Numero 46/2020

9 Novembre 2020

A BeerZ, Christèle Zamprogno riporta la birra in tavola

A BeerZ, Christèle Zamprogno riporta la birra in tavola

Tweet


Con questa breve intervista vi presento Christèle Zamprogno una donna della birra attiva nel nord della Francia, nella città di Cherbourg.

Quando avremo di nuovo la possibilità di viaggiare come prima, non esitate ad andare a trovarla, Christèle è orgogliosa delle sue radici italiane e vi aspetta con grande entusiasmo.

La sua piccola BeerZ custodisce non solo un’infinità di birre artigianali francesi e straniere, ma anche la chiave per aprire lo scrigno del gusto: Christèle vi condurrà con professionalità e leggerezza a scoprire degli abbinamenti prima impensabili.

Per adesso invece, vi invito a leggerla e di segnarvi assolutamente il posto nella vostra lista di beer-shop da provare.

.

.

.

.

Christèle, ci racconti la sua storia: qual è il suo lavoro e come è arrivata a dedicarsi alla birra?

Dal 2017 sono commerciante di birra e sidro, faccio scoprire gusti e creo esperienze! Amo consigliare le persone seguendo i loro desideri, i loro gusti e trovare un superbo abbinamento per accompagnare i loro pasti preparati con amore! Offro laboratori alla scoperta dello stile e beer-pairing e lavoro con ottimi ristoranti per riportare la birra in tavola.

Ma la birra non mi è sempre piaciuta incondizionatamente! 25 anni fa pensavo non mi piacesse l’amarezza, come lo zucchero, non mi piacevano le birre scure… Insomma, ero davvero ridicola!

.

.

Poi ho conosciuto Christian, che gestiva il Palais de la Bière a Lione, una vera istituzione. Quest’uomo è riuscito, con le giuste domande, zero giudizio e molta pazienza, a farmi scoprire l’immensa tavolozza di sapori della birra e farmi uscire dalla mia comfort zone.

Cinque anni fa, avevo bisogno di una svolta nella mia vita professionale. Volevo fare il passo imprenditoriale e mi sentivo a mio agio nel settore alimentare. Introdurre la birra così come ho avuto la possibilità di scoprirla è stato automatico!

Oggi sono giudice al France Bière Challenge, organizzo ogni anno un concorso di birra amatoriale, offro molti laboratori di abbinamento e degustazione e faccio parte del Cercle Bierissima, che riunisce le donne intorno alla birra. Insomma, sono appassionata e coinvolta!

.

.

Il progetto “BeerZ”: come è nata l’idea? Chi sono le persone che la accompagnano in questa avventura? Perché la scelta è ricaduta sulla birra artigianale? Quali sono le sue particolarità? Dov’è il posto?

BeerZ è un posto dove scoprire birra e sidro. È una cantina, un bar, ma anche un luogo per laboratori, incontri, eventi e collaborazioni. Con sede a Cherbourg nelle strade pedonali, sono un po’ allo stretto, ma mi piace molto! Mio marito mi aiuta sempre e ho un apprendista qualche volta. E faccio tante collaborazioni con i miei amici commercianti della zona: il casaro, il panettiere, il pasticcere, i ristoratori… Va bene tutto come pretesto per organizzare una serata, allestire un laboratorio, trascorrere del tempo insieme e animare il nostro centro storico.

Ho aperto il negozio all’inizio del 2017, dopo la formazione con Elisabeth Pierre, la zitologa francese e autrice di numerosi libri sulla birra. È lei che riunisce le donne della birra nel Cercle Bierissima! https://bierissima.com/le-cercle-bierissima/

Che tipi di birra offrite? Secondo quali criteri effettuate le vostre scelte? Chi sono i suoi clienti e che approccio hanno nei confronti della birra artigianale?

Offro 450 birre francesi e straniere, per lo più artigianali (vedere una persona dietro un prodotto è essenziale!), con una forte presenza normanna e dei nuovi prodotti ogni settimana. In cantina le mie birre sono classificate per gusto e stile, quindi cerco sempre di completare la mia proposta trovando stili più rari, gusti atipici, o al contrario stili molto tradizionali ma molto ben fatti.

