitanti – 2012
Manuale di ortografia e pronunzia della lingua italiana – in due volumi – 2014
I termini tecnico-scientifici derivati da nomi propri – 2014
I nomi comuni derivati da nomi propri – 2015
 
Pubblicazioni dedicate alla BIRRA:
La birra, 2010
Guida alla birra, 2011
Conoscere la birra, 2013
Il mondo della birra, 2016
 
La birra nel mondo, Volume I, A-B – 2016
La birra nel mondo, Volume II, C-K -2018
La birra nel mondo, Volume III, L-Q – 2019
La birra nel mondo, Volume IV, R-Z – di prossima uscita
 
Ho collaborato, inoltre, a lungo con le riviste Degusta e Industrie delle Bevande sull’origine e la produzione della birra nel mondo.