Numero 09/2021

6 Marzo 2021

“Birra dalla Costa”: il tradizionale birrificio Adnams 

“Birra dalla Costa”: il tradizionale birrificio Adnams 

Tweet


Tratto da La birra nel mondo, Volume I, di Antonio Mennella-Meligrana Editore

Adnams

(Adnams Brewery) Southwold/Inghilterra

Nel 1872 i fratelli George e Ernest Adnams, provenienti dal Berkshire, rilevarono la Sole Bay Brewery che produceva birre pregiate dietro la principale locanda di Southwold con la quale era collegata, Swan Hotel. Diciotto anni dopo l’azienda divenne pubblica, conservando però la domiciliazione e la proprietà da parte degli Adnams. Iniziava la produzione di una gamma di birre principalmente per il Suffolk. Nel 1902 entrarono in società, con nuovi capitali ed esperienza, i fratelli Pierse e Jack Loftus.

La rinascita dell’interesse per l’autentica ale degli anni Settanta non avrebbe potuto non premiare un birrificio rimasto caparbiamente ancorato alla tradizione; e la fama fece presto a consolidarsi anche oltre i confini dell’East Anglia.

.

.

Nel 1990, per celebrare il suo centenario come società pubblica, la Adnams Brewery fondò un ente di beneficenza, Adnams Carità: una percentuale dei profitti annuali della società sono destinati a sostenere cause meritevoli in un raggio di 25 miglia.

Nel 2007 inaugurò un nuovo stabilimento. Nel 2010 invece istituì la distilleria di Copper House per la produzione di gin, vodka e whisky.

A tutt’oggi l’azienda, che conta più di mille soci, è nelle mani delle due famiglie, con Jonathan Adnams presidente e Simon Loftus amministratore delegato. Ne fa parte anche il Swan Pub, sorto là dove esisteva un birrificio aperto nel lontanissimo 1396 da Johanna de Corby.

La produzione, che punta principalmente sulla qualità, riguarda in buona parte tradizionali birre alla spina destinate ai pub locali; e le consegne, fino al 2006 (quando cioè fu costruito un nuovo deposito di distribuzione a tre miglia dalla fabbrica) venivano eseguite con carri trainati da Percheron, i medievali cavalli da battaglia. Le ale in bottiglia invece subiscono filtraggio e pastorizzazione.

.

.

Si tratta in ogni caso di prodotti complessi, dal sapore di frutta vivo e pieno: caratteristica proveniente, non solo dall’orzo della fertile East Anglia, anche, secondo qualcuno, dall’aria della privilegiata località marina, che si affaccia sul mare del Nord. Per pubblicizzare le birre infatti è stato coniato lo slogan “Birra dalla Costa”. L’aromatizzazione è affidata a luppoli in genere inglesi e americani. Il lievito appartiene a coltivazioni proprie.

Gli 85 mila barili di birra prodotti all’anno riforniscono i propri 70 pub e più di mille altri punti vendita.

L’ampia gamma comprende: cask ale, birre ovvero condizionate in barile; birre in fusto; birre stagionali; birre in bottiglia; birre internazionali in botte, prodotte, in quantitativi limitati, in stili non britannici o con ingredienti speciali internazionali (di solito disponibili solo presso punti vendita selezionati); birre commemorative, produzioni limitate e una tantum per commemorare eventi di rilevanza locale o nazionale (disponibili, in bottiglia, per periodi limitati; in botte, presso pochi punti vendita selezionati).

American Style IPA, american IPA di colore dorato scuro (g.a. 4,8%); ale internazionale, realizzata con lievito della California, una miscela di luppoli americani e aggiunta di frumento. Con un’effervescenza moderata, la schiuma di un bianco sporco, già piuttosto scarsa, svanisce in fretta. L’olfatto si esprime con intensi e persistenti profumi floreali, di agrumi, erba, fieno, cereali. Il corpo appare di media intensità, morbido e brioso. Il gusto si snoda delicato e piacevole, animato da note di malto e di caramello, di frutta e di luppolo. Il finale amaro introduce un discreto retrolfatto con suggestioni di paglia e malto di grano.

.

.

Adnams Belgian Style Abbey Ale, birra nello stile delle abbazie belghe (g.a. 5%); prodotto internazionale, fermentato con un ceppo di lievito belga. Ha un gradevole aroma fruttato e speziato, buon corpo, palato di malto con “sapiente” dosaggio di amarore.

