Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 48/2017

30 novembre 2017

7 dicembre: al CERB la presentazione delle tesi dei laureandi del Master di 1° Livello in Tecnologie Birrarie

7 dicembre: al CERB la presentazione delle tesi dei laureandi del Master di 1° Livello in Tecnologie Birrarie


 

L’Italia negli ultimi decenni si è affermata a livello internazionale nel settore della birra “artigianale”, grazie all’inarrestabile ed esponenziale fenomeno di nascita di nuovi micro-birrifici, brewpub e brew-firm.
Da non sottovalutare, inoltre, l’importanza della “grande industria” birraria nazionale, che conta al proprio attivo 14 stabilimenti ed una produzione annua superiore a 13 milioni di ettolitri.
Così come avviene per il vino, a cui sono dedicati interi percorsi di formazione liceali ed universitari per la formazione di enotecnici ed enologi, anche la birra può vantare un proprio corso di studi di eccellenza: il master universitario in “Tecnologie birrarie – Brewing Technologies”, organizzato dall’Università degli Studi di Perugia con il suo Dipartimento di scienze agrarie, alimentari ed ambientali ed il CERB.

Il 7 DICEMBRE alle ore 14:30 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali (DSA3) – Borgo XX Giugno, 74 – si terrà la giornata di presentazione orale degli elaborati del Master di 1° Livello in “Tecnologie Birrarie – Brewing Technologies, anno accademico 2016-2017.

.

.

 

I candidati che discuteranno il proprio elaborato saranno:

  • ALESSANDRO CALABRO’ con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Birra del Borgo: “Determinazione del Total Package Oxygen (TPO) nella birra: confronto fra differenti metodiche di misurazione”
  • FEDERICA CAPPELLETTI con il lavoro sperimentale svolto presso il CERB: “Valutazione analitico-tecnologica di diverse tipologie di lievito secchi commerciali per la produzione di birra”
  • JACOPO CASCIANELLI con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Baladin: “Processi e protocolli di sanitizzazione in un birrificio artigianale”
  • DAVIDE MOBILI con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Ducato: “Gestione tecnico pratica delle birre a fermentazione spontanea”
  • PEDRO TORRES PINTO con il lavoro sperimentale svolto presso l’Università Cattolica di Lovanio: “Progettazione dell’ammostamento di bevanda fermentata a base di grano saraceno”
  • MICHELE SCANTAMBURLO con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Amarcord: “Analisi sensoriale: rifermentazione in bottiglia e pastorizzazione. Analisi del prodotto finito e comparazione sensoriale dei metodi di processo”.

.

.

 

Non resta che augurare ai “freschi” laureati di trovare al più presto la propria strada nell’affascinante e dinamico mondo della birra, certi che la loro qualificata presenza nel settore sarà un ulteriore ed importantissimo elemento di crescita della conoscenza tecnica birraria utile a strutturare e consolidare un comparto in continua evoluzione.

Redazione Giornale della Birra
Info autore

Redazione Giornale della Birra

La Redazione del Giornale della Birra, tra un boccale e l’altro, prepara gli articoli che vedete su queste pagine.
Inoltre, da’ spazio a tutti gli amici e visitatori del sito che ci inviano i loro contributi, indicandone gli autori. Contattaci se vuoi collaborare con noi!