Numero 22/2020

26 Maggio 2020

Dal Birrificio Foràn la prima birra biologica e senza glutine in Friuli

Dal Birrificio Foràn la prima birra biologica e senza glutine in Friuli

Tweet


Biologica e senza glutine: è la “B.o.n.a.”, la nuova birra del Birrificio Foràn di Castions di Strada (Udine), tra le pochissime in Italia e l’unica in Friuli Venezia Giulia a vantare entrambe le certificazioni. Un risultato significativo ottenuto dal birrificio a meno di sei mesi dall’apertura.

 

.

.

 

L’acronimo, che sta per “Blonde Original New Ale”, si riferisce in questo caso ad una birra chiara a bassa fermentazione: «La ricetta iniziale era quella di una Ale – spiega infatti il birraio, Ivano Mondini –; poi però ho deciso di provare a modificare la ricetta e, nell’impiantino pilota, ho sostituito il lievito iniziale con con uno bassa fermentazione, testandone gli effetti sulla birra. Il risultato mi è sembrato ancor più interessante del precedente, e così sono passato alla versione Lager; ormai però la birra era stata “battezzata”, e per amor di acronimo ho deciso di non cambiarne il nome. Se il riscontro sarà buono, non escludo di produrne anche la versione ad alta fermentazione».

 

La B.o.n.a. è realizzata con orzo biologico prodotto dall’azienda agricola Mondini – proprietaria del marchio Foràn –, maltato al C.o.b.i. con garanzia di tracciabilità; e con mais, riso e luppolo anch’essi biologici. L’ azienda agricola Mondini è alquanto diversificata, vantando certificazioni biologiche già per diverse coltivazioni; e, nonostante ad oggi sia l’orzo prodotto biologico per eccellenza, si pone a breve l’obiettivo di produrre altri cereali da destinare alla birrificazione (mais, farro e grano saraceno).

 

Accattivante nella sua semplicità, freschezza e bevibilità, la birra B.o.n.a. denota aromi tra il floreale e il fruttato molto delicato; un corpo snello ma non evanescente, in cui si coglie una leggera peculiarità del cereale; con il riso che contribuisce anche alla secchezza finale, insieme al taglio amaro netto ed erbaceo non troppo persistente. «Ho voluto fare una birra che andasse incontro alla vasta platea di consumatori del “senza glutine”. – spiega Mondini – Mi auguro che l’accoglienza della B.o.n.a. sia positiva, e in futuro non escludo di produrre altre tipologie di birre senza glutine».

 

.

.

 

Il Birrificio Foràn, inoltre, è protagonista insieme alla pizzeria PizzAmore sempre di Castions di Strada dell’iniziativa “For Castions” e “For Morsano”: per ogni acquisto di pizza “Castions” o “Morsano” insieme ad una bottiglia di birra Foràn (10 euro totali), parte dell’incasso verrà devoluto alla Protezione Civile per tutto il 2020. Pur trovandosi colpite dalla serrata imposta dal coronavirus, come tutte le aziende del comparto, queste due attività hanno dunque deciso di ripartire dando il proprio contributo a chi in questa emergenza ha fatto tanto per la comunità. «Il nostro legame con il luogo dove viviamo è lo spirito che muove questa nostra collaborazione – spiega il birraio –: l’iniziativa prende il nome dall’unione dei termini “birra Foran” e delle pizze “Castions” e “Morsano” (il nome del paese e della relativa frazione n.d.r.). In virtù di questo radicamento vogliamo che questo non sia un semplice slancio di generosità legato a questa emergenza: l’idea è quella di portare avanti l’iniziativa in maniera continuativa, sostenendo nei prossimi anni anche altre realtà». «Questo è un momento difficile anche per noi, chiaramente – aggiunge Denis Bendo di PizzAmore –; ma in questi nove anni di lavoro a Castions mi sono reso conto di come siano tanti a fare del bene per il territorio, e mi sono sentito chiamato a fare anch’io la mia parte. E, come si suol dire, “la beneficenza non ti impoverisce mai”».

 

Tutte le informazioni sul birrificio Foràn, sulle sue birre e su come acquistarle sono disponibili su www.birrificioforan.it , all’indirizzo mail info@birrificioforan.it e al numero 348 472 9059.

Tweet


Info autore

Chiara Andreola

Veneta di nascita e friulana d’adozione, dopo la scuola di giornalismo a Milano ho lavorato a Roma – dove nel 2009 ho conseguito il titolo di giornalista professionista – e a Bruxelles al DG Comunicazione della Commissione Europea. Lì sono iniziati i miei primi timidi approcci con la birra, tra cui la storica Bush de Noel che ha finito per mettere il sigillo definitivo alla storia d’amore tra me e il mio futuro marito – e già da lì si era capito che una storia d’amore era nata anche tra me e la birra. Approdata a Udine per seguire appunto il marito, qui ho iniziato ad approfondire la mia passione per la birra artigianale grazie al rapporto in prima persona con i birrai – sia della regione che più al largo – e i corsi di degustazione tenuti dal prof. Buiatti all’Università di Udine; così dal 2013 il mio blog è interamente dedicato a questo tema con recensioni delle birre e resoconti delle miei visite a birrifici, partecipazioni ad eventi e degustazioni. Le mie collaborazioni con pubblicazioni di settore come Il Mondo della Birra e Nonsolobirra.net, con eventi come la Fiera della Birra Artigianale di Santa Lucia di Piave e il Cucinare di Pordenone, e la conduzione di degustazioni mi hanno portata a girare l’Italia, la Repubblica Ceca, il Belgio e la Svezia. Ora sono approdata anche al Giornale della Birra, un altro passo in questo mio continuare a coltivare la mia passione per il settore e la volontà di darvi il mio contributo tramite la mia professione.