Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 42/2018

16 Ottobre 2018

Arriva in Italia Hope Beer: i dettagli delle serate

Arriva in Italia Hope Beer: i dettagli delle serate

Tweet


Mancano ormai pochi giorni all’arrivo in Italia dello staff del birrificio artigianale irlandese Hope Beer, portato nel nostro Paese in esclusiva da Beergate per la rassegna Mastri birrai on the road: e i locali ospitanti, diffusi in cinque regioni nel Nord Italia, hanno reso noti i dettagli delle serate organizzate per accogliere i birrai dublinesi.

 

.

.

 

Si inizia a pieno regime giovedì 18 ottobre con ben quattro locali: La Mangiatoia di Alassio (Savona), i due The Kitchen di Casorezzo (Milano) e Galliate (Novara), e Lortica Garden Wine di Bologna. I primi due proporranno una serata all’insegna dell’abbinamento tra il cibo e la birra – basti citare il fatto che La Mangiatoia è un unicum a livello nazionale in quanto alle carni presenti a listino –, mentre a Lortica ci sarà un’occasione di dialogo davanti alle 11 spine tra pubblico e birrai.

.

.

 

Venerdì 19 si prosegue con The Shamrock di Lecco – che ha ricevuto quest’anno ben tre nomination al prestigioso premio Irish Pub Global Awards di Galway – e il Capanigra Birra e Cucina di Lavagna (Genova). Anche qui la serata sarà all’insegna dell’accompagnamento di ciò che sta nel piatto con ciò che sta nel bicchiere, con un’intera cena a tema nel caso dello Shamrock e un hamburger creato ad hoc – Fassona, burrata e cipolle caramellate – nel caso del Capanigra. Si conclude infine sabato 20 con il Paddy’s Irish Pub di Creazzo (Vicenza), dove un piatto elaborato per l’occasione e la musica di Dj Gian con i suoi vinili accompagneranno l’incontro con lo staff di Hope Beer.

 

.

.

 

«Ci fa piacere constatare come questo format, che propone l’incontro tra pubblico e birrai all’interno dei pub, continui a funzionare e a crescere – affermano Marco e Luca Di Lella, titolari di Beergate –. In una fase storica in cui sembra che, per contrastare la fine del boom della birra artigianale, sia necessario inventarsi sempre qualcosa di nuovo per mantenere vivo l’interesse, il fatto che Mastri Birrai on the road non dia segni di stanchezza dopo quattro edizioni è la dimostrazione che si tratta di una formula efficace nella sua semplicità: far conoscere i prodotti tramite il dialogo diretto tra chi li produce, chi li serve e chi li consuma».

Hope Beer, Beergate e i locali coinvolti vi aspettano quindi da giovedì 18 a sabato 20 ottobre; tutti i dettagli delle serate su mastribirraiontheroad.blogspot.it. Leggi anche l’intervista a Jeanne Mahony di Hope Beer per il Giornale della Birra.

Tweet

Chiara Andreola
Info autore

Chiara Andreola

Veneta di nascita e friulana d’adozione, dopo la scuola di giornalismo a Milano ho lavorato a Roma – dove nel 2009 ho conseguito il titolo di giornalista professionista – e a Bruxelles al DG Comunicazione della Commissione Europea. Lì sono iniziati i miei primi timidi approcci con la birra, tra cui la storica Bush de Noel che ha finito per mettere il sigillo definitivo alla storia d’amore tra me e il mio futuro marito – e già da lì si era capito che una storia d’amore era nata anche tra me e la birra. Approdata a Udine per seguire appunto il marito, qui ho iniziato ad approfondire la mia passione per la birra artigianale grazie al rapporto in prima persona con i birrai – sia della regione che più al largo – e i corsi di degustazione tenuti dal prof. Buiatti all’Università di Udine; così dal 2013 il mio blog è interamente dedicato a questo tema con recensioni delle birre e resoconti delle miei visite a birrifici, partecipazioni ad eventi e degustazioni. Le mie collaborazioni con pubblicazioni di settore come Il Mondo della Birra e Nonsolobirra.net, con eventi come la Fiera della Birra Artigianale di Santa Lucia di Piave e il Cucinare di Pordenone, e la conduzione di degustazioni mi hanno portata a girare l’Italia, la Repubblica Ceca, il Belgio e la Svezia. Ora sono approdata anche al Giornale della Birra, un altro passo in questo mio continuare a coltivare la mia passione per il settore e la volontà di darvi il mio contributo tramite la mia professione.