Adnam Broadside, english strong ale in bottiglia, di colore rosso rubino (g.a. 6,3%). Fu creata nel 1972 per celebrare il terzo centenario della feroce battaglia di Sole Bay (nella terza guerra anglo-olandese) del 1672 al largo delle coste di Southwold. La bassa effervescenza origina una spuma cremosa di lunga durata. L’aroma si libera dolce di malto, con ben distinti sentori fruttati e di caramello. Il corpo medio sostiene un denso sapore ancora di malto, però fuso con l’amaro del luppolo tra note asciutte di canapa. Al brusco finale, piuttosto astringente e secco, tiene dietro una lunga persistenza retrolfattiva dalle piacevoli suggestioni amarognole. La versione in botte (g.a. 4,7%), lanciata nei primi anni Ottanta, quando ovvero la birra in bottiglia era in declino, è molto meno robusta.

Adnams Diamond Ale, honey ale ambrata (g.a. 4,1%); per commemorare, nel 2012, il giubileo di diamante della regina Elisabetta II. Realizzata con Sovereign (nobile e delicato luppolo inglese dall’aroma leggermente floreale) e miele di provenienza locale, ha un elegante aroma floreale appunto, gradevolissimo gusto che tiene in perfetto equilibrio la dolcezza di un malto biscottato e l’amarore quasi croccante del luppolo.

Adnams Dutch Style Bokbier, birra internazionale rossa, in stile bock olandese (g.a. 5,3%). Prodotta con malti scuri, presenta un esplosivo olfatto di caramello, liquirizia e caffè; robusto, denso sapore di malto.

Adnams East Green, una carbon neutral di colore dorato chiaro: sottile profumo di luppolo erbaceo, equilibrato sapore asciutto e rinfrescante (g.a. 4,3%). Il primo tentativo di produzione di una birra ecologicamente responsabile. La bottiglia ovvero è realizzata con il 15% di vetro riciclato.

Adnams English Red Ale, red ale stagionale (g.a. 4,5%); disponibile da novembre a dicembre. Sia al naso che al palato, mostra tutta la nobiltà dei luppoli inglesi, i soli utilizzati.

Adnams Explorer, extra special bitter dorata, in bottiglia (g.a. 5%) e in botte (g.a. 4,3%). Nata nel 2004 come stagionale estiva, nel 2006 divenne birra normale. Con un’effervescenza media, la schiuma fuoriesce minuta, densa e persistente. L’olfatto, nella sua intensità elevata, si esprime con attraente finezza: leggero malto terroso, luppolo erbaceo, limone, pompelmo, scorza di agrumi, lievito. Il corpo medio presenta un’insignificante oleosità. Il gusto, perfettamente bilanciato tra cereale e amaricante, propone piacevoli note di agrumi con un delizioso tocco di caramello. Il finale apporta una ventata secca di fieno, e spalanca le porte a un lungo retrolfatto di luppolo speziato.

Adnams Extra Special Bitter, special bitter ale color rame (g.a. 4,3%); una cask stagionale, disponibile in aprile. Nel 1993 fu premiata come “migliore birra della Gran Bretagna”. I pregiati luppoli aromatici Fuggle del Kent impiegati si fanno ben notare nell’aroma floreale e resinoso, in misura più attenuata però nel gusto, secco e amaro. Il retrolfatto, nella sua discreta persistenza, esala impressioni con lieve tendenza all’amarore.

Adnams Fat Sprat, ordinary bitter ale ambrata (g.a. 3,8%); birra per l’estate in botte. L’effervescenza media produce una schiuma non così abbondante, ma cremosa e stabile. Caramello, agrumi, frutta rossa, nocciole, erba, allestiscono un attraente bouquet d’intensità elevata. Nel corpo medio, vellutato, si snoda un piacevole gusto di luppolo e di frutta a bacca rossa su solida base biscottata dalla finitura di caramello. Il finale, asciutto e frizzante, prelude a un discreto retrolfatto luppolizzato con impressioni di fieno.

Adnams Flame Runner, pale ale (g.a. 3,9%); commemorativa delle Olimpiadi di Londra del 2012 e del passaggio della torcia olimpica attraverso Southwold. Realizzata con ingredienti provenienti da tutti i continenti, si presenta pulita e rinfrescante, con aroma piccante di zenzero e sapore di malto dalle note amare di scorza d’arancia.

.

.

