Numero 26/2019

28 Giugno 2019

Columbus: il re di IPA e APA

Columbus: il re di IPA e APA

Tweet

Tag:

IPA ed APA sono birre che hanno conquistato gli appassionati di birre artigianali – e non solo – di tutto il mondo. Di certo, l’aromaticità intensa e luppolata, agrumata e floreale che si trova in questi stili non sarebbe la medesima senza la varietà Columbus!

Risulta essere una varietà molto produttiva, molto resistente al caldo e alla siccità, che poco si adatta alle zone con clima umido, dove aumenta la sua suscettibilità alle malattie fungine. Si tratta di un ibrido triploide degli anni ’70 ancora oggetto di discussione per questioni di brevetto, di origine americana e diffuso in coltivazione a livello globale.

 

.

.

 

Si considerano sinonimi CTZ, Tomahawk e Zeus.p.

 

Ecco le sue peculiarità compositive medie:

Alpha Acid 9,4%-12,4%
Beta Acid 3%-6,1%
Co-Humulone Composition 40%-45%
Myrcene 40%-65%
Humulene 1%-2%

Tweet


Info autore

Massimo Prandi

Un Albese cresciuto tra i tini di fermentazione di vino, birra e… non solo! Sono enologo e tecnologo alimentare, più per vocazione che per professione. Amo lavorare nelle cantine e nei birrifici, sperimentare nuove possibilità, insegnare (ad oggi sono docente al corso biennale “Mastro birraio” di Torino e docente di area tecnica presso l’IIS Umberto Primo – la celeberrima Scuola Enologica di Alba) e comunicare con passione e rigore scientifico tutto ciò che riguarda il mio lavoro. Grazie ad un po’ di gavetta e qualche delusione nella divulgazione sul web, ma soprattutto alla comune passione e dedizione di tanti amici che amano la birra, ho gettato le basi per far nascere e crescere questo portale. Non posso descrivere quante soddisfazioni mi dona! Ma non solo, sono impegnato nell’avvio di un birrificio agricolo con produzione delle materie prime (cereali e luppoli) e trasformazione completamente a filiera aziendale (maltazione compresa): presto ne sentirete parlare!