Numero 05/2021

3 Febbraio 2021

Birrovagando per il Belgio: un libro che è molto più di un diario di viaggio!

Birrovagando per il Belgio: un libro che è molto più di un diario di viaggio!

Tweet


Oggi siamo in compagnia di Damiano, Riccardo e Luca, autori del libro “ Birrovagando per il Belgio “, fresco di stampa che ci racconteranno com’è nata l’idea di scrivere un volume dedicato a questo paese dalla ricca tradizione brassicola.

 

Ragazzi, ci raccontate chi siete e come vi siete appassionati alla birra?

Siamo tre ragazzi arcoresi sulla trentina, chi più, chi meno.

Nella vita facciamo i lavori più disparati, Damiano il restauratore, Riccardo è ingegnere chimico e Luca lavora nelle risorse umane. Quello che ci accomuna, oltre ad anni di amicizia è proprio la passione per la birra. Tutto nasce da “Peppo” a Colle Brianza. Quando alla fine dell’adolescenza si inizia a scegliere con più attenzione dove e cosa bere, abbiamo conosciuto questo locale e la figura istrionica di Lorenzo, che come un maestro, senza la boria e la spocchia degli intenditori, ci ha squadernato pian piano le diverse sfaccettature delle birre belghe.

 

 

In tutto c’è un perché. Come mai vi sta a cuore proprio il Belgio e non magari il Regno Unito o la Germania in quanto a birre e storia birraria?

 Sia Damiano che Luca, hanno una formazione storico artistica, il Belgio per noi è quindi, prima che patria della birra, un prezioso scrigno d’arte. La patria del rinascimento fiammingo e un caposaldo del panorama castellano e abbaziale del medioevo europeo.

A questo si è aggiunta la conoscenza delle birre belghe. Lorenzo, proprietario di Peppo, è specializzato proprio in questa tipologia di birre e noi, formandoci sui suoi banchi, abbiamo mutuato questa predilezione. E’ anche una questione di affinità elettive inspiegabili… il carattere deciso, forte e caldo delle birre belghe ha incontrato da subito il nostro gusto.

 

 

Quando nasce l’idea di scrivere un libro sul birrovagare in questo paese e cosa trova il lettore nel leggerlo?

 Il libro nasce, come spesso accade nella vita, da una necessità. Non volendo fare la solita vacanza estiva a Riccione o all’Elba, decidemmo di cambiare e compiere un “pellegrinaggio” che ci permettesse di vedere da vicino i luoghi nei quali nascevano le nostre adorate birre. Giunto il momento di organizzare il viaggio ci rendemmo conto che non esistevano guide che trattassero questo particolare tipo di mete. Nelle guide di viaggio classiche non vi erano accenni ai birrifici (tranne per Chimay, unica contemplata del panorama belga), ma solo ai locali e alle birrerie.

Con l’aiuto di Lorenzo stendemmo dunque un itinerario e impostammo subito il viaggio nell’ottica della scrittura di una guida… tenendo taccuini alla mano e battendo anche 3/4 birrifici al giorno.

Le lunghe ricerche su orari e giorni di apertura e i suggerimenti maturati durante le visite volevamo potessero essere d’aiuto a chi, dopo di noi, volesse compiere un viaggio simile. La guida non si preoccupa perciò di scandagliare minuziosamente i più micraniosi dettagli sulle birre, i lieviti e i malti, argomento sul quale si sono spesi fiumi di parole e esistono svariate pubblicazioni; bensì dare al turista birrario le basi per poter scegliere un itinerario, senza tralasciare i capisaldi di alcune delle regioni belghe, o decidere cosa visitare qualora si trovasse già in vacanza in quei luoghi.

 

 

Avrete sicuramente fatto innumerevoli viaggi, quale posto vi è rimasto nel cuore?

