Numero 01/2020

1 Gennaio 2020

Luppolo e lievito di birra: alleati per superare la pesantezza post abbuffate!

Luppolo e lievito di birra: alleati per superare la pesantezza post abbuffate!

Tweet

Tag:

Come accade sempre nel periodo delle feste, i giorni successivi alle grandi abbuffate sono caratterizzati da qualche postumo negativo: pesantezza ed acidità di stomaco, difficoltà nella digestione, scarso appetito.

Fortunatamente il lievito ed il luppolo sono ottimi alleati per sconfiggere questi problemi! Ecco alcuni consigli per impiegarli a favore della nostra salute.

.

.

 

Lievito di birra

Il lievito, oltre ad essere usato per le fermentazioni alimentari, può essere usato come integratore perché in grado di riequilibrare l’intestino, e contrastare gonfiori addominali e stipsi che provocano l’accumulo di adipe sulla circonferenza addominale. Si consiglia di assumere l’integratore alimentare di lievito di birra secco (acquistabile in farmacia, erboristeria o nei negozi specializzati) nella dose di 1-2 capsule al giorno, prima dei pasti con acqua. Un’integrazione prolungata a base di lievito di birra è bene sia sempre valutata con il proprio medico.

.

.

 

Luppolo

Il luppolo, oltre ad avere valide attività calmanti e favorenti il sonno, ha rilevanti proprietà digestive. Può essere impiegato per produrre dei semplici infusi, usando i fiori essiccati (reperibili in erboristeria). Per elizzare la tisana è sufficiente wersare 1/4 di litro d’acqua bollente su 1 cucchiaino di strobili di luppolo tritati, coprire e lasciare in infusione 10-15 minuti, poi filtrare. Si può assumere 2 -3 volte al giorno, prima dei pasti o prima di coricarsi, anche in piccole dosi.

Tweet


Info autore

Loris Fabbri

Nato a Cesena nel 1985, ho sempre vissuto in Romagna, terra che amo.

Mi sono avvicinato al mondo delle birre artigianali diversi anni fa cominciando dalle birre belghe: sono abbastanza convinto che tutto sia cominciato con una Chouffe!
Nel corso degli anni ho svolto diversi corsi di degustazione e di homebrewing (a proposito,devo riprendere in mano l’attrezzatura per migliorare i risultati passati!) che mi hanno permesso di ampliare gli orizzonti, conoscere stili e culture che mai avrei pensato esistessero.
Dal 2013 al 2016 ho unito passione e lavoro,gestendo un punto vendita inerente questo mondo; l’essere all’interno del “sistema” mi ha permesso di conoscere diverse realtà italiane, di poterne apprezzare i pregi e criticare i difetti.
Sono inoltre un appassionato di viaggi, adoro visitare nuove città e scoprire culture diverse; le capitali europee sono tra le mie mete preferite e, se possibile, non manca mai una visita ad un birrificio locale.
Stili & birre preferite: Blanche – a parer mio, una delle migliori in circolazione è italiana -, Saison e Golden ale. Anni fa apprezzavo molto le birre estremamente alcoliche e strutturate; ora invece sono orientato su gusti più morbidi e fruttati, sopratutto nel periodo estivo.

Ho accettato con entusiasmo di scrivere per Biornale della Birra, ne condivido i valori e vorrei diffondere a quante più persone possibili la cultura delle birre artigianali italiane.
Mi piacerebbe,a livello locale,poter promuovere i birrifici in sinergia sia con il territorio che con la gastronomia; per questo sono sempre aperto a idee e collaborazioni!