Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 04/2019

26 Gennaio 2019

Fumose terme: il reportage di un’abbinamento insolito!

Fumose terme: il reportage di un’abbinamento insolito!

Tweet


Una fitta nebbia densa stringeva in una morsa gli ospiti dell’hotel, il sudore imperlava le fronti riflettendo  il sole pallido di una fredda mattina di gennaio…

Potrebbe sembrare l’inizio di un romanzo thriller e invece no, si tratta dell’ inizio del primo di due giorni dedicati all’ evento “Terme Fumose 2019” ospitato presso il Grande Hotel Terme a Montegrotto Terme ( PD).

Evento organizzato dal pipa club “Sottil fil di fumo”.

L’evento arrivato alla sua terza edizione quest’anno indossa una veste cerimoniale in quanto in questa occasione si annuncia la partnership ufficiale tra due grandi realtà del fumo lento; il CCA- Cigar Club Association, realtà alla guida dei Club e degli amanti dei sigari, con il Pipa Club Italia, realtà alla guida dei Club e degli amanti della pipa.

 

.

.

 

Sabato 19 gennaio 2019 alle 10,30 AM si da il via, intera giornata dedicata alle terme e alla spa , al calar del sole “aperitivo fumoso’ e la sera cena con a seguire degustazione di birre selezionate del Birrificio Gjulia (San Giorgio al Natisone UD) in abbinamento a un sigaro cubano il Superiore Ramon Allones LCDH.

Per alcuni può sembrare impossibile  da credere ma garantisco che tra birra e tabacco le affinità sono davvero tante.

La degustazione viene condotta a “doppi sensi” ( perdonate la pessima battuta),

la parte birra organizzata e gestita da me , Barbara Lombardi beersommelier e membro del Consiglio Direttivo dell ‘Associazione Le Donne Della Birra e la parte sigaro dal catador Giuseppe Dussin Presidente del Cigar Club “Corporacion del Puro”.

Le tre birre del Birrificio  Gjulia scelte per la degustazione  che secondo noi meglio si abbinavano alla fumata sono là  OVEST-AMBRATA, là SUD-NERA e il BARLEY WINE barrique quest’ultimo primo classificato nel 2017 come birra dell’anno nella categoria  birre affinate in legno a bassa ed alta fermentazione.

Serata molto carica, il pubblico era formato da sessanta “persone fumose” più tutti gli addetti ai lavori, molto impegnativo è stato il servizio, circa duecento bicchieri (un bicchiere per ogni birra) rigorosamente riempiti al momento da un esperto beersommelier ma nonostante  il fermento tutto è’ andato per il meglio.

 

.

.

 

Sono circa le due del mattino quando i ritardatari si scambiano gli ultimi saluti tutti pronti a ricominciare da lì a poche ore con la seconda giornata dell’ evento che prevede la gara per il 48esimo campionato italiano di fumo lento.

In conclusione posso affermare con assoluta certezza che l’evento è stato un successone ma d’altra parte come poteva essere altrimenti…Eh si per poco mi dimenticavo di dirvi che … Gli attori indiscussi di questo evento tra sigari, pipe e birre in realtà sono attrici, tre figure femminili che si sono fatte spazio in un mondo che per troppo tempo e’ stato per lo più maschile, Genny Magrin del Club della pipa “Sottil fil di fumo”e Silvia Zanovello del Club del sigaro “Corporacion del Puro” e di CCA(Cigar Club association) che oltre ad aver gestito  e organizzato la serata sono anche le due menti che hanno portato i due club a creare questa partnership, ed io che da vera “Donna Della Birra” ancora una volta ho avuto la possibilità di rendere onore alla spumeggiante bevanda.

Tweet


Barbara Lombardi
Info autore

Barbara Lombardi

Sono Barbara, Bi per gli amici!
Salernitana di nascita, fin da bambina per questioni di famiglia ho vissuto tra Salerno e Padova.
All’età di 24 anni mi sono trasferita definitivamente a Padova dove la stretta vicinanza con il mio papà ,gran cultore della buona cucina e dell’ottima birra, ha scosso la mia primitiva passione per “ l’arte del mangia e bevi bene”; così ,fuoco ai fornelli e in alto il bicchiere, è cominciata la mia crociata.
Appassionata di birra, all’improvviso ho sentito la necessità, oltre che di berla anche di respirarla… A 360°!
Circa due anni fa la svolta, mi sono iscritta ad un’Accademia delle professioni e mi sono diplomata come beersommelier, da lì il via…
Nasce così Beer Manager 360°, attività che si occupa di servizi legati al mondo della birra a 360°, dalla realizzazione della carta delle birre alla degustazione guidata, dalla creazione di ricette gastronomiche a base di birra alla loro realizzazione come chef a domicilio, oltre alle partnership con i birrifici per rappresentanze, distribuzioni, festival ed organizzazione eventi e altro ancora.
Credo molto anche nella diffusione della figura femminile nel mondo della birra, faccio parte dell’Associazione Nazionale le Donne della Birra, sono la delegata per le regioni Valle d’Aosta, Veneto ed Emilia Romagna. Tra i vari scopi dell’Associazione appunto c’è quello di valorizzare il ruolo della donna in ambito birrario e la promozione di una cultura della birra di qualità.
Sono come la birra … frizzante e spumeggiante, conciliante e aggregante!