Numero 24/2020

9 Giugno 2020

Warminster: il fascino della maltazione tradizionale, a pavimento!

Warminster: il fascino della maltazione tradizionale, a pavimento!

Tweet


Di Edoardo Avaro.

La Warminster è una importante malteria fondata in Inghilterra nel 1855 nella omonima città. Diversamente da altre malterie, la Warminster ha mantenuto i metodi di produzione tradizionali nonostante l’avanzamento tecnologico nel settore brassicolo. La malteria è conosciuta per effettuare una lavorazione tradizionalista dei malti che produce, ottenendo prodotti di altissima qualità, ma soprattutto valorizzati anche per il sistema storico con cui sono prodotti.

 

.

.

 

La Warminster è situata nella Salisbury Plain, una vallata del Wiltshire contradistinta da una elevata densità di campi di orzo destinati alla maltazione per la produzione di birra e distillati. La caratteristica peculiare della malteria è che, da sempre,  tutto l’orzo maltato dalla  Warminster proviene dai campi circostanti, parte dei quali, sono di proprietà della malteria stessa.

La malteria costruita secondo i canoni del Malt tax (abrogato nel 1880) conserva ancora oggi i metodi di maltaggio tradizionale uno su tutti: la germinazione a pavimento. Sul sito e sui materiali di promozione della malteria viene riportata la scaletta dei processi di maltaggio, sottolineando la non interferenza teconologica negli ambienti di germinazione, che avviene secondo dei meccanismi del tutto naturali e senza forzature.

 

.

.

 

Il malto viene posizionato a terra e il processo di maltazione viene fatto completamente a mano; una maltazione di questo tipo garantisce malti di altissima qualità.

La semplice maltazione, infatti, avviene in ambienti non condizionati, con temperatura e umidità privi di controllo artificiale: l’interno dei locali ha un microclima influenzato dalle condizioni naturali, con un’influenza territoriale che si rispecchia concretamente nel risultato del processo tecnologico.

Anche le fasi di lavorazione sono del tutto gestite dall’uomo e senza ricorso alla meccanizzazione: le fasi di macerazione e germinazione, prevedono l’intervento degli operatoti che rigirano manualmente e periodicamente il malto, tutto come 100 anni fa.

 

.

.

 

Le fasi di essicazione e torrefazione avvengono anche esse con i forni tradizionali, solo per i malti più scuri sono stati implementati controlli tecnologici che permettono di standardizzare le produzioni. La Warminster offre ai propri clienti una ampia gamma di malti base e speciali, tutti con il fascino della più antica e pura tradizione inglese, che li rende apprezzatissimi sia per la produzione della birra artigianale, sia dei mosti di base per la distillazione.

Tweet


Info autore

Mastro birraio ITS Agroalimentare Piemonte

Il corso biennale Mastro biennale è organizzato dalla Fondazione ITS Agroalimentare per il Piemonte. Al termine del percorso biennale di 1800 ore, 680 delle quali dedicate a esperienze lavorative in azienda, si accede all’esame di Stato per il rilascio del Diploma di tecnico Superiore, V livello EQF. Gli studenti del corso collaborano attivamente con Giornale della Birra, mettendo a disposizione dei lettori alcuni contributi elaborati durante l’esperienza formativa. Maggiori informazioni: www.agroalimentarepiemonte.it