Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana

Numero 36/2017

5 settembre 2017

“Calcoliamo birra“ l’app gratuita di Roberto Pucci

“Calcoliamo birra“ l’app gratuita di Roberto Pucci


 

Roberto è nato a Cosenza ed ora vive a Napoli. Amministratore e socio della Paint Web Srl è  appassionato di birre e dell’homebrewing, così ha unito professionalità e passione  creando un software gratuito molto utile per la produzione domestica della birra.

 

Roberto, quanti anni sono che ti sei avvicinato all’ homebrewer ?

Da circa 5 anni, anche qualcosa in più, grazie a mio nipote che mi fece assaggiare una delle sue birre, mi piacquero molto e gli dissi che volevo imparare, quindi è lui il colpevole di tutto ciò. Allora lui frequentava assiduamente il forum di Areabirra con il nick Trappist_forever, al secolo Silvio Ferrari, è uno di quegli smanettoni dell’HB, grazie ai quali tutto diventa più semplice.

Comprai il necessario  e per un anno feci birre E+G, on risultati altalenanti, accettabili in alcuni casi, e molto discutibili in altri! Poi pian piano sono migliorato.

Quali sono le tue birre preferite ?

Adoro quasi tutte le birre Belghe, in particolare le Golden Strong Ale e le Tripel, ma non sono proprio birre semplici da bere giornalmente, per cui in genere ripiego su stili meno impegnativi anche in termine alcolico. Le mie produzioni casalinghe spaziano molto dalle  Dark Mild, Helless, Altbier, vado addirittura oltreoceano con la Sparkling Ale, e qualche Americana non eccessivamente luppolata come la Cream Ale, ed ovviamente le Belghe.

.

.

 

Parlaci un po’ del tuo impianto casalingo…

Niente di particolare, attualmente faccio BIAB, ho una pentola da 40 litri con rubinetto, uso una serpentina in rame per il raffreddamento,  e un vecchio frigorifero modificato per controllare la fermentazione.
Non avendo locali dedicati o annessi all’abitazione mi sono dovuto adeguare, certo con ogni cotta porto un po di scompiglio casalingo, ma tutto sommato avviene solo per qualche ora al mese la mia dolce metà è paziente, sopporta questo disagio e poi la birra piace anche a lei, quindi questo aiuta.

 

Cambiando discorso : Calcoliamo birra è un’app molto usata, come nasce l’idea ?
I
n genere quando stilavo una ricetta utilizzavo Brewplus, a volte stampavo la ricetta, ma quando qualcosa andava storto e dovevi ritararla in corso d’opera, il foglio di carta serviva a poco.
Per esempio a volte non centravo i dati del pre-boil e dovendo ritarare i luppoli, con solo foglio di carta diventava complesso. Il laptop non è comodo in questa fase, e sicuramente un telefonino sarebbe stato meglio.
Cercai quindi tra le app per cellulari e ne trovai una, ma presto mi accorsi che faceva cose strane, e così scrissi all’autore per cercare di fargli fare alcune correzioni, il poverino si dava da fare ma  le cose che non andavano erano tante. Quindi decisi di svilupparne una io, feci una bozza e cominciai ad utilizzarla. La feci vedere a  Silvio, e anche lui si appassionò alla cosa, mi chiese di fare due o tre modifiche poichè  da li a poco gli sarebbero servite, e così pian piano insieme cominciammo ad aggiungere funzioni su funzioni. A quel punto ci accorgemmo che l’app poteva essere distribuita ad altri appassionati.
Io contattai Antonio De Feo, del forum della birra, Silvio si diede da fare sui forum AreaBirra, Birramia, Mr-Malt, e Brewing Bad, che ci hanno aiutato a fare i primi passi, altri del settore non ci hanno nemmeno risposto, magari non hanno un telefono Android.

.

.

Precisamente nel team di lavoro tu di cosa ti occupi ?

Io mi occupo esclusivamente della dello sviluppo Android (Java) e della grafica. in pratica traduco informaticamente gli input tecnici che mi vengono da parte di Silvio che è il responsabile dei calcoli tecnici veri e propri. In pratica non faccio altro che fare il lavoro che normalmente svolgo in azienda, sviluppo software, con la differenza che questa volta io sono pienamente coinvolto nell’uso, mentre in genere sviluppo software che useranno solo altre persone o altre aziende.

Come mai c’è solo per Android e non per le altre piattaforme ?
Come ti dicevo, è nato da una mia esigenza, e visto che io sono un grande sostenitore del Robottino ed uso prevalentemente quello, non potevo che svilupparlo per Android.
Sono in molti che ci chiedono lo sviluppo su altre piattaforme, in particolare IOS, ma come si sa il mondo IOS non è proprio fatto per il gratuito.

 

.

.

 

Progetti per il futuro ?

A noi piacerebbe sviluppare sia la versione IOS che la versione per PC (Win Mac Linux), ma entrambe sono legate al reperimento di fondi.
Sicuramente proseguiremo nello sviluppo dell’app Android anche se nelle nuove funzioni dobbiamo avere un occhio rivolto all’archiviazione dei dati e allo spazio richiesto per l’archiviazione degli stessi.

L’app sul telefonino è fantastica, l’abbiamo resa molto usabile (almeno credo e spero) ma stiamo parlando comunque di un’app installata su un device con risorse limitate. Per esempio noi vorremmo inserire anche la parte relativa alla cotta  e questo in termini di memoria significa archiviare n volte i dati per una stessa ricetta.
Quindi potrebbe essere necessario appoggiarci su un supporto di archiviazione esterno, tra l’altro oggi siamo un po abituati ad avere questo interscambio di dati tra PC e Mobile, avere la certezza che ciò che vedo sul pc lo ritroverò all’occorrenza sul mobile e viceversa, è di una gran comodità.

Spero tanto che questo possa avvenire anche se la difficoltà di reperire fondi è concreta, infatti con una applicazione del genere non si può neanche contare  sui proventi pubblicitari dei circuiti tipo AdMob poiché  l’app tratta come argomento la produzione di alcolici e questo ne impedisce l’iscrizione al circuito.

Siamo stati chiamati a presentare l’App in alcune scuole e associazioni, organizzeremo dei corsi per spiegare il suo utilizzo, e questo potrebbe rappresentare un inizio per reperire i fondi necessari alla realizzazione delle due versioni.

Luciano Galea
Info autore

Luciano Galea

Un Torinese vocato alla birra: sono un homebrewer che produce birre ad alta fermentazione. Nel mio piccolo sto facendo grandi passi avanti in questo mondo che mi piace sempre di più. Gestisco la mia pagina su Facebook chiamata Brasseria CIVICOquattro2 e con lo stesso nome ho creato un profilo Instagram. Collaboro con Giornale della Birra per condividere le mie esperienze e la mia passione, credendo fermamente che prima di scrivere di questa bevanda sia necessario studiare tanto, ascoltare le altrui esperienze e degustare con attenzione e moderazione!