Numero 26/2020

24 Giugno 2020

Benvenuta “astrobirra”, la birra spaziale fatta con il luppolo lanciato in orbita

Benvenuta “astrobirra”, la birra spaziale fatta con il luppolo lanciato in orbita

Tweet


Qual è l’ingrediente essenziale per ottenere una birra davvero spaziale? Se lo devono essere chiesti quelli di Brauhaus Germering, un birrificio tedesco dalle parti di Monaco. La risposta è tanto ovvia quanto assurda: serve del luppolo che sia stato in orbita. Così è nato il progetto, in collaborazione con Hopstronautix, di selezionare dei luppoli e di spedirli nello spazio con un razzo. Quando torneranno sulla Terra, verranno usati per produrre la prima, vera birra spaziale.

 

.

.

Per poter creare l’astrobirra (declinata nelle versioni Indian Pale Ale e Imperial Stout, “nera come lo spazio”, spiega il sito di Hopstronautix) i luppoli, che sono l’ingrediente base dell’arte brassicola, verranno sparati in orbita con un razzo e torneranno sul nostro pianeta grazie a un paracadute, dopo aver sperimentato l’ebrezza dello spazio. Il lancio, se la situazione dell’emergenza Covid-19 lo renderà possibile, è previsto per l’ultima settimana di agosto.
In attesa dell’ok dalla torre di controllo, quelli di Hopstronautix e di Brauhaus Germering hanno presentato i cubi trasparenti, pieni di luppolo, che parteciperanno all’avventura stellare. Le birre che saranno ottenute usando, in parte, il luppolo spaziale saranno vendute in Europa e negli Stati Uniti. Sulla bottiglia, per ogni lotto, sarà riportata la data del lancio in orbita.

Tweet


Info autore

Redazione Giornale della Birra

La Redazione del Giornale della Birra, tra un boccale e l’altro, prepara gli articoli che vedete su queste pagine.
Inoltre, da’ spazio a tutti gli amici e visitatori del sito che ci inviano i loro contributi, indicandone gli autori. Contattaci se vuoi collaborare con noi!