 Il posto che ci è rimasto più nel cuore è l’Abbaye de Orval a Florenville. La sensazione di pace, la bellezza del luogo e l’esperienza vissuta non ha per noi eguali. A differenza dei vari turisti mordi e fuggi noi abbiamo scelto di risiedere per un paio di giorni nel monastero condividendo la vita dei monaci. Questo ci ha permesso di provare sulla nostra pelle quello che è il contesto in cui nasce e dove viene consumata questa birra. La cena coi monaci è un momento indimenticabile. Durante la cena, sulle note dei canti gregoriani, viene servita la Petit Orval, una versione della Orval diversa da quella che tutti conosciamo, più leggera e senza etichettatura, pensata come un “pane quotidiano”. Risiedendo nell’abbaziasembra di tornare indietro nel tempo e si può assaporare il vero sapore della birra trappista.

 

 

Scegliete tre birre del panorama brassicolo belga che almeno una volta nella vita  un appassionato deve assaggiare.

Per quanto detto precedentemente direi che sicuramente una birra che chiunque voglia conoscere il panorama brassicolo belga deve provare è la Orval. E’ una birra unica, nonché l’unica birra prodotta dai monaci dell’abbazia (per il commercio esterno), il che la rende così speciale e preziosa, una birra che ha una storia e una passione che si assapora in ogni sorso.

 

Altra birra imprescindibile, vuoi per il mito creato attorno ad essa, vuoi per le difficoltà a reperirla, vuoi ancora per il fatto che è stata anche riconosciuta tra le birre migliori al mondo… è la Westvleteren XII.

 

Siamo infine tutti d’accordo nel dover mettere tra le tre birre che consigliamo ad un appassionato almeno una Dupont… sarebbe scontato dire la Saison, madre di questo stile. Consigliamo invece la Bon Vouex. E’ sicuramente la nostra preferita del birrificio di Olivier; birra impegnativa per i suoi 9 gradi di cui ci si accorge solo dopo averla bevuta. Visti i tempi duri a causa del Covid non possiamo che brindare con questa birra che nel suo nome offre ai lettori un messaggio di speranza per l’anno nuovo.

 

 

Tweet


Info autore

Christian Schiavetti

Classe 1986, originario di Lecco, città che amo in tutto, dal suo lago alle sue magnifiche montagne.

Ho iniziato presto ad appassionarmi al mondo della birra, grazie ad un amico più grande, che mi regalava i primi sottobicchieri, e mi innamorai poi della collezione di birre del fratello. Iniziai poi io stesso a collezionarle. Oggi ne conto circa 1000 – 1100, oltre a bicchieri e altro.

Un’osteria in paese e le prime birre belghe, Kasteel, Kwack, Delirium, Chouffe, le prime trappiste , la Gouden Draak e le prime Baladin, fu amore. Presa la patente, la mia “ scuola” è stata l’Abbazia di Caprino Bergamasco del grande Michele Galati.

I primi viaggi ho iniziato a farli nel 2010, in Belgio per una settimana e li mi innamorai del Lambic; non ho più smesso di viaggiare: Belgio, Franconia, Baviera, Austria, Irlanda, Francia del nord e ovviamente Italia.

Navigo e leggo spesso sul web riguardo questo mondo, dal 2011 faccio birra in casa. Dopo i kit, grazie a un corso MOBI e a due giorni con Pietro del Carrobiolo, sono passato a all grain con buoni risultati.

Come detto, amo viaggiare appena posso e la birra non manca mai, da singoli eventi a locali famosi, dai piccoli birrifici a ben più lunghi beer tour che mi auto-programmo.

Amo le birre luppolate, e quelle parecchio alcoliche, che spesso dimentico in cantina per anni.

Da gennaio 2015 è nato quasi per gioco il mio blog, BIRREBEVUTE365 , supportato dalla mia pagina facebook, dove scrivo singole recensioni di birra, oltre ai miei viaggi e alle partecipazioni a fiere ed sagre, oltre ad un calendario eventi sempre aggiornato.

In futuro vorrei, visto che tra gli amici c’e già chi lavora in questo campo, poter fare della birra un lavoro dalla beer firm al birrificio, o un beer shop, o perchè no scrivere e viaggiare per la birra!!

Potete visitare anche il mio blog: www.birrebevute365.blogspot.it