Numero 22/2019

31 Maggio 2019

Luppolo: dimostrate le proprietà anticancerogene

Luppolo: dimostrate le proprietà anticancerogene

Tweet

Tag:

Il luppolo è una essenza ricca di sostanze chimiche dalla comprovata proprietà antiossidante che, anche secondo la più antica farmacopea, rivestono numerose attività nutraceutiche e salutistiche nei confronti dell’uomo.

Ma dal luppolo e dalla birra possono venire dei benefici per contrastare la diffusione del tumore.  Secondo quanto rilevato da uno studio coordinato da Armando Rossello, del dipartimento di Farmacia dell’Università di Pisa, il luppolo avrebbe funzione di «chemioterapico naturale». Nello specifico, la capacità bioattiva verso le cellule animali sarebbe legata alle proprietà antiangiogeniche di un fitocomposto, lo Xantumolo (Xn), un flavonoide presente in discrete percentuali nel luppolo e nella birra e dotato, si sottolinea, di molte proprietà benefiche. A riferire la novità è l’ateneo pisano il quale spiega che la ricerca ha permesso di scoprire nuove piccole molecole capaci di ridurre la diffusione delle cellule tumorali.

 

.

.

 

 

Il composto naturale, di per sé in grado di ridurre l’angiogenesi tumorale, si legge in una nota dell’università, «può “affamare” il tumore inibendo i meccanismi grazie ai quali le cellule tumorali si procurano ossigeno e si diffondono nell’organismo». La ricerca è stata svolta in stretta collaborazione con il gruppo di Adriana Albini, direttrice del laboratorio di Biologia vascolare e angiogenesi di MultiMedica e direttore scientifico della Fondazione MultiMedica Onlus, e di Douglas Noonan, dell’Università dell’Insubria di Varese. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista internazionale «European Journal of Medicinal Chemistry».

 

.

.

 

Due dei nuovi derivati dello Xantumolo brevettati, sono in grado di esercitare un’attività anti-angiogenica ancora maggiore rispetto al principio naturale base dello XN. «Questi nostri risultati – sottolinea Rossello – aprono la strada per lo sviluppo futuro su più ampia scala di analoghi sintetici dello Xantumolo da sperimentare come possibili agenti chemiopreventivi efficaci, alternativi e a basso costo». «Il passo successivo – conclude Albini – sarà quello di testare i più attivi derivati brevettati del luppolo in modelli cellulari complessi e individuare i principali interruttori molecolari coinvolti nel loro effetto anti-angiogenico e anti-tumorale come possibili bersagli da colpire, sia in approcci terapeutici sia di prevenzione».

 

.

.

 

Insomma, gli studi condotti necessitano, prima di una applicazione concreta e scientificamente estesa alla popolazione, di ulteriori affinamenti e verifiche, ma al luppolo è innegabile attribuire con certezza una importante valenza positiva per la salute umana.

Tweet


Info autore

Pierfrancesco Caffarelli

Classe 1988, nato a Licata, paese del profondo sud della Sicilia. Ho una laurea magistrale in Economia presso l’Università di Messina.

Il mio amore per la birra è nato proprio a Messina quando nel 2012 e per circa due anni, ho lavorato in un brewpub della città, iniziando ad apprezzare e a conoscere quello che sarebbe diventato un mio grande amore. Ho partecipato, come rappresentante del birrificio a diverse fiere nella mia regione, cercando il più possibile di trasmettere il mio amore e la mia passione per la birra. D’altronde, se si vuole provare a vendere un prodotto come questo, che a molti può essere sconosciuto, la cosa fondamentale è incuriosire la gente, trasmettendo la propria passione e voglia, alla conoscenza di questo fantastico mondo.

Non sono un esperto, non ho certificati però potrei parlare di birra e delle sue mille sfaccettature per ore senza mai fermarmi, solo allo scopo di trasmettere quanto più possibile, a chi ha la pazienza di ascoltarmi. Da qualche tempo cerco di fotografare tutte le birre che bevo e pubblicarle nella mia pagina Instagram, al solo scopo di incuriosire i miei followers e conoscere quanti più beerlover nel mondo.

Sono sempre pronto ad ascoltare e a leggere da “umile bevitore” le tante persone che scrivono e operano intorno a questo mondo. D’altronde non sono neanche un homebrewer, la birra preferisco berla e apprezzarla.