Numero 24/2020

11 Giugno 2020

Dal Colorado, una malteria artigianale di famiglia: Root Shoot malting

Dal Colorado, una malteria artigianale di famiglia: Root Shoot malting

Tweet


Di Marco Visconti

In un mondo di malterie industriali e di sfruttamento massimizzato dei terreni spuntano realtà come quelle della Root Shoot Malting, con sede a Loveland  negli USA, in cui i valori si rifanno alla famiglia e non al mero guadagno. Una malteria artigianale che ha saputo imporsi nel mercato grazie alla sua qualità ed all’ottimo rapporto con le aziende agricoli locali circostanti.

 

.

.

 

La famiglia Olander è profondamente radicata nel nord del Colorado.  Olander Farms, infatti, coltiva orzo da malto sin dalla fine degli anni ’70, originariamente per soddisfare le esigenze in crescita per Coors e Budweiser. Oggi, l’azienda agricola della famiglia è alla quinta generazione e continua a seminare e raccogliere segale, grano, mais e orzo per le imprese di produzione e distillazione artigianale.  Todd e Steve Olander, attuali proprietari di Olander Farms, si sono specializzati nella coltivazione della più alta qualità di grano locale e orzo da malto destinato per le industrie della birra e della distillazione. Come partner nel settore della birra, gli Olander sono apprezzati per gli elevati standard di produzione e si avvantaggia di un mercato locale tra i più apprezzati d’America per la birra artigianale.

 

.

.

 

Todd in una recente intervista ha affermato: “I valori di orgoglio e famiglia sono una parte essenziale del processo di Root Shoot Malting. Prendiamo ciò che abbiamo appreso dagli agricoltori prima di noi, utilizziamo le attrezzature agricole più innovative di oggi, impegnandoci ad avere il minimo impatto sui nostri terreni, per mantenere la terra sana per la prossima generazione di agricoltori Root Shoot“.

Root Shoot Malting è strutturata in modo da controllare l’intero processo di coltivazione e maltazione, dalla selezione della varietà e crescita dei cereali, alla raccolta e alla lavorazione finale in malto. Offre così ai birrifici e alle distillerie del Colorado la possibilità di acquistare prodotti artigianali locali, costanti e di alta qualità.

 

.

.

 

Le grandi cose non sono mai realizzate da una sola persona, ma da un team di persone che lavorano duramente. Root Shoot Malting apprezza le partnership simbiotiche e celebriamo la collaborazione con alcuni birrifici ed aziende agricole della zona“. Secondo Todd e la sua famiglia, quindi, collaborare con l’intera filiera dal campo alla bottiglia è la chiave del successo.

Root Shoot Malting è stata la prima malthouse artigianale negli Stati Uniti a dotarsi del celebre sistema di produzione Kaspar Schulz, realizzato a Bamberga, in Germania. L’attrezzatura è composta da un sistema di selezione dei grani, a cui segue un maceratore ed un cilindro rotante di germinazione, essicazione e torrefazione  in grado di produrre 20 tonnellate di malto artigianale a settimana.

 

.

.

 

Root Shoot Malting ha una forte attenzione alla costanza ed alla qualità dei propri prodotti, ed offre una ampia e sempre crescente selezione di malti base artigianali e malti speciali, compresi i cereali grezzi. Eclettici anche per le varietà di malti prodotti, partendo dai più classici come  pilsner, vienna, pale ale, la gamma di Root Shoot Malting si è arricchita  di selezioni autoctone, alcune vincitrici di premi internazionali. Un esempio lampante è il Genie Pale che vinse il primo premio come malto pale alla craft malters guild malt cup award nel 2019; un malto noto per i leggeri sentori di malto e sentori di pane e miele.

Tweet


Info autore

Mastro birraio ITS Agroalimentare Piemonte

Il corso biennale Mastro biennale è organizzato dalla Fondazione ITS Agroalimentare per il Piemonte. Al termine del percorso biennale di 1800 ore, 680 delle quali dedicate a esperienze lavorative in azienda, si accede all’esame di Stato per il rilascio del Diploma di tecnico Superiore, V livello EQF. Gli studenti del corso collaborano attivamente con Giornale della Birra, mettendo a disposizione dei lettori alcuni contributi elaborati durante l’esperienza formativa. Maggiori informazioni: www.agroalimentarepiemonte.it