Numero 01/2020

2 Gennaio 2020

Birra e montagna: connubio perfetto!

Birra e montagna: connubio perfetto!

Tweet


La birra è spesso vittima di alcuni falsi miti, che la pongono in contrapposizione con la salute del consumatore. Ciò che in molti ignorano però è la presenza di molti nutrienti in questo inebriante liquido che, qualora assunto in dosi controllate, può risultare un vero e proprio toccasana.

Bere per sentirsi bene dunque, ma con moderazione e, per assurdo, bere birra per sentirsi nuovamente al meglio dopo le grandi fatiche di una lunga passeggiata in montagna. È vero, la birra è il miglior alleato post hiking. Ovviamente gli effetti positivi dipendono soprattutto dalla qualità della birra scelta. Per recuperare i nutrienti persi si consiglia sempre di lasciarsi ammaliare dai prodotti artigianali.

.

.

 

Partendo da questa tesi, si sono diffusi sempre più negli anni i percorsi di hiking che prevedono il consumo di birra durante il cammino. Se si parla di bionde o rosse artigianali, non si può non pensare alla Germania, ed è proprio qui che è possibile individuare alcuni dei percorsi più interessanti, a partire dal Five-Seidla-Trail, nella Svizzera Francone.

Si tratta di un percorso di 20km, con partenza e ritorno fissati nello stesso punto. Prevede un totale di quattro villaggi attraversati, con tappe in ben cinque birrerie storiche. Nelle varie tappe ci si dovrà far validare la propria card, la stempelkarte. Ogni locale vi proporrà mezzo litro di birra artigianale, con un attestato ad attendervi al termine del percorso, così come uno sconto per l’acquisto di un boccale ricordo.

Le avventure a caccia del liquido dorato sono alla base della Beer and Castle Road, un percorso che si espande per 500 km, tra le città di Amberg e Kronach. Nato nel 1977, questo tour consente a chiunque fosse interessato di visitare luoghi panoramici e bellezze architettoniche storiche in Baviera, dalla foresta bavarese alla Turingia. Antichi castelli, fortezze imponenti e rovine di tempi andati, il tutto ben mescolato alla sapiente arte birraia locale.

.

.

 

Nonostante si tenda a sminuire l’importanza degli Stati Uniti nella produzione di birra artigianale, preferendo di gran lunga l’Europa in tal senso, l’America anche in questo caso riesce a dire la sua. Sono molti i territori che propongono panorami fantastici, oltre che ottimi prodotti da consumare in cammino.

Basti pensare all’Ice Age Trail, in Wisconsin, che si espande per più di 1.5 km, fino ai confini dello stato, levigato dai ghiacciai più di 12mila anni fa. A questo si aggiunge l’Appalachian Trail Pub Crawl, negli Stati Uniti dell’est, con un percorso di 3.5km dalle Springer Mountain in Georgia al Mount Katahdin nel Maine, attraversando in totale ben 14 stati.

In Colorado è possibile cimentarsi nel coloratissimo Colorado Trail, tra vallate in fiore e monti imponenti. Negli Stati Uniti occidentali invece è a dir poco suggestivo il Pacific Crest Trail, che passa attraverso California, Oregon e Washington. Birra e natura dunque, un connubio ideale per un pomeriggio di relax, che ora sappiamo poter essere addirittura salubre. Che dire: alla salute!

Tweet


Info autore

Giovanna Merloni

Dopo gli studi classici, ho conseguito una laurea in Ingegneria Meccanica presso l’Università Politecnica delle Marche La mia passione per l’enogastronomia mi ha portato però da sempre ad investire per la mia cultura personale, e dal 2004 sono Sommelier professionale AIS, ed ho frequentato corsi di enologia in Chianti. Durante questi studi, mi sono appassionata alle tecniche di produzione della birra, ed ho cominciato in casa a condurre i primi esperimenti in questo settore. La passione per questo nuovo hobby, unito alla voglia di ricominciare a lavorare, mi hanno portato a sviluppare un progetto che, si è poi concretizzato nel 2015, con la fondazione dell’Impresa Agricola di Giovanna Merloni, dove attualmente produciamo attualmente 14 varietà di birra, ad alta e bassa fermentazione.