Numero 40/2019

5 Ottobre 2019

Inghilterra: Timothy Taylor Brewery

Inghilterra: Timothy Taylor Brewery

Tweet


Tratto da La birra nel mondo, Volume IV, di Antonio Mennella-Meligrana Editore

Taylor

(Timothy Taylor Brewery) Keighley/Inghilterra

Birrificio regionale del West Yorkshire. Fu fondato nel 1858 a Cook Lane da Timothy Taylor che, 1863, lo trasferì in locali più grandi a Knowle Spring.

.

.

E’ tuttora di proprietà della famiglia, ma non più a conduzione familiare dal 2014, quando l’amministratore delegato Charles Dent si ritirò per diventarne presidente.

.

.

Timothy Taylor’s Landlord, ordinary bitter ale di colore ambra dorato (g.a. 4,1%, 4,3% in botte condizionata). Alla spina, è disponibile nei pub collegati al birrificio e spesso anche come birra ospite in altri pub, in particolare nello Yorkshire; in bottiglia invece, ha diffusione nazionale. Creata per i minatori, con l’intento di competere con la rivale Barnsley Bitter, nel 1994 fu meritatamente eletta “migliore birra della Gran Bretagna”. La carbonazione è correttamente bassa; la schiuma biancastra, fine, soffice, cremosa, di sufficiente tenuta. Un intenso, persistente, profumo floreale e di luppolo agrumato tiene testa agli scalpitanti sentori di malto caramellato, frutta, miele, pane tostato, lattosio, anche  lieve diacetile. Il corpo, di buona struttura, accusa una morbidezza alquanto spigolosa. Il gusto, orientato all’amabilità del malto con una nota distintamente burrosa, vira verso un amarore erbaceo che, verso il finale, si evolve in una piacevole consistenza acidula. La suggestione di scorza di limone/pompelmo, latente durante l’intero percorso, si manifesta senza remore nella rinfrescante persistenza retrolfattiva.

 

Tweet


Antonio Mennella
Info autore

Antonio Mennella

Sono nato il primo gennaio 1943 a Lauro (AV) e oggi risiedo a Livorno.
Laureato in giurisprudenza, sono stato Direttore Tributario delle Dogane di Fortezza, Livorno, Pisa, Prato.
 
La scrittura è sempre stata una delle mie passioni, che è sfociata in numerose pubblicazioni di vario genere, alcune specificatamente dedicate alla birra. Gli articoli riportati sul Giornale della Birra sono tratti da La birra nel mondo, in quattro volumi, edita da Meligrana.

Pubblicazioni: 
Confessioni di un figlio dell’uomo – romanzo – 1975
San Valentino – poemetto classico – 1975
Gea – romanzo – 1980
Il fratello del ministro – commedia – 1980
Don Fabrizio Gerbino – dramma – 1980
Umane inquietudini – poesie classiche e moderne – 1982
Gigi il Testone – romanzo per ragazzi – 1982
Il figlioccio – commedia – 1982
Memoriale di uno psicopatico sessuale – romanzo per adulti – 1983
La famiglia Limone, commedia – 1983
Gli anemoni di primavera – dramma – 1983
Giocatore d’azzardo – commedia – 1984
Fiordaliso – dramma – 1984
Dizionario di ortografia e pronunzia della lingua italiana – 1989
L’Italia oggi – pronunzia corretta dei Comuni italiani e nomi dei loro abitanti – 2012
Manuale di ortografia e pronunzia della lingua italiana – in due volumi – 2014
I termini tecnico-scientifici derivati da nomi propri – 2014
I nomi comuni derivati da nomi propri – 2015
 
Pubblicazioni dedicate alla BIRRA:
La birra, 2010
Guida alla birra, 2011
Conoscere la birra, 2013
Il mondo della birra, 2016
 
La birra nel mondo, Volume I, A-B – 2016
La birra nel mondo, Volume II, C-K -2018
La birra nel mondo, Volume III, L-Q – 2019
La birra nel mondo, Volume IV, R-Z – di prossima uscita
 
Ho collaborato, inoltre, a lungo con le riviste Degusta e Industrie delle Bevande sull’origine e la produzione della birra nel mondo.