Numero 52/2020

24 Dicembre 2020

Panettoni e Birra: un mix natalizio perfetto!

Panettoni e Birra: un mix natalizio perfetto!

Tweet


Se c’è una cosa che ai birrifici artigianali italiani di certo non manca è la fantasia. L’assenza di una tradizione birraria nel nostro Paese, infatti, non ha rappresentato un limite per i nostri birrai, spingendoli anzi a sperimentare e a osare con gli ingredienti più disparati possibili.
In questo periodo invernale, l’estro dei nostri birrai, oltre che nelle birre natalizie (ormai una consuetudine anche da noi) trova libero sfogo nei Panettoni alla Birra, ossia panettoni, realizzati in collaborazione con  pasticcerie o forni, che vedono l’utilizzo – nelle forme più disparate – di una birra del birrificio.
Per chi non lo sapesse il decreto ministeriale del 22 luglio 2005 (modificato nel 2017) definisce con precisione le caratteristiche e la composizione del panettone la cui denominazione è riservata ad un “prodotto dolciario da forno a pasta morbida, ottenuto per fermentazione naturale da pasta acida, di forma a base rotonda con crosta superiore screpolata e tagliata in modo caratteristico, di struttura soffice ad alveolatura allungata e aroma tipico di lievitazione a pasta acida”.
In Internet, qualora siate interessati, potete trovare l’intero testo del decreto e tutte le informazioni al riguardo, ma con questo articolo mi soffermerò su alcune delle creazioni più particolari dei birrifici artigianali italiani.
Partiamo quindi alla scoperta di alcuni panettoni alla birra realizzati nel nostro Paese e iniziamo a parlare di uno dei birrifici che un appassionato di birra artigianale degno di questo nome non puo’ non conoscere: il birrificio Barley di Maracalagonis (Sardegna). Il birraio Nicola Perra fu il primo ad ‘inaugurare’ in Italia il filone delle Italian Grape Ale (birre con mosto d’uva) con la sua BB10 e per Natala Barley propone ben tre diversi panettoni con l’uvetta fatta macerare nella birra corrispondente:
– alla BB ANNIVERSARIO, farcito di cioccolato fondente e uvetta e ricoperto di cioccolato fondente e granella di nocciole;
– alla BBEvò, farcito di crema alla nocciola e uvetta e ricoperto di cioccolato al latte e granella di nocciole;
– alla BB9, farcito di caramello salato e uvetta e ricoperto di cioccolato al latte e granella di nocciole.
Dalla Sardegna ci spostiamo in Puglia dal Birrificio Bari che per le feste ha realizzato, in collaborazione con la pasticceria Celeste Ancona, un Panettone a base di Strafika, una Fruit Ale realizzata con i Fioroni di Polignano a Mare.
Dalla Puglia ci spostiamo a Seriate, in provincia a Bergamo dai ragazzi del birrificio Otus. La Belgian Golden Strong Ale di Otus (la Winter Moon) infatti è l’ingrediente principale del panettone artigianale realizzato in collaborazione con la pasticceria Bonati.
“Winter Moon caratterizza l’impasto con i suoi profumi intensi di fiori e frutta secca e il gusto avvolgente dei toni tostati e caramellati. Un contributo determinante viene dalle noci e dai marron glacé lasciati a macerare nella birra stessa per 48 ore. Il lievito naturale e la lievitazione di oltre 40 ore lo rendono facilmente digeribile. L’alcool evapora durante la cottura.”.
 
Ora andiamo nel Lazio ed in particolare a Latina dal birrificio Eastside. Come avviene ormai da 3 anni, i ragazzi del birrificio si sono rivolti agli amici del Vapoforno Reggio di Carpineto Romano (RM), per creare un panettone da 750 gr, con impasto alla Sleazy Way Imperial Stout e gocce di cioccolato.
Torniamo ora in Lombardia e ci spostiamo in via Volturno 14 a Pavia da Nix Beer, il locale di Nicola “Nix” Grande, publican e soprattutto uno dei migliori birrai del nostro Paese.  Nicola, in collaborazione con la Locanda del Carmine, propone un panettone fatto con le materie prime della birra per l’impasto e per bagnare l’uvetta. Il malto d’orzo viene fornito da Nix ed è lo stesso usato per produrre la PhilMath (una Belgian Dark Strong Ale da 13,5%).
Questi che ho citato sono solo alcuni dei tantissimi panettoni alla birra creati dai birrifici artigianali italiani in collaborazione con pasticcerie/forni e spero che questo pezzo possa rappresentare per voi uno spunto in questo periodo di feste per ordinare il vostro preferito in attesa, speriamo presto, di poter tornare a bere la nostra bevanda preferita nelle birrerie e nei birrifici!

Tweet


Info autore

Marco Fusi

Giornalista finanziario per professione e amante della birra – di qualità – per passione. Grazie ad una cara amica sommelier qualche anno fa ho scoperto il mondo delle birre artigianali e da allora è stato un crescendo.

Ho frequentato i corsi di degustazione organizzati dal network Fermento Birra, superando con successo l’esame finale; ho anche partecipato ad un corso di un giorno sull’Home Brewing di MOBI e spero, quando avrò un po’ piu’ di tempo libero, di iniziare la produzione a casa, nel frattempo degusto birre a Milano e provincia e vado alla ricerca dei migliori festival e appuntamenti birrari lungo tutta la penisola (lavoro permettendo) sia per scoprire le ultime novità e sia per conoscere la storia e le persone che si celano dietro ogni birrificio.

Mi piace confrontarmi sulle birre che bevo – per questo cerco di partecipare a degustazioni guidate e non – e prima o poi, chissà, tenterò l’esame BJCP… seguitemi e che il luppolo sia con voi!