Adnams Ghost Ship, golden ale in bottiglia, di colore dorato scuro (g.a. 4,5%); precedentemente disponibile da maggio a ottobre, dal 2012 viene commercializzata tutto l’anno. L’effervescenza è piuttosto vivace; la spuma, sottile e cremosa, non dura più di tanto. L’aroma si libera a base di malto, luppolo, agrumi, erba. Il corpo medio sorregge un gusto di malto alquanto oleoso che, benché tenuto in stretto controllo dal luppolo, chiude la corsa tra labili sensazioni di biscotto. Il retrolfatto ha una decisa connotazione amarognola.

Adnams Gunhill, mild ale in bottiglia, di colore rubino scuro (g.a. 4%). Con una carbonazione bassa e morbida, la schiuma emerge minuta, cremosa, resistente. L’olfatto esala profumi di caramello e frutti scuri con un accenno piccante. Il corpo medio ha una consistenza asciutta. Il gusto si esprime con dominanti note dolci di miele e sentori di prugne. Il finale è avvolto in una sensazione secca di caramello, seguito a ruota da un sufficiente retrolfatto amaro.

Adnams Jester, golden ale dorata in botte (g.a. 4,8%); aromatizzata con la sola nuova varietà di luppolo britannico Jester, dai profumi di pompelmo e di frutti tropicali. E tale luppolo segna decisamente sia l’olfatto che il palato conferendo, rispettivamente, sottili note erbacee e di agrumi.

Adnams Kristal White Ale, birra di frumento dorata (g.a. 4,2%); cask stagionale, disponibile da febbraio a Pasqua. Realizzata in stile tedesco, ha le stesse caratteristiche della classica hefe weizen.

Adnams Lighthouse, traditionale cask ale (g.a. 3,4%); ispirata al faro di Southwold. Ha colore dorato, debole profumo di luppolo, denso sapore di malto con note di caramello e toffee, lungo finale luppolizzato.

Adnams May Day, golden ale dorata in botte (g.a. 5%); birra da calendimaggio, disponibile da aprile a maggio. Si propone con uno stuzzicante aroma di spezie e buccia d’arancia, sapore ricco di malto col debito dosaggio di amarore, lungo finale asciutto e pulito.

Adnams Mild, mild ale tipicamente scura (g.a. 3,2%); cask stagionale, disponibile a marzo e a maggio. Leggera e delicata, ha l’aroma di frutta secca con sentori di caffè e cioccolato, gusto dolce improntato al caramello.

New Zealand Pale Ale, pale ale bionda (g.a. 4%); birra internazionale, aromatizzata col luppolo neozelandese Nelson Sauvin. Risulta fresca, asciutta, pulita, con aroma di agrumi e delizioso sapore di uva spina.

Adnams Old Ale, winter ale marrone (g.a. 4,1%); cask, disponibile da ottobre a gennaio. Ha l’aroma caldo di malto scuro, caffè, cioccolato; corpo robusto ma vellutato; gusto segnato dal luppolo rimasto assente all’olfatto.

Adnams Oyster Stout, oyster stout (g.a. 4,3%); cask invernale, disponibile da febbraio a marzo. È una birra scurissima, dal caldo aroma di orzo torrefatto e dal robusto sapore intensamente amaro. Ovviamente, non utilizza ostriche, come tutte le oyster inglesi.

Adnams Regatta, summer ale bionda (g.a. 4,3%); cask, disponibile da maggio ad agosto. Si propone leggera e fresca, con aroma di agrumi e gusto di malto con perfetto dosaggio di amarore.

Adnams Royal Wedding Ale, honey ale ambrata (g.a. 4,1%); preparata, nel 2011, per celebrare il matrimonio del principe William con Kate Middleton. Il miele d’erica utilizzato caratterizza l’olfatto, col suo aroma floreale. Al palato, la dolcezza del malto è tenuta in equilibrio dalla “sapiente” luppolizzazione.

Adnams Sole Star, light amber ale in bottiglia, di colore ambra pallido (g.a. 2,7%). Ha un gradevole aroma floreale e di agrumi, dolce sapore di caramello con buona dose di amaro.

Adnams Southwold Bitter, tradizionale bitter inglese di colore ambrato (g.a. 4,1%); in bottiglia. L’effervescenza abbastanza vivace origina una schiuma non abbondante ma di buona aderenza. Il Fuggle utilizzato si fa ben notare all’olfatto per la finezza erbacea; ma pure l’asprezza dell’arancia intende dire la sua, ovviamente con una specifica funzione gregaria. Anche il gusto, in un corpo medio-pesante, risente il morbido luppolo del Kent, e scorre asciutto sulla sostanziosa base di malto per assumere, nel finale, una consistenza nettamente amara che si protrae nella discreta persistenza del retrolfatto.

