Numero 14/2021

8 Aprile 2021

Vapori di Birra: la birra artigianale toscana dal cuore femminile!

Vapori di Birra: la birra artigianale toscana dal cuore femminile!

Tweet


Nella bellissima campagna toscana, tra i colli della Val di Cecina, c’è un luogo che viene chiamato la “Valle del Diavolo” e prende il nome da strani sbuffi di vapore che fuoriescono dal terreno. Pare che questi sbuffi, chiamati soffioni boraciferi fossero già noti all’epoca di Dante Alighieri e gli furono d’ispirazione per i paesaggi de “L’inferno”.

Ed è proprio in questo territorio, a Sasso Pisano che si trova il birrificio/brewpub Vapori di Birra, un birrificio molto particolare…ma lasciamo che ce ne parli Chiara Volpi, socio e mastro birraio.

 

Da dove è nata l’idea di Vapori di Birra?

Vapori di Birra è il primo birrificio al mondo che produce birra artigianale utilizzando come fonte primaria di energia il vapore geotermico. In un’area nota per i soffioni boraciferi – emissioni di vapore ad alta pressione e temperatura che fuoriescono da spaccature del terreno o da perforazioni artificiali – sfruttati fin dal secolo scorso per la produzione di energia elettrica, è nata la volontà di usare questa risorsa per dar vita a un progetto che unisse la passione per la birra, la nutraceutica e la filiera corta a quella per la sostenibilità, creando un prodotto di qualità che non impattasse sull’ambiente.

 

 

Quali sono le vostre peculiarità?

L’innovazione aziendale  consiste nell’utilizzo del vapore geotermico come unica  fonte energetica per la produzione brassicola, in alternativa ai tradizionali combustibili fossili o all’elettricità usati in procedimenti del genere, ottenendo  così benefici quali la  riduzione del  costo dell’energia nella misura del 30% circa, un guadagno d’immagine grazie al valore aggiunto della ecosostenibilità del prodotto e allo specifico interesse nei confronti del processo innovativo e soprattutto un risparmio di emissione di CO2  pari a  3,6Kg per ettolitro di birra prodotta, paragonato ad un processo che utilizza metano.

 

 

Chi c’è dietro a Vapori di Birra? Siete uno staff numeroso?

L’azienda è una Srl a maggioranza societaria femminile e conta 7 soci (5 dei quali lavorano nello stabilimento) ed entra subito a far parte dell’associazione “Agricoltori Custodi della Comunità del Cibo a Energie Rinnovabili della Toscana”, composta da imprenditori che hanno come priorità la sostenibilità ambientale, in collaborazione con Slow Food Toscana, Fondazione Slow Food per la Biodiversità e CoSviG.

Ci puoi parlare delle vostre birre?

Realizzata impiegando esclusivamente un procedimento che utilizza il calore naturale della terra, è una bevanda esclusiva, e di alta qualità, rifermentata in bottiglia e, per mantenere le qualità organolettiche, né filtrata né pastorizzata, secondo le tecniche della produzione artigianale.

Nel 2014 lo stabilimento inizia la produzione delle prime tre birre: “Magma”, “Sulfurea” e “Geyser”, cui successivamente si aggiunge “Thera”, un’ambrata con miele di castagno del luogo: anche nei nomi delle birre si vuole richiamare la particolarità del territorio.  Nel 2015, l’impresa avvia una collaborazione con l’Associazione Arci “La Staffetta”, attenta ai percorsi di sostenibilità e valorizzazione del territorio, dando origine all’etichetta “la staffetta a vapore” e a tre nuove tipologie di birra: la “Lokomotiv”, blanche aromatizzata con bucce di arancio, la “Ipagea”, white IPA , e l’”Accademica” una Belgian Ale. Successivamente si appoggia all’Università di Pisa per la produzione di una birra gluten free, commercializzata con l’etichetta “Libera”. Alla fine del 2017 si aggiunge la “Fiamma”, una birra aromatizzata al peperoncino.

 

 

Quali sono le attrezzature che usate per produrre birre Artigianali ed in quali quantità?

L’impianto ha una capacità di circa 700 litri a cotta con cinque serbatoi di fermentazione e maturazione, per un totale di circa 7.000 litri, con una capacità produttiva intorno ai 600 ettolitri annui. Recentemente è stata acquistata una imbottigliatrice automatica con un complesso sistema di pressioni che garantisce una migliore qualità della birra. La produzione è andata progressivamente crescendo e, dall’inizio dell’attività, è più che raddoppiata.

 

 

Il brewpub è stato ben accolto dal pubblico?

Negli ultimi tempi l’interessamento di operatori fino ad oggi concentrati esclusivamente sul vino ed alcuni chef intraprendenti hanno scoperto che l’ampio spettro di profumi e sapori delle birre può giocare un ruolo innovativo e stimolante nella cucina, sia in materia di abbinamenti sia nella costruzione di ricette originali.  Per questo motivo Vapori di birra è anche BrewPub, dove la degustazione delle birre e di altri prodotti tipici di questo angolo di terra fumante tra i Comuni di Castelnuovo Val di Cecina, Pomarance e Monterotondo Marittimo si abbina a piatti studiati appositamente e a ricette della tradizione locale arricchiti dal tocco di innovazione dato dall’utilizzo della birra, dall’antipasto al dolce.

A seguito della pandemia da Covid-19, che sta impattando molto duramente sul comparto turistico, si sono imposti cambiamenti e restrizioni alle possibilità di viaggio, di modo che  la geotermia ha offerto la possibilità di scoprire località vicine e tesori nascosti ai flussi del turismo tradizionale, e divenire centro di un nuovo turismo sostenibile: il Consiglio Europeo per l’Energia Geotermica (EGEC) ha elencato sei destinazioni proposte  per il turismoin Europa e la prima di esse è proprio la zona intorno al birrificio, meta di visite ai musei e percorso ideale per i trekking geotermici attraverso il Parco delle Fumarole, il Parco Minerario delle Colline Metallifere e quello delle Biancane, luoghi cui Legambiente e il Touring club italiano hanno appena dedicato alcuni splendidi itinerari nella guida online Vacanze italiane. Il birrificio ed il Brewpub, così, sono divenuti il naturale centro di una “vacanza “rinnovabile”, che alla bellezza dei  luoghi unisce l’attenzione per le energie più pulite ed i prodotti che ne possono derivare, come le nostre birre.

 

Maggiori informazioni: Vapori di Birra – La birra artigianale toscana

Tweet


Info autore

Alberto Spadone

Nato nel 1975 nel nord del Piemonte nella terra dei laghi. Sono un manutentore meccanico in un’industria alimentare per professione, mototurista per passione, Guzzista per vocazione, mi sono appassionato all’homebrewing nel 2019 e quasi contestualmente ho voluto creare il mio blog “Birre a due ruote” per coniugare queste passioni. Sono affascinato dal mondo delle birre artigianali e da quello che lo circonda.