Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana
26 febbraio 2016

Doppio Malto: dopo le medaglie 5 all’International Beer Challenge, due riconoscimenti al Beer attraction!

Doppio Malto: dopo le medaglie 5 all’International Beer Challenge, due riconoscimenti al Beer attraction!


Dopo le 5 medaglie conquistate all’International Beer Challenge di Londra nello scorso novembre, il birrificio artigianale Doppio Malto, ha ricevuto due nuovi importanti riconoscimenti al Beer attraction 2016, confermandosi una delle realtà italiane d’eccellenza più affermate a livello nazionale ed all’estero.

Sul podio la Cocoa Ipa, ultima creazione del birrificio di Erba, che ha ottenuto l’argento nella categoria 19 (spezie, caffè, cereali ad alta e bassa fermentazione) per il suo fine equilibrio tra sentori di cacao e vaniglia e le note citriche, tipiche dei luppoli americani. A convincere i giudici, inoltre, sono stati il gusto morbido e la persistenza di caramello e frutta secca in bocca.   Medaglia d’oro alla Rust Ale, birra ambrata di tipo Ale ad alta fermentazione, che ha primeggiato nella categoria 5 (alta fermentazione, basso grado alcolico, di ispirazione anglosassone), grazie al suo profumo fine, alle note fruttate di prugne e uva sultanina, ai sentori caramellati di zucchero di canna e alle sfumature di frutta matura. Caratteristiche che la rendono amara e morbida al contempo, lasciando nel palato un piacevole retrogusto di mandorla e rabarbaro.

.

.

Alessandro Campanini, patron del birrificio Doppio Malto così commenta gli importanti risultati raggiunti: “La soddisfazione per il lavoro fin qui svolto e i premi ricevuti ci invogliano a sperimentare, continuando a miscelare materie prime nobili di ottima qualità, per nuove ricette di birra da proporre ai nostri clienti. Per questo motivo voglio condividere questa importante vittoria anche con tutta la squadra dei nostri birrai: Alessandro, Simone, Rubens, Stefano e Mauro”.

Inoltre, ci ha svelato i segreti della qualità delle birre: “Il criterio principale è quello di utilizzare materie prime nobili di ottima qualità così che riescano a caratterizzare i nostri prodotti. Ogni anno, in base ai nuovi raccolti, mi reco direttamente nelle piantagioni in Germania, Belgio, Repubblica Ceca, Inghilterra e Stati Uniti per selezionare le materie prime migliori che andranno a costituire le basi di ogni singola nostra ricetta”.  

.

doppiomalto

.

Doppio malto è un birrificio artigianale che ha raggiunto una importante capacità produttiva, superando i 3500 ettolitri annui e che guarda al futuro con grande spirito innovativo. Tra i progetti in cantiere del titolare vi è la creazione di una rete di ristorazione, che già contraddistingue l’attuale brewpub, e che nelle intenzioni dovrebbe svilupparsi all’estero come eccellenza del Made in Italy. Così Alessandro ci descrive le nuove ambizioni imprenditoriali: “A base del progetto c’è la birra, la mia vera passione. Mi sono diplomato Biersommelier alla famosa accademia Doemens di Monaco e, unitamente alla mia esperienza gastronomica quale figlio di cuochi emiliani, ho predisposto una serie di piatti da proporre nel locale che meglio si abbinassero alle tipologie di birra prodotte. Con piatti tipicamente italiani quali pizza, pasta, carni e pesce unitamente ai più internazionali “hamburger” proposti in abbinamento alle birre prodotte al Doppio Malto proporrò un originale Made in Italy al pubblico straniero.”

Maggiori informazioni sulle Birrificio Doppio Malto sul sito aziendale www.doppiomalto.it

Massimo Prandi
Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!