Numero 24/2021

14 Giugno 2021

La birra contro il mal di testa: lo suggerisce uno studio universitario!

La birra contro il mal di testa: lo suggerisce uno studio universitario!

Tweet


 

Che gli eccessi di birra e delle altre bevande alcoliche portino a pesanti e pericolosi postumi per il nostro organismo è una certezza da prevenire, ma che la birra possa guarire il mal di testa è una interessante novità!

Il riscontro, non risulta da mere constatazioni empiriche, ma da uno studio scientifico pubblicato su The Journal of Pain, a firma del gruppo di ricerca dell’Università di Greenwich guidato dal professor Trevor Thompson.

Dalla sperimentazione condotta dai ricercatori emerge che due bicchieri di birra sono considerati più efficaci dell’assunzione di una dose di paracetamolo, il più comune antidolorifico impiegato nel contrasto dell’emicrania non cronica.

.

.

 

Le ragioni dell’effetto benefico?

Il consumo della quantità di birra indicata, consente di alzare moderatamente il contenuto di alcol nel sangue a circa lo 0,08%, permettendo al corpo di aumentare leggermente la soglia del dolore e riducendo di circa il 70% l’intensità di quello percepito.

Non è chiaro, però, se l’alcol riduca la sensazione di dolore perché colpisce i recettori del cervello o perché abbassa la tensione e rilassa. Il dottor Trevor Thompson ha infine paragonato l’alcol ai farmaci oppiacei come la codeina, il cui effetto è scientificamente dimostrato molto superiore rispetto al paracetamolo.

.

.

 

Tuttavia, è necessario sottolineare che i risultati evidenziati da tale studio, essendo condotti su un campione limitato, necessitano di ulteriori approfondimenti e che, comunque, non limitano le assunzioni scientifiche in merito agli effetti dannosi del consumo eccessivo di alcol, sia occasionale che quotidiano.

Tweet


Info autore

Redazione Giornale della Birra

La Redazione del Giornale della Birra, tra un boccale e l’altro, prepara gli articoli che vedete su queste pagine.
Inoltre, da’ spazio a tutti gli amici e visitatori del sito che ci inviano i loro contributi, indicandone gli autori. Contattaci se vuoi collaborare con noi!