Numero 50/2020

9 Dicembre 2020

Brewrise ci fa scoprire il mondocraft americano

Brewrise ci fa scoprire il mondocraft americano

Tweet


I birrifici degli Stati Uniti continuano ad essere i protagonisti del panorama craft e sono da sempre anticipatori di gusti e tendenze, soprattutto grazie alla costante voglia di sperimentare e di creare nuovi stili di birra.

Sempre più spesso, infatti, anche in Italia, i veri appassionati delle birre artigianali, si stanno lasciando conquistare non solo dalle american pale ale e american IPA, ma anche da stili più contemporanei come le New England IPA, e ancora le Milkshake IPA o le sour.

Proprio per questo Brewrise, tra i più importanti importatori italiani nel panorama delle birre artigianali da tutto il mondo, è costantemente impegnata nell’offrire birre uniche, bilanciando tradizione e modernità, con uno sguardo attento alle nuove tendenze ed evoluzioni.

 

Le proposte americane di Brewrise, infatti, includono alcuni tra i migliori birrifici d’oltreoceano.

Founders Brewing, il birrificio nato dal sogno di Mike Stevens e Dave Engbers, due giovani appassionati di birra che hanno deciso di mollare tutto e inseguire il loro sogno: creare birre per un ristretto gruppo di rinnegati e ribelli che vogliono oltrepassare i limiti di ciò che è comunemente accettato come gusto; “brewed for us”. Le birre di Founders spaziano dalle year-round alle limited edition perfinire con la celebreBarrel Aged Series. Birra icona è sicuramente la All Day, una session IPA dalle intense note agrumate e di miele. Founders però è conosciuto soprattutto per essere il precursore delle birre invecchiate in botte.

Recentemente però Brewrise ha deciso di puntare anche sulle birre in lattina, un concetto sempre più accettato dai consumatori e una tendenza destinata a crescere anche nel nostro paese.

 

 

A questo proposito troviamo le specialità di Oskar Blues, tra i primi ad introdurre negli Stati Uniti la birra artigianale in lattina, dando vita ad una vera e propria rivoluzione. Dale’s Pale Ale, definita l’American Pale Ale degli ultimi vent’anni, è la birra simbolo di questo birrificio.

Sempre dal Colorado e più precisamente da Boulder, troviamo Avery Brewing. Birre che coniugano tradizione ed esperienza con l’ingegno, la creatività e l’audacia made in USA. L’emblematica White Rascal, un’autentica bianca in stile belga, sapientemente speziata con coriandolo e Curaçao, è la birra di punta. L’intera gamma fa delle IPA lo stile più rappresentato, ma annovera anche birre sour alla frutta e birre maturate in legno.

In Florida, a Tampa, prendono vita le birre di Cigar City Brewing, da dieci anni tra i migliori birrifici al mondo e indubbiamente tra le realtà più interessanti dello scenario attuale. Alla base c’è la filosofia e la ricerca della qualità. Ingredienti di prima scelto e uno spazio dove essere liberi di esprimere passione e creatività. Birre non convenzionali, ricordano il sole e gli agrumi, elementi che caratterizzano la Florida, mentre i nomi si ispirano al mondo ispanico caraibico.

 

Di recente Brewrise ha comunicato di aver stipulato un nuovo accordo di importazione esclusiva delle specialità di Deschutes Brewery, il birrificio per antonomasia della costa nordoccidentale degli Stati Uniti, la quintessenza della birra craft. Fondato nel 1988, Deschutes è un birrificio indipendente a conduzione familiare fin dalla sua fondazione e con profonde radici nello stato dell’Oregon. Black Butte Porter e Mirror Pond Pale Ale, da decenni le birre flagship di questo birrificio, continuano a dettare lo stile e a conquistare il pubblico di veri intenditori, ma troviamo anche birre più contemporanee come FreshSqueezed e FreshHaze.

 

Per informazioni: info@brewrise.comwww.brewrise.com

Tweet


Info autore

Redazione Giornale della Birra

La Redazione del Giornale della Birra, tra un boccale e l’altro, prepara gli articoli che vedete su queste pagine.
Inoltre, da’ spazio a tutti gli amici e visitatori del sito che ci inviano i loro contributi, indicandone gli autori. Contattaci se vuoi collaborare con noi!