Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 01/2018

6 gennaio 2018

Calza della Befana per birrofili: alcolica, ma non solo!

Calza della Befana per birrofili: alcolica, ma non solo!


La tradizione dell’Epifania è radicata nella mente dei bambini come la nonnina dai vestiti sgangherati e dall’aspetto tutt’altro che piacevole, ma ben disposta ad elargire gli ultimi regali e dolcetti al termine del periodo delle feste natalizie. L’Epifania è legata, infatti, all’adorazione dei Re Magi che giunsero a Betlemme, dodici giorni dopo il Natale, con i doni per Gesù Bambino seguendo la cometa. L’apparizione, però, affonda le sue radici anche in rituali pagani e precristiani. Per questo motivo si tratta di una festività particolarmente complessa che reca con sé il carattere dei luoghi in cui viene festeggiata.

La Befana, in certe tradizioni, rappresenta l’allegoria femminile dell’anno vecchio pronto a sacrificarsi per dare vita a un periodo nuovo e prospero. In alcune regioni questo si traduce con il falò della vecchia: un pupazzo di stracci viene bruciato in piazza dopo aver fatto, come accade in alcune località di Toscana ed Emilia Romagna, un giro per le vie del centro su un carro. In altri casi il fantoccio si espone alla finestra, come accadeva a Firenze o a Roma.

 

.

.

 

Nel Nord-Est questa tradizione è molto viva. In Veneto, il falò simbolico si chiama “panevin”, si tratta di un rogo che tende a cancellare gli aspetti negativi dell’anno appena concluso e di cercare gli auspici per quello appena iniziato guardando la direzione delle scintille; lo stesso accade in Friuli Venezia Giulia, il tutto accompagnato da un bicchiere di vin brulé e da un pezzo di focaccia tipica.

A Faenza, in provincia di Ravenna, si festeggia, il 5 gennaio, la Nott de’ Bisò, con il “Niballo”, un enorme fantoccio simbolo di tutte le avversità dell’anno trascorso che viene bruciato.  A Firenze, ogni anno si celebra l’Epifania con la tradizionale Cavalcata dei Re Magi, la rievocazione dell’arrivo dei Magi dalla Sacra Famiglia per le strade del centro storico, a cavallo, indossando costumi rinascimentali di grande sfarzo. Immancabile, in Piazza della Signoria, lo spettacolo degli sbandieratori.

A Montescaglioso, nella zona di Matera, il 5 gennaio è la volta della “Notte dei Cucibocca”: figure vestite di scuro, con un grosso copricapo e folte barbe bianche, si muovono per le strade con una lanterna accesa, trascinando al piede una catena spezzata e bussando alle porte per chiedere offerte di cibo.
Si tratta di una tradizione legata alla credenza diffusa in alcune località del meridione che vuole, nella notte precedente l’Epifania, il ritorno dei defunti dai propri cari. Sono loro, e non la famosa vecchina, che in alcuni casi riempiono di dolci le calze appese dai bambini.

 

.

.

 

 

In Sicilia, a Gratteri, in provincia di Palermo Palermo“A Vecchia” esce da Grotta Grattara, avvolta in un lenzuolo bianco e a dorso di un asinello, percorrendo la strada fino al centro della città dove distribuisce regali ai più piccini.

Una festività magica, dunque, intrisa di profondi valori simbolici. Ma oltre al significato più tradizionale, l’epifania può essere l’occasione per celebrare la birra, soprattutto, qualora sui desideri far felici gli amici amanti della birra.

Ecco allora, alcuni consigli per preparare una calza della befana capace di non deludere:

  • recuperato un paio di calzini invernali a gamba lunga, possibilmente fregiati di ricami a tema invernale e di misura compatibile con la taglia del destinatario del presente,
  • ripiegate l’altro calzino della coppia e mettetelo nella punta di quello da riempire, in modo da fargli svolgere la funzione di ammortizzatore
  • ponete nella calza alcuni piccoli sacchetti di prelibatezze salate, in particolare frutta secca, come arachidi, anacardi e pistacchi, ideali da abbinare alla birra

 

.

.

 

  • concludete la calza con una bella bottiglietta da 0.33 L di birra artigianale, da collocare nella gamba della calza
  • infiocchettare con un nastro appariscente.

Non resta, quindi, che allietare la giornata della Befana agli amici birrofili con un regalo davvero speciale, semplice ma originale, che di certo non mancherà di stupire e rallegrare gli animi!

 

Redazione Giornale della Birra
Info autore

Redazione Giornale della Birra

La Redazione del Giornale della Birra, tra un boccale e l’altro, prepara gli articoli che vedete su queste pagine.
Inoltre, da’ spazio a tutti gli amici e visitatori del sito che ci inviano i loro contributi, indicandone gli autori. Contattaci se vuoi collaborare con noi!