Numero 18/2020

27 Aprile 2020

Cancellato l’Oktoberfest 2020

Cancellato l’Oktoberfest 2020

Tweet


Uno degli eventi più caratteristici della Germania è l’Oktoberfest di Monaco di Baviera. Ma l’edizione del 2020, che si sarebbe dovuta svolgere dal 19 settembre al 4 ottobre, sarà cancellata per colpa del Coronaviru e rimandata al 2021. Lo hanno annunciato il Ministro-Presidente della Baviera Markus Söder e il Sindaco di Monaco, Dieter Reiter.
Chi pensa che si tratti semplicemente di una tradizionale festa della birra, però, si sbaglia di grosso. Innanzitutto l’Oktoberfest si svolge da 220 anni (non consecutivi) e in tutto questo tempo si è evoluto in un happening mondiale che dura 16 giorni e che attira non solo gli abitanti del luogo, ma anche migliaia di turisti provenienti da ogni parte del mondo e che vogliono vivere un’esperienza memorabile a suon di litri di birra: si consumano circa 8 milioni di litri.

 

.

.

È anche una festa molto folkloristica a cui vale la pena assistere. I bavaresi per l’occasione indossano tradizionali “lederhosen”, i pantaloni corti di pelle con le bretelle per gli uomini, e i “drindl”, i deliziosi abiti delle donne (tradizione che è presente fin da noi in Alto Adige). È una celebrazione della cultura tradizionale bavarese oltrte che della storica usanza dei boccali di birra.
Per l’occasione, i sei birrifici autorizzati alla vendita della birra riforniscono i “bierzelte” (“tendoni della birra”) della manifestazione con una particolare birra, una märzen leggermente più scura e forte sia come gusto sia come contenuto alcolico.
Oltre al massiccio consumo della bevanda fermentata, l’evento offre anche tanta musica dal vivo, un luna park, dei cortei e la tipica cucina tedesca – a partire dagli immancabili “weißwürste”, le salsicce bianche accompagnate dai brezel e dalla senape – trasformando l’intera città di Monaco di Baviera in una gigantesca festa che dura ben due settimane.
Il tutto si svolge nella zona di Theresienwiese detta anche “Wiesn” (“il prato”, in dialetto bavarese), all’interno di 14 grandi “festzelte”, stand con tavoloni e panche di legno che possono ospitare tra le dalle 5mila e le 10muila persone. In ogni stand c’è un palco centrale sul quale si esibiscono gruppi musicali nel tradizionale stile “schlager”.
La festa inizia con la cerimonia di stappo della prima botte, dopo 12 colpi di mortaretti, a cui partecipa il Sindaco della città e che viene trasmessa anche in diretta Tv.

 

.

.

 

Il Sindaco deve pronunciare la frase “O’Zapft is! Auf eine friedliche Wiesn!” (“È stappata! Che sia una bella festa!”) e riempire il primo boccale per il Presidente del Länd della Baviera e poi la tradizionale processione. Il giorno dell’inaugurazione, l’Oktoberfest è anche un evento mondano in quanto vi partecipano politici e celebrity, tedesche ma anche internazionali.
La prima edizione dell’Oktoberfest si tenne nel 1810 per matrimonio del principe Ludovico di Baviera e della principessa Teresa di Sassonia-Hildburghausen.

Da allora l’evento si è tenuto ogni anno, a eccezione di 24 volte in cui è stato annullato, come durante la Seconda Guerra Mondiale, per esempio.

Tweet


Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!