Adnams Spiced Winter Beer, winter ale di colore marrone scuro (g.a. 4%); birra internazionale, che utilizza cannella, ginepro e altre spezie tenute gelosamente segrete. Al naso spirano intensi e pervicaci profumi di arancia, cannella e cioccolato. Il corpo appare abbastanza leggero, brioso, frizzante. Il gusto defluisce all’insegna dello speziato, tra note di malto, caramello, luppolo e agrumi.

Adnams Spindrift, golden bitter dorata, in bottiglia (g.a. 5%) e in botte (g.a. 4%). Ha l’aroma della buccia d’arancia, il sapore fresco e secco del limone e del mandarino.

Adnams Tally Ho, barley wine di colore marrone scuro, in bottiglia (g.a. 7,2%) e in botte (g.a. 7%). Creato per le festività natalizie, con la ricetta che varia di anno in anno, è disponibile solo nel mese di dicembre. Con un’effervescenza piuttosto contenuta, la schiuma fuoriesce minuta, cremosa, e di buona aderenza. L’aroma si libera penetrante e gradevolmente fruttato. Benché pieno, il corpo scorre morbido, leggero, vivace. Il piacevole sapore dolceamaro termina asciutto e pieno di calore. Dal lungo retrolfatto esalano stuzzicanti impressioni alcoliche e cordiali esaltate da un pizzico di spezie.

Adnams Topaz Gold, pallida golden ale (g.a. 4%); cask, prodotta con due varietà di luppolo australiano. Si presenta con aroma spiccatamente fruttato, corpo medio, morbido gusto dolceamaro, finale asciutto e ripulente.

Adnams Yuletide, Christmas beer di colore rubino scuro (g.a. 4,5%); disponibile da novembre a dicembre. Equilibrata all’olfatto e al palato, termina con un secco amarore impreziosito da un tocco di spezie.

Tweet


Antonio Mennella
Info autore

Antonio Mennella

Sono nato il primo gennaio 1943 a Lauro (AV) e oggi risiedo a Livorno.
Laureato in giurisprudenza, sono stato Direttore Tributario delle Dogane di Fortezza, Livorno, Pisa, Prato.
 
La scrittura è sempre stata una delle mie passioni, che è sfociata in numerose pubblicazioni di vario genere, alcune specificatamente dedicate alla birra. Gli articoli riportati sul Giornale della Birra sono tratti da La birra nel mondo, in quattro volumi, edita da Meligrana.

Pubblicazioni: 
Confessioni di un figlio dell’uomo – romanzo – 1975
San Valentino – poemetto classico – 1975
Gea – romanzo – 1980
Il fratello del ministro – commedia – 1980
Don Fabrizio Gerbino – dramma – 1980
Umane inquietudini – poesie classiche e moderne – 1982
Gigi il Testone – romanzo per ragazzi – 1982
Il figlioccio – commedia – 1982
Memoriale di uno psicopatico sessuale – romanzo per adulti – 1983
La famiglia Limone, commedia – 1983
Gli anemoni di primavera – dramma – 1983
Giocatore d’azzardo – commedia – 1984
Fiordaliso – dramma – 1984
Dizionario di ortografia e pronunzia della lingua italiana – 1989
L’Italia oggi – pronunzia corretta dei Comuni italiani e nomi dei loro abitanti – 2012
Manuale di ortografia e pronunzia della lingua italiana – in due volumi – 2014
I termini tecnico-scientifici derivati da nomi propri – 2014
I nomi comuni derivati da nomi propri – 2015
 
Pubblicazioni dedicate alla BIRRA:
La birra, 2010
Guida alla birra, 2011
Conoscere la birra, 2013
Il mondo della birra, 2016
 
La birra nel mondo, Volume I, A-B – 2016
La birra nel mondo, Volume II, C-K -2018
La birra nel mondo, Volume III, L-Q – 2019
La birra nel mondo, Volume IV, R-T – 2020
 La birra nel mondo, Volume V, U-Z– 2021
Ho collaborato, inoltre, a lungo con le riviste Degusta e Industrie delle Bevande sull’origine e la produzione della birra nel mondo.