Settimanale divulgativo, tecnico e professionale dedicato alla birra italiana
15 luglio 2015

BeerTour: Milano! Vol. 1

BeerTour: Milano! Vol. 1

Tag:, , , , ,

Milano recentemente ha iniziato ad offrire un panorama birrario di tutto rispetto. Negli ultimi anni sono sorte attività davvero interessanti che hanno contribuito ad ampliare un’offerta birraria che potevamo definire già buona. In occasione dell’esposizione universale, in corso in questi mesi, si può cogliere l’opportunità di visitare le bellezze del capoluogo meneghino e fare un tour dei migliori locali che offrono birra artigianale.

Il consiglio è quello di evitare di spendere soldi inutilmente all’interno di Expo in birre industriali travestite da artigianali che offrono poco o nulla in fatto di sensazioni ed emozioni, ma di soddisfare le proprie papille gustative nei locali del nostro tour. L’unico padiglione di Expo che offre birre di qualità è quello del Belgio.

Essendo Milano molto vasta non è possibile effettuare il nostro tour a piedi, ma vi suggeriamo di utilizzare l’efficientissima rete di trasporto della città.

Tappa 1

Il tour parte dal pub del Birrificio Lambrate che è uno dei locali storici del panorama brassicolo milanese. Il pub si trova nel quartiere di Lambrate in via Adelchi 5. Il locale è aperto dal 1996 ed insieme a Baladin e al Birrificio Italiano puó essere considerato uno dei pionieri della birra artigianale in Italia. È un classico pub inglese con l’aggiunta del calore italiano tra lo staff. Qui ovviamente potrete trovare l’intera gamma delle birre alla spina e in bottiglia del birrificio servite con la necessaria perizia che serve ad esaltare una grande birra. Se non conoscete le creazioni di questo birrificio, il consiglio è quello di provare i grandi classici come Ghisa, una smoked Porter, o Ligera un’american pale Ale. Non rimarrete delusi e vedrete che sarà dura resistere al richiamo del secondo giro. Se invece siete dei clienti affezionati del pub fatevi sedurre da qualche nuova creazione. Se siete indecisi sulla vostra scelta la ciurma del locale, guidata sapientemente da Giampaolo al bancone, vi saprà consigliare per il meglio.

.

.

Tappa 2

A questo punto dalla stazione Lambrate prendete la metro m2 direzione Cascina Gobba Abbiategrasso o Cologno Nord Assago fino alla fermata Moscova. Tornati in superficie a pochi metri dalla stazione in via Volta 13 troverete lo Scott Duff. Se pensavate di essere al centro di Milano entrando in questo locale sarete catapultati in terra d’Abruzzo! Potrete trovare le specialità culinarie abruzzesi come la porchetta, cotta pazientemente per ben 32 ore di fila, o i classici arrosticini. Il locale è informale e attaccati al soffitto potrete ammirare una moltitudine di vassoi. Le birre sono a rotazione e potrete soddisfare ampiamente ogni vostro gusto tra le tredici spine a vostra disposizone. Solitamente è possibile trovare birre dal Belgio, dalla Germania, dalla Scozia e dall’Italia tutte rigorosamente artigianali e di qualità elevata. Visto che le birre sono a rotazione non è possibile consigliarvi cosa bere, ma il suggerimento è quello di accomodarsi al bancone, ordinare arrosticini a volontà e sperimentare quale sia il miglior abbinamento possibile per questa delizia.

.

.

Tappa 3

Dirigetevi alla fermata della metro Turati e da qui prendete la metro m3 direzione Comasina San Donato fino alla fermata Lodi Tibb. Poco distante da qui, in via Friuli 46, troverete il regno delle birre acide. Benvenuti al Lambiczoon! Che dire di questo locale? Il nome dice tutto: gli amanti dell’acido potranno soddisfare ogni loro voglia. E’ possibile trovare una vastissima offerta di quello che riguarda il panorama internazionale di Lambic e sour e non solo. Infatti il pub è fornitissimo di specialità dei maggiori birrifici italiani come Ducato, Lambrate o Black Barrels e molti altri. Nella carta del menú sono presenti ben trentadue whiskey differenti e gustosi hamburger con abbinamenti talvolta azzardati che vi sorprenderanno per la loro bontà. Ovviamente se siete amanti dei pH bassi potete provare qualche Cantillon, infatti  in questo locale non è difficile trovare le birre di Jean Van Roy anche alla spina, altrimenti l’offerta delle spine a rotazione prevede anche specialità artigianali non acide.

.

.

La seconda parte del BeerTour sarà pubblicata mercoledì 22 luglio!

Andrea Gattini
Info autore

Andrea Gattini

Sono nato il 23 Novembre 1979 a Carrara (MS) e vivo da sempre ad Avenza una frazione di Carrara. Ho conseguito il diploma di maturità scientifica.

La mia passione per la birra è nata parecchi anni fa. Inizialmente con una collezione di sottobicchieri di ogni marca di birra (ad oggi ne ho più di trecento), ma per motivi di spazio sto rallentando la raccolta. Grazie al gemellaggio pluritrentennale della mia città natale con Ingolstadt in Baviera, visto che ogni fine estate viene organizzata una festa della birra in stile Oktoberfest, questa mia passione non poteva che aumentare. Negli ultimi tempi sto inziando a collezionare bottiglie vuote di birra artigianale e bicchieri da birra. Ho pinte nonic, masskrug sia in vetro che in ceramica, weizenglass, teku, coppe trappiste, tulipani e calici a chiudere.

Con il tempo ho imparato a conoscere ed apprezzare meglio questa antichissima bevanda grazie ad un corso di degustazione a cui ho partecipato. Quando mi è possibile insieme alla mia compagna di vita Francesca partecipo ad eventi Slow Food e mi diletto, ove possibile, a visitare birrifici artigianali sparsi un po’ in tutta Italia. Cerco sempre di inserire nei miei viaggi qualche meta a sfondo birrario.

Non sono un esperto che può esibire certificati, sono semplicemente uno dei tanti consumatori pieno di passione per la birra che non smette mai di imparare e scoprire nuove notizie in ambito birrario e quando può cerca di divulgare il buon bere. Amo molto la cucina e mi piace sperimentare nuovi abbinamenti gastronomici con la birra.

Non sono un homebrewer, la birra preferisco berla!

Mi piace molto leggere libri gialli o thriller, tra i miei autori preferiti ci sono Camilleri, Follet e Malvaldi. Altra vera passione è il calcio, sono tifosissimo della squadra più bella che ci sia al mondo: ovvero la Fiorentina (vi avviso, in questo campo non riesco ad essere molto sportivo). Tra gli sport mi piacciono anche il ciclismo e il basket.

Spero che possiate appassionarvi ai contributi che ho pubblicato e produrrò su giornaledellabirra.it!

Aspetto i vostri suggerimenti e anche le vostre critiche e se avete dei dubbi o curiosità su qualcosa che ho scritto non esitate a contattarti tramite mail!

Prosit!