Numero 27/2020

30 Giugno 2020

Il malto di Washington: alla scoperta della malteria Skagit Valley

Il malto di Washington: alla scoperta della malteria Skagit Valley

Tweet


Di Alessio Cartoni.

La malteria Skagit Valley Malt è situata a Burlington nello stato di Washington nella parte ovest degli Stati Uniti, in cui si è insediata come vera e propria start-up della filiera brassicola. Questa malteria  è, infatti, un’azienda molto giovane, nata nel 2012 ha uno spirito innovativo, coltivando diverse varietà di orzo e producendo anche tipi di malto sperimentali. Essendo vicini a zone marittime, i responsabili aziendali specificano che tutti i malti da loro prodotti hanno un basso contenuto di proteine e peculiari caratteristiche organolettiche, perché i venti marittimi incidono sulla qualità.

.

.

 

I malti base derivano da cereali sono coltivati nelle zone circostanti l’azienda maltatrice e sono trasformati con l’innovativo sistema di maltazione a ciclo singolo, ovvero all’interno di un unico impianto in cui l’orzo completa tutte le fasi di macerazione, germinazione, essicazione e tostatura blanda. L’impianto si compone di 7 macchine maltatrici, che lavorano in parallelo, all’avanguardia per i sistemi di controllo e con rotazione controllata a velocità regolabile. Questo livello tecnologico, combinato con l’avanzato sistema di monitoraggio del processo, consente di trattare diverse varietà di orzo e altri cereali o semi e di indirizzare i risultati attraverso uno spettro di parametri tecnici, come il colore, il potere diastatico e il rapporto proteina solubile / azoto totale.

 

.

.

 

I malti base così prodotti sono più di una decina e tutti a base di orzo.

Per le varietà speciali ed innovative di malto, l’azienda si affida anche a produttori esterni, selezionati rigorosamente per le qualità delle granelle prodotte, ma anche in virtù del controllo delle fasi di coltivazione. Tra i malti particolari di Skagit Valley Malt si annoverano non solo particolari malti di orzo, ma anche di triticale e grano saraceno.

 

.

.

 

Da notare la disponibilità della malteria ad assecondare ogni richiesta de propri clienti, mettendo così a disposizione dei birrifici anche la possibilità di produzione di malti personalizzati.

 

.

.

 

Pur trattandosi di una malteria artigianale, la capacità annuale complessiva di trasformazione è stimata in oltre 15.000 tonnellate, quindi con un potenziale di soddisfare le esigenze di molti birrifici. Un modello di impresa che negli USA si sta rivelando vincente e che, forse, in futuro potrà diventare anche una realtà di innovazione del settore delle birre artigianali europee.

Tweet


Info autore

Mastro birraio ITS Agroalimentare Piemonte

Il corso biennale Mastro biennale è organizzato dalla Fondazione ITS Agroalimentare per il Piemonte. Al termine del percorso biennale di 1800 ore, 680 delle quali dedicate a esperienze lavorative in azienda, si accede all’esame di Stato per il rilascio del Diploma di tecnico Superiore, V livello EQF. Gli studenti del corso collaborano attivamente con Giornale della Birra, mettendo a disposizione dei lettori alcuni contributi elaborati durante l’esperienza formativa. Maggiori informazioni: www.agroalimentarepiemonte.it