Numero 12/2021

27 Marzo 2021

Dall’Inghilterra: Camerons Brewery

Dall’Inghilterra: Camerons Brewery

Tweet


 Tratto da La birra nel mondo, Volume II, di Antonio Mennella-Meligrana Editore

Camerons

(Camerons Brewery) Hartlepool/Inghilterra

Il maggior produttore di ale tradizionali dell’Inghilterra nordorientale, nella contea di Durham. È una fabbrica che trae le proprie origini dalla Lion Brewey, fondata nel 1852 da William Waldon, un contadino originario di Gainford.

Nel 1865 John William Cameron, all’età di 24 anni, entrò nella Lion Brewery. Alla morte di Waldon, nel 1854, la fabbrica passò alla vedova, Jane. Nel 1872 Cameron prese in locazione per 21 anni la fabbrica e le sue 16 public house. Alla scadenza del contratto, nel 1893, Cameron acquistò la fabbrica, che diventò pubblica l’anno dopo, col fratello minore Watson amministratore delegato.

Nel 1992 la società passò alla Wolverhampton & Dudley, senza comunque il minimo danno per la qualità dei prodotti. Anzi furono effettuati grossi investimenti nella fabbrica. Infine, nel 2002, essa fu rilevata dalla vicina Castle Eden (vedi Whitbread) che la rilanciò col nome attuale. Non solo, chiuse il proprio stabilimento e trasferì la produzione a Hartlepool.

.

.

Oggi la Camerons Brewery, con l’acqua attinta alle due fonti artesiane di proprietà profonde 90 metri (risalenti almeno al 1572), realizza un milione di ettolitri di birra all’anno. Ma, anche se il suo cavallo di battaglia sono le cask conditioned ale, rifermentate con un lievito particolare che arrotonda il gusto ed emana sottili sentori fruttati, l’80% della produzione coinvolge birra a contratto per altre aziende, come la Heineken (che possiede il 24% della società) e la Carlsberg.

.

.

Camerons Nimmos XXXX, blond ale tradizionale di colore oro pallido (g.a. 4,4%). Con una carbonazione quasi piana, la spuma, bassa e cremosa, non ha lunga durata. L’olfatto rivela subito il deciso carattere di malto e di luppolo, non senza qualche accenno di erbe, fiori, ananas. Il corpo, medio-leggero, presenta una consistenza acquosa. Il gusto, dopo l’imbocco dolce di zucchero d’orzo, prende via via note fruttate e, infine, amare di resina e di pino. L’amarore ritorna nel corto retrolfatto, perfettamente asciugato e ripulito al termine di una corsa più che regolare.

.

.

Camerons Strongarm, bitter di colore rosso rubino chiaro (g.a. 4,3%). Un tempo veniva fabbricata per gli operai delle acciaierie locali. La spuma si leva minuta, soffice, gestita da un’effervescenza di media intensità. L’aroma è carico di frutta, con sentori anche di caramello, malto tostato, luppolo speziato, e un lontano richiamo di whisky. Il corpo medio, dalla trama fra cremosa e acquosa, scorre soffice e brillante, appoggiando un gusto delicatamente amaro con una nota finale asciutta, pulita. Dal retrolfatto si levano sensazioni di legno e pane abbrustolito.

Camerons Best Bitter, bitter di colore rame scuro (g.a. 3,6%). Un po’ meno leggera della Strongarm, è molto diffusa tra i lavoratori del posto. L’effervescenza bassa determina una schiuma spessa, stabile e di buona allacciatura. L’aroma è debole, comunque persistente, nei suoi sentori di malto tostato, caramello, frutti di bosco. Il corpo medio ha una trama più acquosa che grassa. Una solida base di malto fa da sfondo a un delicato quanto piacevole gusto di luppolo terroso, con amarore da cereali bruciati. Un vago fruttato segna il corto finale. Nel discreto retrolfatto rimangono impressioni astringenti di mela acerba.

Tweet


Info autore

Antonio Mennella

Sono nato il primo gennaio 1943 a Lauro (AV) e oggi risiedo a Livorno.
Laureato in giurisprudenza, sono stato Direttore Tributario delle Dogane di Fortezza, Livorno, Pisa, Prato.
 
La scrittura è sempre stata una delle mie passioni, che è sfociata in numerose pubblicazioni di vario genere, alcune specificatamente dedicate alla birra. Gli articoli riportati sul Giornale della Birra sono tratti da La birra nel mondo, in quattro volumi, edita da Meligrana.

Pubblicazioni: 
Confessioni di un figlio dell’uomo – romanzo – 1975
San Valentino – poemetto classico – 1975
Gea – romanzo – 1980
Il fratello del ministro – commedia – 1980
Don Fabrizio Gerbino – dramma – 1980
Umane inquietudini – poesie classiche e moderne – 1982
Gigi il Testone – romanzo per ragazzi – 1982
Il figlioccio – commedia – 1982
Memoriale di uno psicopatico sessuale – romanzo per adulti – 1983
La famiglia Limone, commedia – 1983
Gli anemoni di primavera – dramma – 1983
Giocatore d’azzardo – commedia – 1984
Fiordaliso – dramma – 1984
Dizionario di ortografia e pronunzia della lingua italiana – 1989
L’Italia oggi – pronunzia corretta dei Comuni italiani e nomi dei loro abitanti – 2012
Manuale di ortografia e pronunzia della lingua italiana – in due volumi – 2014
I termini tecnico-scientifici derivati da nomi propri – 2014
I nomi comuni derivati da nomi propri – 2015
 
Pubblicazioni dedicate alla BIRRA:
La birra, 2010
Guida alla birra, 2011
Conoscere la birra, 2013
Il mondo della birra, 2016
 
La birra nel mondo, Volume I, A-B – 2016
La birra nel mondo, Volume II, C-K -2018
La birra nel mondo, Volume III, L-Q – 2019
La birra nel mondo, Volume IV, R-T – 2020
 La birra nel mondo, Volume V, U-Z– 2021
Ho collaborato, inoltre, a lungo con le riviste Degusta e Industrie delle Bevande sull’origine e la produzione della birra nel mondo.