Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 27/2018

5 luglio 2018

Arriva Home Beer, app per la birra artigianale a domicilio!

Arriva Home Beer, app per la birra artigianale a domicilio!

Tweet


Due startupper diciottenni Andrea e Tommaso lanciano Home Beer, la prima app per ordinare e ricevere a casa la birra prodotta artigianalmente, e attraverso una campagna di crowdfunding su Ulule puntano a raccogliere capitali per lo sviluppo della piattaforma.

Con 31,8  litri pro capite il 2017 è stato un anno record per i consumi di birra, e il 62,4% degli italiani (dati JustEat e AssoBirra) ammette che preferisce degustarla restando comodamente a casa con gli amici. Ma nonostante il mercato del food delivery sia in rapida espansione, manca ad oggi una piattaforma interamente dedicata alla birra artigianale a domicilio.

 

.

 

La soluzione, si legge in una nota, è Home Beer, l’app ideata dai giovani Andrea e Tommaso, due giovanissimi romani che hanno appena concluso l’esame di maturità. L’app di Home Beer, che sarà attiva su dispositivi iOS e Android, aiuterà infatti gli utenti a mettersi in contatto diretto con i locali tramite smartphone, per poter ordinare a domicilio birra artigianale di qualità e gli stuzzichini più adatti ad accompagnarla.

Per realizzare l’applicazione, Andrea e Tommaso hanno fondato una startup e appunto lanciato il progetto su Ulule, la principale piattaforma di Reward Based Crowdfunding in Europa: i fondi che saranno raccolti entro il 12 luglio grazie all’aiuto degli utenti si aggiungeranno a quelli previsti dal Bando Smart&Start di Invitalia e di Pre-Seed Lazio Innova e serviranno a sviluppare la piattaforma informatica e dell’app per far partire il servizio, ed avviare l’investimento in pubblicità e promozione.

 

.

.

 

L’app sarà facile e intuitiva da utilizzare: ciascun utente potrà geolocalizzarsi e cercare nei dintorni la birreria più vicina oppure utilizzare i filtri per personalizzare al meglio l’acquisto in base alla birra artigianale preferita; in più, Home Beer consiglierà anche i match perfetti tra bevanda e cibo, per una pausa davvero completa. Una volta selezionati birra e stuzzichini d’accompagnamento, l’utente potrà completare l’ordine, e pagare direttamente in app con carta di credito. La birra sarà consegnata all’indirizzo e all’orario desiderato dai rider di Home Beer.

 

.

.

 

“L’idea di Home Beer nasce in una calda serata estiva, proprio davanti a due birre artigianali: volevamo creare qualcosa che mettesse insieme l’informatica e il mondo della birra artigianale, le nostre più grandi passioni”, spiegano Andrea e Tommaso, i giovanissimi progettisti di Home Beer. “Il progetto è pronto, e per questo abbiamo deciso di lanciare la nostra startup appoggiandoci a bandi istituzionali e al crowdfunding, con la speranza che la nostra idea si trasformi presto in realtà e aiuti a rinfrescare le serate degli italiani portando nelle case la qualità della birra artigianale dei piccoli produttori locali”.

Ulule è una piattaforma di reward-based crowdfunding d’Europa. Nata in Francia nell’ottobre 2010, ha permesso di finanziare più di 23.500 progetti con una raccolta di oltre 110 milioni di euro.

Tweet

Marco Fusi
Info autore

Marco Fusi

Giornalista finanziario per professione e amante della birra – di qualità – per passione. Grazie ad una cara amica sommelier qualche anno fa ho scoperto il mondo delle birre artigianali e da allora è stato un crescendo.

Ho frequentato i corsi di degustazione organizzati dal network Fermento Birra, superando con successo l’esame finale; ho anche partecipato ad un corso di un giorno sull’Home Brewing di MOBI e spero, quando avrò un po’ piu’ di tempo libero, di iniziare la produzione a casa, nel frattempo degusto birre a Milano e provincia e vado alla ricerca dei migliori festival e appuntamenti birrari lungo tutta la penisola (lavoro permettendo) sia per scoprire le ultime novità e sia per conoscere la storia e le persone che si celano dietro ogni birrificio.

Mi piace confrontarmi sulle birre che bevo – per questo cerco di partecipare a degustazioni guidate e non – e prima o poi, chissà, tenterò l’esame BJCP… seguitemi e che il luppolo sia con voi!