Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 02/2019

7 Gennaio 2019

Uno sguardo oltre le Alpi: l’intervista a Jayne e Paul della Brasserie du Quercorb

Uno sguardo oltre le Alpi: l’intervista a Jayne e Paul della Brasserie du Quercorb

Tweet


La coppia londinese Jayne e Paul ha sfidato più cose nella sua esistenza: spostarsi da una grande metropoli in un piccolo paese nel sud della Francia a Chalabre e aprire nel 2010 un birrificio in un paese fortemente legato alla tradizione vitivinicola, dal nome BRASSERIE DU QUERCORB: e le cose sono andate bene a tal punto che nel 2014 l’attività è stata ampliata con l’apertura di una Taproom, come nella miglior tradizione anglosassone. Il duro lavoro ha portato degli ottimi risultati: quest’anno il birrificio è stata selezionata assieme ad altri 39 birrifici per rappresentare la Francia nella nuova guida “On va déguster la France”: un bel risultato e un momento di orgoglio per loro.

 

.

.

 

Jayne è una persona aperta e curiosa, ha subito accettato di raccontare la sua esperienza per il Giornale della Birra.

Jayne, ci racconti la tua azienda?

We are in the mountains, South of France. It is beautiful, the air is fresh, the food is wonderful. Eating here is about combining simple ingredients to yield the best flavours. We take the same approach with our beers. We could see that it could be challenging to create a brewery in the countryside, especially in an area known for wine. Happily, in France people are always keen to try a quality product that’s been made with pure ingredients. We expanded in 2014 into a derelict agricultural garage and opened a TapRoom on site. We’ve just completed a further expansion splitting production into new premises, producing 30HL per week.

Siamo in montagna, nel sud della Francia. È bello, l’aria è fresca, il cibo è meraviglioso. Mangiare qui significa combinare ingredienti semplici ottenendo degli ottimi sapori. Abbiamo lo stesso approccio con le nostre birre. Abbiamo pensato che potrebbe essere difficile creare un birrificio in campagna, soprattutto in una zona nota per il vino. Fortunatamente, in Francia le persone sono sempre interessate a provare un prodotto di qualità realizzato con ingredienti puri. Nel 2014 i abbiamo ampliato la nostra attività ristrutturando un garage abbandonato e abbiamo aperto una TapRoom sul posto. Abbiamo appena completato un’ulteriore espansione suddividendo la produzione in nuovi locali, producendo 30HL a settimana.

.

.

 

Quali sono le vostre birre?

Our first beer was an IPA, because we love the hop for its vast range of flavours and aromas. We have five different IPAs. For us though, Yeast and Malts are equally fascinating. How those seemingly simple elements come together to create this huge range of exciting flavours is incredible.  In all, we have 23 references in our range, from 3.8% English Style Hoppy Session Ales to 9% Barrel-Aged Imperial Russian Stouts.

How the beer is packaged is very important to us. We wanted to make beers that are treated with the same respect as a decent bottle of wine. We design the labels in-house and we work with local artists. The idea is that the bottle should look as good as it tastes.

La nostra prima birra era un’IPA, perché amiamo il luppolo per la sua vasta gamma di sapori e aromi. Abbiamo cinque diversi IPA. Per noi il lievito e i malti sono ugualmente affascinanti. È incredibile come questi elementi apparentemente semplici si uniscano e creino questa vasta gamma di sapori emozionanti. In tutto, abbiamo 23 tipologie nel nostro assortimento, dal 3,8% English Style Hoppy Session Ales al 9% Imperial Russian Stouts, invecchiato in barrique.

Il confezionamento delle nostre birre ha una grande importanza per noi. Volevamo creare delle birre e trattarle con lo stesso rispetto di una discreta bottiglia di vino. Progettiamo le etichette in loco e lavoriamo con degli artisti locali. La nostra idea è che la bottiglia dovrebbe avere un aspetto degno del suo sapore.

.

.

 

Dove vendete i vostri prodotti?

We sell throughout France, but we mostly work with Restaurants and Specialist Caves. It’s very rewarding to see our beers on the menus of some highly respected French restaurants and alongside some wonderful wines.

Vendiamo in tutta la Francia, per lo più lavoriamo con i ristoranti e Specialist Caves (cantine de degustazione). È molto gratificante vedere le nostre birre accanto a vini fantastici, sui menu di alcuni famosi ristoranti francesi.

 

.

.

 

 

Cosa ne pensa del futuro della craft-beer?

The craft beer scene in France is becoming very exciting and growing quickly. There are some excellent beers being made over here. Long live the Beer Revolution!

La scena della birra artigianale in Francia sta diventando molto entusiasmante e in rapida crescita. Ci sono alcune ottime birre fatte qui. Lunga vita alla rivoluzione della birra!

Maggiori informazioni al seguente link: www.brasserieduquercorb.com

Tweet


Lina Zadorojneac
Info autore

Lina Zadorojneac

Nata in Moldavia, mi sono trasferita definitivamente in Italia per amore nel 2008. Nel 2010 e 2012 sono arrivati i miei due figli, le gioie della mia vita: in questi anni ho progressivamente scoperto questo paese, di cui mi sono perdutamente infatuata. Da subito il cibo italiano mi ha conquistato con le sue svariate sfaccettature, ho scoperto e continuo a scoprire ricette e sapori prima totalmente sconosciuti. Questo mi ha portato a cambiare anche il modo di pensare: il cibo non è solo una necessità, ma un piacere da condividere con la mia famiglia e gli amici. Laureata in giurisprudenza, diritto internazionale e amministrazione pubblica, un master in scienze politiche, oggi mi sono di nuovo messa in gioco e sono al secondo e ultimo anno del corso ITS Gastronomo a Torino, corso ricco di materie interessanti e con numerosi incontri con aziende produttrici del territorio e professionisti del settore. Il corso ha come obiettivo la formazione di una nuova figura sul mercato di oggi: il tecnico superiore per il controllo, la valorizzazione e il marketing delle produzioni agrarie e agro-alimentari. Così ho iniziato a scrivere per il Giornale della Birra, occasione stimolante per far crescere la mia professionalità.