Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 52/2017

27 dicembre 2017

Birrificio Epica: amicizia e passione per le semplici cose

Birrificio Epica: amicizia e passione per le semplici cose


 

L’amicizia è un sentimento da vivere, condividere e raccontare. E proprio oggi ho deciso di condividere con voi la storia di un’amicizia, profonda ed indissolubile, che parla di amore e passione per le semplici cose. Il termine “epica”, deriva dal greco antico ἕπος (epos) che significa “parola”, ed in senso più ampio “racconto”, “narrazione. Oggi vi racconto la storia del birrificio Epica, nato nel 2013 in una vallata della Sicilia nord-orientale, a Sinagra, dalla passione e appunto dalla grande amicizia dei tre soci fondatori, Elio, Piero e Carmelo. L’impegno, il rispetto delle tradizioni, la voglia di sperimentare sono gli assi portanti su cui si fonda il birrificio.

Ho avuto l’occasione di godere dell’ospitalità del birrificio Epica facendo una breve conversazione con Carmelo, il birraio del birrificio.

 

.

.

 

 

Allora Carmelo, la vostra storia è bella perché nasce tutto da questo grande sentimento che è l’amicizia. Il vostro motto è appunto: “da un’amicizia mitica una birra epica”. Raccontaci la vostra storia.  

Si, il birrificio è l’apice della nostra amicizia, il coronamento di un sogno. Con Elio e Piero siamo amici fin dall’infanzia, tutti e 3 eravamo compagni di scuola, abbiamo avuto per tanti anni una rock band e suonavamo nella banda del paese. Inoltre avevamo un’associazione di promozione di eventi e soprattutto la passione di homebrewer. Così, anche per non abbandonare la nostra terra, per cercare di investire il nostro tempo e il nostro denaro in qualcosa che ci potesse far rimanere in Sicilia, abbiamo avviato questo progetto. Il nome del birrificio è preso dalle iniziali dei nostri tre nomi (Elio, Piero e Carmelo).

.

.

 

 

Quali e quante birre comprende la vostra gamma al momento?

La nostra linea consta di 8 birre totali. La nostra prima birra, la “Eolo” è una Pale Ale in stile Inglese con una luppolatura molto frescache la rende molto facile da bere.È una birra leggera, dal corpo medio e dall’olfatto floreale, con un ingresso caratterizzato dal malto e da un equilibrato e fine contrasto di amaro dovuto ai luppoli inglesi. La “Polifemo” è un’Apa in stile americano, abbastanza luppolata e robusta sia nel corpo che nell’aroma anche grazie all’utilizzo dei luppoli usati in dry hopping. La “Cerere” è una classica Weiss in stile tedesco, l’abbiamo fatta semplice senza aggiungere altro, è di facile beva e molto rinfrescante. La“Tifeo” è una BelgianAle con aggiunta di miele di ape nera siciliana, caratterizzata dalle dolci note del malto e dall’utilizzo del lievito belga. “Ares” è un’Imperial Stout da 7 gradi in cui dominano gli aromi tostati del caffè e della liquirizia mentre al palato è morbida con dei sentori di cioccolato fondente. La “Kore” è la nostra White Ipa speziata con il pepe rosa in cui emergono le note agrumate del luppolo che lasciano spazio ad un finale amaro e secco. In più produciamo 2 birre stagionali. La “Pan” che è una Brown Alecon nocciole dei Nebrodi che produciamo soltanto nel periodo della raccolta delle nocciole sfruttando la vocazione del nostro territorio. Ha una gradazione alcolica di 6 gradi, ma  ampio spazio è lasciato al gusto morbido della nocciola. Nel periodo natalizio aggiungiamo anche la “Epichristmas” che è la nostra birra di Natale, e si caratterizza perché ogni anno ha una personalità cangiante.

 

.

.

 

Avete prodotto una birra con luppolo completamente siciliano. Immagino vi abbia dato grande soddisfazione. 

Si, il nostro luppolo è ancora a livello sperimentale e ci vorrà ancora tempo però ci stiamo appoggiando ad una piccola azienda siciliana che ha impiantato da qualche anno dei lotti qui in Sicilia e così abbiamo potuto fare la nostra prima birra con interamente luppoli siciliani. E’ stato per noi motivo di orgoglio e grande soddisfazione.

 

Alcune beerfirm vengono da voi a produrre le loro ricette, ciò significa che gestite bene la vostra azienda e che il vostro impianto è veramente efficiente.

Siamo molto contenti di collaborare con le beerfirm e produrre per loro. Cerchiamo di essere quanto più possibile ospitali senza avere nessuna rivalità con loro e neanche con altri colleghi birrai con cui ci consigliamo, ci confrontiamo e cerchiamo insieme di migliorare le birre che si producono.

 

.

.

 

 

Siete tra i birrifici siciliani più dinamici, partecipate sempre ad eventi e siete cresciuti esponenzialmente in questi pochi anni.

Non rimaniamo mai fermi. Siamo sempre in continuo movimento, e se c’è la possibilità partecipiamo a qualsiasi tipo di evento che ci possa migliorare o apportare qualcosa di positivo per la nostra attività. A tal proposito non ho una corrente precisa da cui traggo ispirazione per produrre. Noi assaggiamo di tutto, senza avere preclusioni verso nessuna corrente e stile e da ogni birra cerchiamo sempre di cogliere il meglio o di trarne qualcosa di positivo. Ad oggi, rispetto al 2016 abbiamo quasi raddoppiato la produzione e tutto ciò ci inorgoglisce molto, significa che le nostre birre sono apprezzate e che soprattutto con la passione, tanta determinazione e sacrificio si possono raggiungere grandi obiettivi.

Per maggiori informazioni invitiamo i lettori a visitare il sito: www.birraepica.it

Pierfrancesco Caffarelli
Info autore

Pierfrancesco Caffarelli

Classe 1988, nato a Licata, paese del profondo sud della Sicilia. Ho una laurea magistrale in Economia presso l’Università di Messina.

Il mio amore per la birra è nato proprio a Messina quando nel 2012 e per circa due anni, ho lavorato in un brewpub della città, iniziando ad apprezzare e a conoscere quello che sarebbe diventato un mio grande amore. Ho partecipato, come rappresentante del birrificio a diverse fiere nella mia regione, cercando il più possibile di trasmettere il mio amore e la mia passione per la birra. D’altronde, se si vuole provare a vendere un prodotto come questo, che a molti può essere sconosciuto, la cosa fondamentale è incuriosire la gente, trasmettendo la propria passione e voglia, alla conoscenza di questo fantastico mondo.

Non sono un esperto, non ho certificati però potrei parlare di birra e delle sue mille sfaccettature per ore senza mai fermarmi, solo allo scopo di trasmettere quanto più possibile, a chi ha la pazienza di ascoltarmi. Da qualche tempo cerco di fotografare tutte le birre che bevo e pubblicarle nella mia pagina Instagram, al solo scopo di incuriosire i miei followers e conoscere quanti più beerlover nel mondo.

Sono sempre pronto ad ascoltare e a leggere da “umile bevitore” le tante persone che scrivono e operano intorno a questo mondo. D’altronde non sono neanche un homebrewer, la birra preferisco berla e apprezzarla.