La mia clientela è molto varia: uomini e donne allo stesso modo, curiosi, appassionati, buongustai, avventurieri o tradizionalisti, fanatici della birra … Cresco ed evolvo con la mia clientela! Negli anni è diventata sempre più sofisticata, curiosa ed esigente ed è un vero piacere vederla andare avanti e accompagnarla alla scoperta dei sapori della birra.

.

.

.

.

Come vede la situazione dei birrifici francesi oggi, soprattutto dopo il lockdown? Le abitudini dei loro clienti sono cambiate?

Con la chiusura di bar, ristoranti e il fermo dei festival, da marzo a giugno i birrifici francesi hanno sofferto molto. L’estate è stata intensa in termini di consumi e ha permesso ad alcuni di recuperare.

Non tutti sono stati colpiti allo stesso modo: quelli che erano molto concentrati sulla vendita di fusti, ad esempio, o quelli che non hanno continuato a fare la birra e le scorte durante l’isolamento, soffrono di più oggi.

Questi ultimi 6 mesi, seppur molto particolari e ansiogeni, hanno comunque avuto il merito di rafforzare l’attaccamento dei consumatori ai propri birrifici artigianali locali. Molti di noi l’hanno visto nei nostri negozi.

.

.

Come donna, cosa pensa del mondo della birra? Quali sono i suoi piani per il futuro?

Nonostante la sua reputazione di comunità bonaria e benevola, il mercato della birra artigianale è in forte espansione e attrae inevitabilmente la sua quota di opportunisti, feroci concorrenti e personalità velenose. Ogni anno con numerosi attacchi e umiliazioni contro le donne sul campo (osservazioni sessiste, paternalistiche, attacchi al fisico, alla competenza, la creazione di birre con un nome o un’etichetta degradante, ecc.). L’unica soluzione per combattere? Unirsi a donne e uomini che condividono gli stessi valori e la stessa passione.

Nel mio futuro, vorrei essere ancora più coinvolta negli abbinamenti birra e cibo. Lavorare con ristoranti gourmet o addirittura stellati Michelin mi galvanizza!

 

Per concludere, può dirci qual è la sua birra preferita e perché?

Che brutta domanda! 😉 Impossibile ricordare una sola birra! Come tutti, ho le mie birre “di cuore”, le mie preferite del momento, le mie birre preferite con questo o quel piatto … Inoltre, da qualche anno a questa parte, non mi stanco mai di assaggiare e associare il Pepper Trip del Birrificio Thiriez: una saison imperiale con 3 pepi (pepe nero Malabar, pepe selvatico Voansty e pepe bianco Kampot), 3 cereali e 3 luppoli. Con un uovo fritto, una raclette, foie gras saltato in padella o un pollo arrosto, è estatico! (no, non sono per niente golosa! ;-))

Tweet


Info autore

Lina Zadorojneac

Nata in Moldavia, mi sono trasferita definitivamente in Italia per amore nel 2008. Nel 2010 e 2012 sono arrivati i miei due figli, le gioie della mia vita: in questi anni ho progressivamente scoperto questo paese, di cui mi sono perdutamente infatuata. Da subito il cibo italiano mi ha conquistato con le sue svariate sfaccettature, ho scoperto e continuo a scoprire ricette e sapori prima totalmente sconosciuti. Questo mi ha portato a cambiare anche il modo di pensare: il cibo non è solo una necessità, ma un piacere da condividere con la mia famiglia e gli amici. Laureata in giurisprudenza, diritto internazionale e amministrazione pubblica, un master in scienze politiche, oggi mi sono di nuovo messa in gioco e sono al secondo e ultimo anno del corso ITS Gastronomo a Torino, corso ricco di materie interessanti e con numerosi incontri con aziende produttrici del territorio e professionisti del settore. Il corso ha come obiettivo la formazione di una nuova figura sul mercato di oggi: il tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie e agro-alimentari. Così ho iniziato a scrivere per il Giornale della Birra, occasione stimolante per far crescere la mia professionalità.