Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 45/2018

7 Novembre 2018

Best Craft Beer Label: una sana competizione sul “vestito” delle birre artigianali!

Best Craft Beer Label: una sana competizione sul “vestito” delle birre artigianali!

Tweet


“L’abito non fa il monaco” recita l’antico ed indiscusso proverbio della saggezza popolare, ma “il vestito fa la bottiglia” è una certezza per i commerciali ed esperti di marketing delle birre artigianali. Da questo spunto il CRAFT BEER ITALY 2019, l’attesissima manifestazione che si terrà a Milano dal 27 al 28 marzo prossimo, lancia il primo concorso dedicato esclusivamente alle etichette di birra artigianale, nato per riconoscere e promuovere l’impegno dei birrifici al continuo miglioramento della propria forza comunicativa verso i consumatori.

Una competizione innovativa per la scena italiana, ma che si preannuncia come un’occasione molto interessante per riflettere e dibattere sul tema del packaging e degli stili di comunicazione che hanno assunto in Italia, più che all’estero, sfaccettature variegate e non sempre di facile interpretazione da parte dei clienti.

Per conoscere meglio le modalità di partecipazione al concorso e come avverrà la selezione, nonché per un aggiornamento sul programma dell’evento, abbiamo intervistato Elena Jordens, responsabile di progetto CRAFT BEER ITALY 2019.

 

.

.

 

Elena, complimenti innanzitutto per l’ingegnosità della sfida: quali sono le modalità di partecipazione ed a quali target di competitors si rivolge?

Anche noi siamo davvero orgogliose di aver lanciato questa sfida, aperta a tutte le etichette di birre artigianali prodotte in Italia. Ovviamente non dimentichiamo le beerfirm, per le quali sarà necessario indicare il birrificio artigianale presso cui la birra è prodotta. Esattamente come a CRAFT BEER ITALY, evento 100% artigianale, così anche al nostro concorso la parola d’ordinesarà proprio birra artigianale commercialmente reperibile.

Le iscrizioni sono aperte e con grande soddisfazione abbiamo già accolto le prime candidature. Iscrivetevi quindi al più presto, scaricando il modulo di partecipazione sul sito ufficiale di CRAFT BEER ITALY. Inviatecelo compilato entro il 12 dicembre…e che vinca il migliore!

 

.

.

 

Come ogni “gara” saranno individuati ed annunciati dei vincitori: quali elementi distintivi guideranno la giuria nella selezione? E quando avverranno le premiazioni?

L’annuncio dei vincitori avverrà durante CRAFT BEER ITALY 2019, rendendo ancora più imperdibile per il mondo brassicoloil nostro evento. Verranno premiati il primo, il secondo e il terzo classificato scelti dalla giuria sulla base di diversi criteri, tra cui l’impatto visivo, la capacità di trasmettere lo stile del birrificio, ma anche il materiale più innovativo e la chiarezza per il consumatore. Ci fa molto piacere che i giudici abbiano accolto con grande entusiasmo il nostro invito, soprattutto perché si tratta di professionisti provenienti da vari settori, che hanno fatto dell’amore per la birra artigianale il loro lavoro. Per conoscere i loro nomi basta tenere d’occhio il nostro sito internet.

Non volevamo però trascurare il mondo dei consumatori e appassionati di birra per cui le etichette vengono pensate. Per questo anche il pubblico potrà esprimere la propria preferenza tramite il contest che lanceremo sulla nostra pagina Facebook; l’etichetta vincitrice verrà svelata sempre a CRAFT BEER ITALY 2019. Preparatevi quindi a mettere i vostri like alle etichette che più vi colpiscono. A giudicare dalle prime etichette ricevute se ne vedranno davvero delle belle!

 .

.

 

Da esperti del settore, quale messaggio di fondo credete di poter infondere nel comparto delle craft beer grazie a questa iniziativa?

Prima di tutto desideriamo che il comparto della birra artigianale trovi veramente a CRAFT BEER ITALY una casa, un team attento ai suoi bisogni e alla sua crescita professionale con un respiro internazionale. Per questo tutte le nostre iniziative sono volte a valorizzare l’impegno dei birrifici artigianali per emergere e per migliorarsi. Non potevamo quindi non dare il giusto peso al mondo delle etichette, con cui i birrifici esprimono il loro stile e tutta la creatività che ha reso la birra artigianale made in Italy riconosciuta e apprezzata.

 

Ma parliamo dell’attesissimo evento di CRAFT BEER ITALY 2019: quali novità potete svelarci in anteprima?

CRAFT BEER ITALY 2019 si presenta in una veste nuova: una location con spazi più ampi, sia per la mostra che per la conferenza. Il cuore della manifestazione però non cambia: riconfermiamo infatti il format vincente, fatto di incontri B2B, formazione di qualità e partner di rilievo. A differenza dei festival, a CRAFT BEER ITALY i birrifici sono solo visitatori e vengono unicamente per assistere alle conferenze e toccare con mano le novità di settore sugli stand.

Nessun birrificio potrà mancare a CRAFT BEER ITALY 2019, non solo per il concorso etichette, ma anche perché ospiteremo il campionato italiano dei Biersommelier Doemens. Per il 2019 abbiamo anche rafforzato la cooperazione con Unionbirrai e con i nostri due partner internazionali Doemens e VLB Berlino. Insieme a loro offriremo non uno, ma addirittura 4 punti degustazione.

La parte espositiva, dedicata a materie prime, tecnologie, marketing e packaging per la birra artigianale, sarà più ampia e siamo fiere che diverse importanti aziende internazionali abbiano proprio scelto CRAFT BEER ITALY 2019 per presentarsi ai birrifici italiani, che avranno così un occasione unica di dialogare con loro.

L’accesso alla parte espositiva sarà gratuito, mentre le conferenze rimarranno a pagamento come lo scorso anno. A breve aprirà la biglietteria e i primi 100visitatori che acquisteranno due giornate di conferenza avranno in regalo un calice serigrafato CRAFT BEER ITALY!

 

Ma non possiamo ancora svelare tutto: continuate a seguirci sui nostri canali social per scoprire tutte le sorprese che vi stiamo preparando…

 

.

.

 

Durante la due giorni si susseguiranno numerose conferenze tecniche: quali i temi “caldi” saranno affrontati?

L’aggiornamento professionale dei birrifici artigianali è il motivo per cui CRAFT BEER ITALY è nata e quindi la parte delle conferenze ci sta particolarmente a cuore. Il programma verrà pubblicato online tra poche settimane, ma possiamo già anticiparvi che un occhio di riguardo verrà dato all’internazionalizzazione, ospiteremo infatti relatori stranieri provenienti sia dal mondo birraio che da quello delle materie prime e tecnologie. Parola chiave sarà l’alto livello tecnico, che sarà più elevato rispetto alla scorsa edizione, per offrire sempre più stimoli a tutto il comparto, compresi i birrifici più strutturati.

 

 

Non resta che darci appuntamento a Milano, dal 27 al 28 marzo per scoprire i vincitori della Best Craft Beer Label Competition e, soprattutto, apprezzare la ricchezza espositiva e culturale di CRAFT BEER ITALY 2019.

Maggiori informazioni sull’evento e sulla competizione al sito web: www.craft-beer-italy.it

Tweet

Massimo Prandi
Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!